Join Gloria’s Christmas Campaign. Donate now!
Clicks2K

Chivasso: bene l’idolatria, male il contestarla Belvecchio

di Belvecchio

È accaduto a Chivasso, in provincia di Torino e nella diocesi di Ivrea, che il parroco, durante la Messa nel Duomo di Santa Maria Assunta, il 27 ottobre 2019, ha negato la Comunione ad un fedele.

Questa la notizia, come riportata dal Quotidiano Canavese
www.quotidianocanavese.it/politica/chivasso-un-anz…

CHIVASSO - Un anziano fedele: «Papa Francesco è un eretico», il parroco gli nega l’ostia consacrata

28 ottobre 2019 | Le parole pronunciate dal parroco durante l’omelia nel Duomo di Santa Maria Assunta devono aver innervosito non poco un pensionato, tanto da farlo inveire contro il Papa in piena liturgia...

«Papa Francesco è un eretico!». Una voce squillante si è levata ieri durante la predica di don Davide Smiderle, lasciando tutti allibiti. A recitare la frase è stato un uomo settantenne, nel Duomo di Santa Maria Assunta di Chivasso, affollato per la Santa Messa delle 10,30. Il parroco ha proseguito senza scomporsi, fino a quando quel fedele si è presentato di fronte all’altare per farsi consegnare l’Ostia consacrata, dove don Davide gli ha negato la comunione.

Le parole pronunciate dal parroco durante l’omelia devono aver innervosito non poco il pensionato, probabilmente contrario all’apertura della Chiesa su temi quali i “preti sposati” e il “ruolo femminile”; Don Davide stava invitando i fedeli presenti a pregare per la Chiesa e per Papa Francesco, impegnato in queste settimane in un delicato confronto durante il Sinodo per l’Amazzonia.
L’aver negato l’Eucarestia ha però turbato Don Davide profondamente: in 18 anni di sacerdozio non aveva mai impedito a un fedele di ricevere l’ostia consacrata. Ha preso questa decisione perché chi contesta il Papa deve prima conciliarsi con la Chiesa, parole che ha usato anche ieri al termine della messa.

Dopo la decisione del parroco, molti fedeli gli hanno tributato un lungo applauso, partito grazie a Pietro Nolli, presidente della Sezione Bersaglieri di Chivasso. Vedendo Don Davide provato, ha spontaneamente agito col cuore: è stato un piccolo omaggio dei fedeli per dimostrare l’affetto della comunità. (F.b.)

Tale notizia, nonostante trattasi di un caso accaduto in provincia, riveste un valore emblematico circa lo stato d’animo di tanti fedeli cattolici posti di fronte al fatto compiuto dal comportamento, volutamente pubblico e pubblicizzato, di papa Bergoglio in occasione del recente Sinodo sull’Amazzonia.
Evidentemente, non ha lasciato indifferenti – e meno male – il fatto che Bergoglio abbia pregato davanti a degli idoli, insieme ai cardinali, nella Basilica di San Pietro, il 7 ottobre 2019, dopo aver presieduto allo spettacolo di adorazione idolatrica da lui voluto nei giardini vaticani, lo scorso 4 ottobre 2019.

don Davide Smiderle

Circa quanto accaduto a Chivasso, non meraviglia il comportamento del parroco, visto che ha dimostrato innanzi tutto di essere uno strenuo difensore di Bergoglio e delle sue malefatte.

Non v’è dubbio che il fedele, settantenne, ha usato un modo eclatante per esprimere la sua indignazione, del tutto giustificata, e avrebbe potuto, forse, farne a meno; ma in realtà egli non ha interrotto la celebrazione eucaristica, che sarebbe stato un atto grave e blasfemo, si è limitato a reagire durante la predica del parroco, che ha invitato tutti a sostenere Bergoglio e a pregare per lui proprio in occasione del Sinodo per l’Amazzonia.

Ci sono due punti di vista dai quali guardare questo accaduto.
Dal punto di vista strettamente canonico, la pubblica dichiarazione del fedele comporta una dichiarazione di separazione dal Papa regnante: non si può affermare pubblicamente che il Papa è eretico e pretendere nel contempo di essere in comunione con lui. Ne consegue che il parroco aveva il diritto formale di negare la Comunione ad un pubblico scismatico dichiarato.
Dal punto di vista pastorale e pratico, il fedele è stato istigato dalla predica del parroco a reagire inveendo contro un papa che ha dimostrato a più riprese e volutamente di essere un apostata e un idolatra.

