it.news
71K

Francesco: "Dimissioni? Non ci penso nemmeno"

Francesco ha rassicurato i vescovi brasiliani, durante la visita Ad Limina del 20 giugno, dicendo loro che le dimissioni "non gli passano per la testa" (VaticanNews.va).

Secondo Roque Paloschi, 65, arcivescovo di Porto Velho, alla domanda sulla sua salute, Francesco ha risposto: "Voglio vivere la mia missione per il tempo che Dio mi concederà, fine".

Don Lucio Nicoletto, amministratore italiano della diocesi brasiliana di Roraima, è rimasto impressionato dalla "grande forza" mostrata dal pontefice anziano.

A inizio giugno, il cardinale Rodríguez Maradiaga aveva definito le voci di dimissioni di Francesco nient'altro che "fake news" paragonandole a "una soap opera scadente".

#newsSixvulqdmu

Francesco I
Ci penserà Nostro Signore a farlo dimettere!
Laudetur Jesus Christus!
lamprotes
Ti ho capito benissimo e tu lo sai altrettanto ma ti conviene girare la frittata per illuderti che la gente crede alle castronate che scrivi. Va' a lustrare il pelo agli asini che almeno fai un'attività migliore, va' ....
Giorgio Tonini
C.V.S. lamprotes del mio commento non ha voluto capire cosa io ho scritto, ma ha voluto capire quello che lui voleva capire. Chiusa qui. Buona giornata.
lamprotes
Tonini: e chi se ne frega del tuo appoggio da etica "borghesuccia-belle-maniere"? Inferno e Paradiso, in una certa misura, si vivono già qui e chi vi si prepara lascia chiari indizi in tal senso. L'iimmensità delle persone che Bergoglio ha gettato nella sofferenza se le ritrova davanti nel giorno del giudizio particolare e in quello Generale (secondo la dottrina Cattolica che parla chiaramente, …More
Tonini: e chi se ne frega del tuo appoggio da etica "borghesuccia-belle-maniere"? Inferno e Paradiso, in una certa misura, si vivono già qui e chi vi si prepara lascia chiari indizi in tal senso. L'iimmensità delle persone che Bergoglio ha gettato nella sofferenza se le ritrova davanti nel giorno del giudizio particolare e in quello Generale (secondo la dottrina Cattolica che parla chiaramente, non secondo l'etica "borghesuccia-belle-maniere" che non vuol scandalizzare nessuno).

Di lui, allora, si potrà dire quanto il vangelo dice di Giuda: "Sarebbe stato meglio per quell'uomo se non fosse nato!".
Anche se uno fosse come lui ma non avesse la sua responsabilità è già in una situazione estremamente più leggera, ragionando per logica. Quindi non c'è alcun "co-protagonismo" o compartecipazione personale (scrivendolo in italiano!) per quanto riguarda la sorte dell'animaccia di cui sopra. In mancanza di conversione e di RIPARAZIONE degli immensi danni fatti, la sorte è una sola: l'INFERNO!
Giorgio Tonini
Concordo con il commento di Figli di Maria. Invece l’autore dell’altro commento stia attento piuttosto a se stesso: badi di non essere tirato dentro anche lui ad assistere come co-protagonista della scena da lui stesso ipotizzata. Quello che ha scritto non è cattolico.
lamprotes
Ad un certo punto Dio dirà: "Ora basta!", staccherà il pampero dalla vita presente e i demoniacci saranno là pronti a papparsi la sua animaccia! Forse all'evento sarà presente Lucifero in persona, data la solenne particolarità. Veramente una cosa da Inferno dantesco!
Figli di Maria
Ci penserà il buon Dio!