Clicks1.6K

Docente di matematica (quello della Professio fidei): alcune considerazioni su katechon e anticristo

Carissimi, mi ha scritto nuovamente lo zelante docente di matematica di Castellammare di Stabia che qualche giorno fa ha condiviso una sua accorata professione di fede (da me pubblicata sul anale signummagnum: Professione di fede di un docente di matematica... e anche la nostra!) allegando alcune interessanti riflessioni sui nostri tempi, in relazione all'ostacolo che trattiene l'apoteosi anticristica. Le offro alla vostra lettura

* * *

Volevo umilmente condividere alcune considerazioni che reputo importanti circa la questione dell'ostacolo all'anticristo e agli ultimi tempi.

Sono persuaso che come dicevi anche tu ci troviamo in un momento storico molto difficile che poi vedrà anche qualche intervento soprannaturale (vedi segreti di Medjugorie e di Garabandal) e alla fine in conseguenza di questi ci sarà per l'umanità un "grande ritorno a Dio"- e quel periodo che viene anche indicato dalla Madonna stessa come il trionfo del suo cuore immacolato.

Non sappiamo quanto poi durerà questo periodo, due secoli, tre secoli, ovviamente nessuno lo sa...poi gradualmente l'umanità tornerà ad allontanarsi da Dio e si rivivranno periodi simili a quello nostro, con la differenza che questa volta il male avanzerà sempre di più e la Chiesa si troverà a vivere una passione molto più dura di quella odierna...sono convinto che in quel periodo ci sarà l'attacco definitivo alla chiesa che riguarderà l'eucarestia cuore della chiesa e della vita cristiana...è proprio quello l'ostacolo che trattiene l'anticristo...infatti il profeta Daniele dice testualmente che l'avvenimento che precederà l'abominio della desolazione sarà "l'abolizione del quotidiano sacrificio" anzi dà anche un riferimento temporale (che potrebbe essere simbolico ma anche preciso in quanto dice che dopo 1290 giorni da tale abolizione, comparirà l'abominio della desolazione- penso l'anticristo-).

La cosa però più importante da tener presente è un'altra e cioè che Gesù stesso ci ha donato una profezia molto precisa sul periodo nel quale sarebbe stato imminente il Suo ritorno glorioso e cioè il RICONOSCIMENTO DA PARTE DEL POPOLO EBRAICO di Gesù come messia e Signore.

Infatti a ben pensarci il popolo eletto è sempre lo stesso, e loro sono l'"orologio" della storia in quanto il loro rifiuto di Cristo ha causato la Redenzione, mentre il loro Sì a Gesù porterà la parusia e la conclusione della storia umana e il ritorno di Gesù nella gloria.

Queste mie affermazioni, se non erro, sono contenute anche nel catechismo della chiesa cattolica. In conclusione quella che viviamo è un anticipo, un "assaggio" dello scatenamento finale che vedremo dal cielo perchè ci vorrà ancora molto, molto tempo; tuttavia sono convinto che anche se spesso c'è amarezza per tutto ciò che abbiamo visto in relazione al sinodo però possiamo cogliere un aspetto positivo e cioè la possibilità di rimboccarci le maniche e di darci da fare (come mirabilmente ci inviti nei tuoi video) così da poter dare testimonianza e portare la luce in un mondo che ne ha tanto bisogno.

Scusami se sono stato lungo grazie ancora per tutto ciò che fai perchè è davvero tantissimo...che Dio ti conceda sempre tanta salute e tanta energia!

Nei Tre con la Piena di Grazia,
Piergiorgio Cesario
Augustinus Aurelius and 2 more users like this.
Augustinus Aurelius likes this.
alda luisa corsini likes this.
Fatima. likes this.