Clicks43
Fatima.

Trova la differenze

Massimo Viglione

A Belgrado rivolta di popolo contro la decisione del governo di ripristinare il lockdown (RAInews, oggi).

Assaltati il parlamento, le ambasciate e i centri del potere, con la polizia costretta a difendere i politici con tutti i mezzi, compresi gas lacrimogeni e cariche a cavallo.

E non sono i soliti "black block" o cose similari (che tanto ovviamente stanno dalla parte del Leviatano), ma le persone normali, che non vogliono essere più rinchiuse in casa.

Un popolo che chiede libertà!

Tanto è vero che il leader della Destra Obradovic ha invitato la popolazione a convergere a Belgrado per far cadere il governo complice del Leviatano.

Da noi i leader dell'Opposizione chiedono il TSO e il carcere per chi non è d'accordo a vivere come schiavo.

Trova le differenze. (MV)

----------------------

Vogliono farci sentire in colpa di essere figli di una meravigliosa civiltà.

Vogliono farci sentire in colpa di essere liberi.

Vogliono farci sentire in colpa di essere studenti e lavoratori.

Vogliono farci sentire in colpa di essere bianchi.

Vogliono farci sentire in colpa di essere maschi o femmine.

Vogliono farci sentire in colpa di essere sani.

Vogliono farci sentire in colpa di essere vivi.

Vogliono farci sentire in colpa di non essere come loro vogliono che siamo.

Loro sono gli schiavi dei demoni e usano virus, confinamenti, droni, vaccini, App, tatuaggi quantici, TSO, robotica, 5G, eliminazione del contante, leggi liberticide, abbattimento di statue, chiese e prima o poi di persone, e quant'altro per farci diventare come loro.

Chi cede, anche un poco, scivola verso quel mondo in proporzione a quanto cede.

Ma noi resteremo civili, liberi dentro, studenti e lavoratori, bianchi, maschi o femmine, sani (per quanto possiamo), vivi (finché Dio vorrà), e mai saremo come loro vogliono che siamo.

Noi, siamo e restiamo figli di Dio.

A costo di morire mille volte.

Perché quello che ci vogliono imporre è mille volte più spaventoso della morte stessa.

La resa dei conti si avvicina. (MV)