Col negare la Comunione a questo fedele, il parroco ha voluto indicare a tutti i fedeli che non si può contestare il Papa pubblicamente, perché così si commette un “peccato grave”, tale da impedire la Comunione. Egli ha dato per scontato che i gravi peccati di idolatria, di blasfemia e di apostasia compiuti da Bergoglio, non sarebbero tali e li ha perfino sostenuti ed elogiati. Secondo lui, dichiarare apertamente il proprio sostegno a tali peccati e perfino invitare i fedeli a pregare a favore di chi li commette, non dovrebbe comportare alcuna reazione da parte dei fedeli cattolici.
È evidente che prima ancora di poter esprimere una valutazione sul comportamento del fedele indignato, va valutato il fatto che questo parroco dimostra di condividere pubblicamente l’idolatria e la blasfemia ed esorta perfino i fedeli a fare altrettanto.
Questo è decisamente inaccettabile, soprattutto perché il parroco abusa del suo ascendente sui fedeli e, al pari di Bergoglio, li spinge a negare la loro stessa Fede.

Dal canto suo, il comportamento dei fedeli che hanno applaudito il parroco per questa sua bravata, dimostra che il male è penetrato in profondità nell’animo degli odierni fedeli cattolici, così che il magistero di Bergoglio – perché di vero e proprio magistero si tratta, benché espresso con i gesti e i comportamenti – risulta essere tristemente e diabolicamente efficace: l’apostasia e l’idolatria praticate pubblicamente da Bergoglio stanno deviando tanti fedeli e li stanno spingendo verso la perdita della propria anima.
Se ci trovassimo in una situazione normale, avrebbero dovuto essere tutti i fedeli a protestare contro il parroco, ma ci troviamo in una situazione anormale che continua ad aggravare la crisi nella Chiesa, che Bergoglio spinge fino alle più estreme conseguenze, seguito purtroppo da cardinali, vescovi e preti che, seppure non sentono di essere apostati – almeno crediamo – di fatto lo sono e portano anche i fedeli ad esserlo.

Il parroco, noto per la sua sovraesposizione mediatica, ha anteposto ad ogni preoccupazione sacerdotale il piacere di farsi notare come sostenitore di Bergoglio, non solo imbastendo una predica sull’elogio di un papa che si compiace di praticare l’idolatria, ma compiendo in chiesa, pubblicamente, un gesto punitivo contro chi non intende condividere tale idolatria e lo esprime altrettanto pubblicamente nella medesima chiesa e in contemporanea con la predica sovversiva del parroco.
Noi non giudichiamo le intenzioni di questo parroco – ci penserà il Giudice Supremo -, ma abbiamo il dovere di condannare il suo comportamento che, oltre ad essere scandaloso per l’ostentazione, è chiaramente causa della perdita della Fede di molti fedeli, fuorviati proprio dal loro parroco.

