Clicks881
it.news
1

Nunzio in Svizzera: lockdown e coronavirus aiutano il rinnovamento del vecchio rito nella Chiesa

Per il Nunzio in Svizzera, Thomas Gullickson, 69, i limiti imposti dal "Regime di Lockdown" dovuto al Covid-19 sono esagerati.

Il 18 luglio, durante una conferenza online della Società Inglese per la Messa in Latino, ha ammesso che come Nuncio, come gran parte dei Nunzi, "anche in tempi normali vivo un p' in isolamento". Così il lockdown non ha cambiato molto la sua vita.

Gullickson ha identificato il Vecchio Rito come "la forma più antica di culto Cattolico", pensando che le liturgie di Vecchio Rito trasmesse in diretta hanno fatto meglio di quelle del Novus Ordo, e ringrazia per questa esposizione inattesa a un pubblico più grande.

Un giovane prete dominicano gli ha detto che il numero di fedeli di Vecchio rito è raddoppiato da quando è ripreso il culto pubblico. Il prete ha attribuito il crescente interesse anche alle trasmissioni in diretta. Queste hanno attirato, come sempre, specialmente le famiglie di giovani.

Una volta ritiratosi, Gullickson vuole migliorare il suo latino, perché il suo latino da Legge Canonica non gli serve bene per gli inni del breviario.

Non è un mistero che Gullickson sia stanco del suo incarico e si voglia ritirare, dopo che la diocesi di Chur avrà ricevuto un nuovo vescovo. Il suo elenco di candidati è stato respinto varie volte. Un nuovo elenco con candidati anticlericali è stato compilato alle sue spalle. In esso sembra esserci il nome dell'Abate di Einsiedeln. L'elezione da parte del capitolo della cattedrale dovrebbe avvenire a fine estate.

#newsJlveyttofm

Marziale
Ma quella era un'altra Chiesa , e forse ormai anche un'altra Religione.