Clicks79

Sinodo Amazzonia

Fabrizio75
1
Evangelizzare non significa imporre la propria fede ma annunciare il messaggio d'amore di Dio. Evangelizzare non è fare proselitismo perché quest'ultimo non rispetta la libertà della persona, ma la …More
Evangelizzare non significa imporre la propria fede ma annunciare il messaggio d'amore di Dio. Evangelizzare non è fare proselitismo perché quest'ultimo non rispetta la libertà della persona, ma la violenta. Rispettare il credo dell'altro è un dovere e l'evangelizzazione diventa occasione per offrire all'altro una fede che è una persona: Gesù Cristo. Papa Francesco, in Vaticano, ha adorato un idolo e nemmeno imposto ad altri di farlo. Ha permesso che le popolazioni dell'Amazzonia facessero le loro preghiere e praticassero i loro riti. Il Papa non ha mai e poi mai detto o fatto intendere che era giusto adorare le loro divinità. I missionari del passato come quelli di oggi, non hanno mai obbligato le popolazioni ad abbracciare la fede cristiana, fatta eccezione per i conquistadores. I missionari si sono adeguati alle loro usanze e credenze, senza adorarle, per poi insegnare alle persone a dare un significato diverso alle loro divinità e attraverso la nostra liturgia, davano la possibilità di apprezzare la nostra fede. Lo stesso San Paolo, evangelizzando in Grecia, trovandosi di fronte a tante statue di divinità pagane, ne vide una dedicata al dio ignoto; ebbene approfittò di questa statua per parlare di Gesù e presentare una fede nuova e senza imporla. Non capisco questo clamore della gente e le accuse infondate di idolatria nella Chiesa. Questo modo di agire è puro fanatismo religioso e soprattutto un atteggiamento farisaico che chiude le porte all'agire di Dio nella Chiesa Cattolica che appunto significa Universale.
Francesco I
Rispettare "il credo dell'altro" non significa peccare contro il primo comandamento, dunque adorare gli idoli come fa Bergoglio !
Sancte Pie V et Sancte Pie X, orate pro nobis et propter conversionem "papae"
Francisci !