unavox.it

Maath
Da questo emerge come non sia possibile celebrare una cum non per causa nostra ma a causa di coloro che rifiutano la fede cattolica e ci impongono prediche e atti contrari alla fede durante i sacramenti della Chiesa. Scuotiamo per ciò come ha fatto questo fedele la polvere dai nostri piedi come ci ha insegnato il vangelo, e cerchiamo un sacerdote fedele
Portiamo alle estreme conseguenze l'insegnamento di barOrgoglio e del suo fedelissimo parroco!
Propongo quindi di portare in quella chiesa tanti simulacri di pachamama, budda, shiva... baphomet e invitiamo tutti ad imitare le pagliacciate a cui abbiamo assistito durante il sabba.... ehm... volevo dire il sinodo...
Vediamo se ci dà la comunione!!!!
N.S.dellaGuardia likes this.
mjj75
..in unione con il nostro papa francesco.. (in unione??)
Ne vedremo e sentiremo di omelie protestanti, che per esempio riabilitano Giuda. Se poi assisteremo anche a qualche sacrilegio io uscirei di Chiesa. Protestare in Chiesa non serve a nulla. La vera protesta é uscire e cercarsi un sacerdote fedele a Gesù Cristo e al suo Vangelo. Poi se i fedeli appoggiano i nuovi protestanti, sappiate che ad Akita la Madonna ha detto che "la Chiesa si riempirà di …More
Ne vedremo e sentiremo di omelie protestanti, che per esempio riabilitano Giuda. Se poi assisteremo anche a qualche sacrilegio io uscirei di Chiesa. Protestare in Chiesa non serve a nulla. La vera protesta é uscire e cercarsi un sacerdote fedele a Gesù Cristo e al suo Vangelo. Poi se i fedeli appoggiano i nuovi protestanti, sappiate che ad Akita la Madonna ha detto che "la Chiesa si riempirà di gente compromessa", fate un po' voi.
Gaetano2 and one more user like this.
Gaetano2 likes this.
nolimetangere likes this.
E poi dicono che non si va in chiesa nemmeno alle feste comandate.
Dovrebbero rimuovere certi parroci prima.
E chi dovrebbe rimuoverli? Chi li ha messi lì proprio per la loro fedeltà a Moloch?
Francesco I likes this.
Allora non andare in chiesa se non si trova una chiesa con un sacerdote non modernista, non dovrebbe essere peccato.
Personalmente questo parroco si é fatto giudice. Poi dà la comunione a divorziati risposati, magari, o a coppie gay... Proprio perché Bergoglio stesso disse che l' eucarestia non é premio ma aiuto, visto che é bergogliano, ha rifiutato l' eucarestia a chi, secondo proprio …More
Allora non andare in chiesa se non si trova una chiesa con un sacerdote non modernista, non dovrebbe essere peccato.
Personalmente questo parroco si é fatto giudice. Poi dà la comunione a divorziati risposati, magari, o a coppie gay... Proprio perché Bergoglio stesso disse che l' eucarestia non é premio ma aiuto, visto che é bergogliano, ha rifiutato l' eucarestia a chi, secondo proprio Bergoglio, avrebbe bisogno di aiuto.
Non mi meraviglio, chi come me ha osato dire che in AL ci sono eresie gravi, sono stata pubblicamente messa all' indice, e direi alla porta.
Bergoglio fa suo il chi non é con me é contro di me.
Eh beh.. Marca male... Le pecore si disperdono e loro non se ne dispiacciono. Non amano chi ragiona con la testa propria.
Eppure si ha bisogno disperato di Dio e di annunzio fedele della Parola.
E invece…More
Non mi meraviglio, chi come me ha osato dire che in AL ci sono eresie gravi, sono stata pubblicamente messa all' indice, e direi alla porta.
Bergoglio fa suo il chi non é con me é contro di me.
Eh beh.. Marca male... Le pecore si disperdono e loro non se ne dispiacciono. Non amano chi ragiona con la testa propria.
Eppure si ha bisogno disperato di Dio e di annunzio fedele della Parola.
E invece fanno i comizi e non accettano appunti.
Guai a chi tocca Bergoglio!
Finirà anche questo travaglio prima o poi....
Gaetano2 and one more user like this.
Gaetano2 likes this.
Francesco I likes this.
Guarda, questa affermazione: " Dal punto di vista strettamente canonico, la pubblica dichiarazione del fedele comporta una dichiarazione di separazione dal Papa regnante: non si può affermare pubblicamente che il Papa è eretico e pretendere nel contempo di essere in comunione con lui. Ne consegue che il parroco aveva il diritto formale di negare la Comunione ad un pubblico scismatico dichiarato."…More
Guarda, questa affermazione: " Dal punto di vista strettamente canonico, la pubblica dichiarazione del fedele comporta una dichiarazione di separazione dal Papa regnante: non si può affermare pubblicamente che il Papa è eretico e pretendere nel contempo di essere in comunione con lui. Ne consegue che il parroco aveva il diritto formale di negare la Comunione ad un pubblico scismatico dichiarato." -- è erronea. Essendo che un concilio ecumenico ha denunciato un Romano Pontefice per essere debole in difendere la fede, cio che ha fatto questo laico in denunciare Bergoglio per ovvie eresie è interamente lecito secondo canone 212, infatti era un atto eroico di carità verso tutti presenti e un rimprovero ben meritato per il parroco essendo che anche lui condivide le eresie e l'apostasia di Bergoglio.
warrengrubert and 3 more users like this.
warrengrubert likes this.
Christoforus78 likes this.
Gaetano2 likes this.
nolimetangere likes this.