Francesco I
@Diodoro
Chesterton si sarà rivoltato nella tomba quando, nel 1966, il Montini donò l'anello piscatorio. simbolo dell'autorità papale, al "vescovo" anglicano di Canterbury, Donald Ramsey, suo sodale di loggia massonica.
Diodoro
Uno degli scrittori cattolici inglesi del secolo scorso, Chesterton se ben ricordo, disse "l'Anglicanesimo è cosa da salotto, il Cattolicesimo è per la vita".
Mi torna in mente l'insistenza di papa Benedetto sulla fede delle persone semplici, e sull'espressione "Dio Vivente",
In effetti è chiaro da secoli (da quando fu accesa la scintilla dell'Illuminismo), e tanto più nell'attuale fase di elimi…More
Uno degli scrittori cattolici inglesi del secolo scorso, Chesterton se ben ricordo, disse "l'Anglicanesimo è cosa da salotto, il Cattolicesimo è per la vita".
Mi torna in mente l'insistenza di papa Benedetto sulla fede delle persone semplici, e sull'espressione "Dio Vivente",
In effetti è chiaro da secoli (da quando fu accesa la scintilla dell'Illuminismo), e tanto più nell'attuale fase di eliminazione dell'umanità intera perché non immune dall'ammalarsi ("Visto che non è angelica e immortale, meglio farla fuori subito"), che Dio è Datore di vita -e di Vita-, perché dà ciò che possiede; mentre il Diavolo e i suoi adepti sono grandi odiatori e sterminatori delle persone viventi, in nome del Pianeta Vivente
N.S.dellaGuardia
L'unico che festeggia per lo spreco e la perdita di tante menti brillanti, ma votate alla disperazione, è quello che, unica creatura dell'universo, sa di non avere futuro, perché condannato dalla sua perenne superbia ad una vita senza speranza, senza amore.
Festeggia perché la sua unica consolazione è irretire più anime possibili perché condividano con lui la stessa disperazione, la stessa …More
L'unico che festeggia per lo spreco e la perdita di tante menti brillanti, ma votate alla disperazione, è quello che, unica creatura dell'universo, sa di non avere futuro, perché condannato dalla sua perenne superbia ad una vita senza speranza, senza amore.
Festeggia perché la sua unica consolazione è irretire più anime possibili perché condividano con lui la stessa disperazione, la stessa eterna tristezza ed angoscia: e quanti si perdono dietro alle sue maledette lusinghe!
Pensiamo alle stesse pagine di tutti questi artisti tristi, se fossero state illuminate dal sole della Grazia, che sola umile può "rischiarare quelli che stanno nelle tenebre", e che invece affidano (ed affidano) alle sole proprie forze, al solo proprio cervello in una corsa senza riposo, la disperata e folle ricerca della Verità: cercano al buio, e nel buio trovano la Morte ed il suo principe, capace solo di generare infelicità e rimorsi.
Scrivere senza seguire il soffio dello Spirito, produce mostri tipo "fratelli tutti"...
Christoforus78
Bisogna morire al mondo per rinascere, i Cristiani sono i rinati perchè seguono la Vera Via, non le false vie del mondo, illusorie e vane oggi come venti secoli fa. Gesù in quanto Dio, quale Verbo di Dio è contemporaneo di tutte le generazioni mentre le idee di progresso e di autosufficenza umana sono già vecchie e superate nel momento stesso in cui vengono formulate.