Clicks28
Fatima.

Questa è la Giustizia italiana...

21 maggio alle ore 23:13 ·

La magistratura politicizzata e in generale traviata è uno dei problemi principali che ci sono in Italia.
Queste cose si sono sempre sapute, stavolta di diverso c'è anche la prova della malafede.
Agghiacciante il silenzio dei media mainstream, quando fanno campagne elettorali per mesi in appoggio dei soliti noti su degli argomenti risibili.
Se non si vuole arrivare alla violenza, bisogna che il Presidente della Repubblica, invece di fare interventi francamente imbarazzanti su argomenti ridicoli come la cosiddetta omofobia, come Capo della Magistratura, almeno in tutti i casi eclatanti di uso politico della giustizia e/o di errore giudiziario palese, almeno quelli che lo vedrebbe anche un cieco che c'è qualcosa che non va, come avviene spesso ad esempio sulla interpretazione aberrante della legittima difesa, intervenga e punisca il magistrato.
Altrimenti l'italia non può definirsi più una democrazia perché questo problema delle aberrazioni della giustizia è anticostituzionale e gigantesco.

"Ho letto i messaggini whatsapp tra il Procuratore Capo della Procura di Viterbo, tale Paolo Auriemma e il magistrato Palamara a proposito dell'accusa di sequestro di persona di massa intentata dal procuratore di Agrigento Patronaggio contro l'allora Ministro dell'Interno Salvini e mi domando una cosa: ma i magistrati per essere arrestati che devono fare? Li arrestano solo in caso di cannibalismo in pubblica piazza o manco in questo caso?

Oggettivamente - e ora abbiamo le prove - le incriminazioni di Salvini in merito alla questione migranti sono state un tentativo di colpo di stato. Non importa chi sia Salvini e che rappresenti posizioni politiche che a molti non piacciono, ciò che importa è capire che era il Ministro dell'Interno di un governo democraticamente eletto e che qualcuno stava sovvertendo la democrazia e la costituzione sfruttando la propria posizione e funzione di magistrato. Mi spiace per tutti i magistrati onesti, ma è davvero una situazione insostenibile. Tralascio anche di commentare il fatto che queste intercettazioni sono pubblicate solo su un quotidiano di centrodestra (La Verità) e completamente taciute dagli altri. Anche questo è emblematico del fatto che in Italia siamo in un regime autoritario".

Giuseppe Masala