Clicks624

Nessun massacro: il DNA dei canaaniti sopravvive ancora

I libanesi sono i discendenti diretti della popolazione descritta dalla Bibbia. Lo studio genetico smentisce il racconto dell'annientamento perpetrato dagli israeliti.

Gerico, Cisgiordania.

Secondo il racconto biblico, dopo l'esodo dall'Egitto, gli israeliti giunsero nella terra di Canaan, nel Vicino Oriente, assediarono la città di Gerico, ne fecero crollare le mura e sterminarono completamente la sua popolazione. In seguito anche altri insediamenti canaaniti furono rasi al suolo, in un'opera di distruzione che cancellò ogni traccia della civiltà rivale.

Le tracce archeologiche di questo annientamento non sono mai state trovate. Ora uno studio ( secure.jbs.elsevierhealth.com/action/cookieAbsent n.d.r.) dimostra che i moderni libanesi sono i discendenti diretti dei canaaniti, e che il racconto biblico del loro sterminio è quantomeno esagerato.

Il popolo di Cananea è tanto affascinante quanto misterioso. Fiorì nel Mediterraneo orientale ai tempi dei faraoni e delle prime città greche, e 4000 anni fa edificò importanti insediamenti negli odierni Libano, Israele, Giordania e Siria.

Si dice che ideò il primo alfabeto, e che in seguito diede vita a quel popolo di navigatori che tutto il mondo ricorda - i fenici. Tuttavia, non ci ha lasciato documenti scritti: quello che sappiamo ci è arrivato da fonti indirette - soprattutto dai racconti dei popoli con cui si scontrò: egizi, greci e israeliti.

I ricercatori del Wellcome Trust Sanger Institute (UK) hanno prelevato DNA da 5 scheletri di canaaniti vissuti 3700 anni fa in un sito di sepoltura nella città libanese di Sidon. Hanno così scoperto che il 90% del DNA dei libanesi moderni è condiviso con quello dell'antica popolazione, che quindi non fu sterminata affatto.

Il dato è piuttosto sorprendente: la Cananea fu terra di ripetute conquiste, che evidentemente non hanno lasciato tracce evidenti nel DNA dei suoi abitanti. Il rimanente 10% è un'eredità dei popoli delle steppe asiatiche che successivamente invasero questi territori.
Marziale
“Nessun massacro: il DNA dei canaaniti sopravvive ancora”
O meglio, il massacro ci fu, ma non fu sterminio perché non poteva e non doveva essere sterminio totale, senza prigionieri, ci furono dei sopravvissuti: i Libanesi attuali. Il popolo Cananeo( ed altri) era figura del Peccato dopo che Lucifero, precipitato sulla Terra divenne Satana. I canaaniti presero Satana come loro re : il dio Moloch …More
“Nessun massacro: il DNA dei canaaniti sopravvive ancora”
O meglio, il massacro ci fu, ma non fu sterminio perché non poteva e non doveva essere sterminio totale, senza prigionieri, ci furono dei sopravvissuti: i Libanesi attuali. Il popolo Cananeo( ed altri) era figura del Peccato dopo che Lucifero, precipitato sulla Terra divenne Satana. I canaaniti presero Satana come loro re : il dio Moloch e Israele , popolo di sacerdoti e popolo santo cresciuto ed allevato direttamente da Dio, doveva massacrare il peccato e i peccatori , cioè i canaaniti. Anche i neonati, figura dei piccoli peccati, dovevano esser sfracellati contro le roccie, figura delle nuove Leggi. Ma non ci doveva esser sterminio totale perché allo sterminio totale dei peccati ci doveva pensare , poi, il Figlio incarnato: Unico che poteva rappacificare l’umanità col Creatore e l’Unico che poteva sterminare il Peccato assumendolo su di Sé. Il popolo di Israele , l'uomo, non poteva sterminare il Peccato.
In realtà , il Peccato, non è stato sterminato, come non furono giustamente sterminati tutti i canaaniti, perché il Peccato, come quelle tristi e terribili malattie che rimangono latenti e silenti nei nostri corpi, non è stato sterminato una volta per tutte, è necessario che viva, perché il Signore nostro Gesù Cristo , mediante i Sacramenti lasciatici e di cui la Chiesa è l’unica amministratrice, vuole che la nostra buona volontà ( il merito, la fatica)partecipi allo sterminio. In poche parole il Signore nostro Gesù Cristo non ci ha fatto una iniezione che dura tutta la vita e che ci permette di peccare sempre e senza conseguenze: Lui ci ha dato delle pillole da prendere giornalmente per massacrare il peccato in noi ogni santo giorno .
L'Inferno è pieno di battezzati che non seppero massacrare i canaaniti adulti: sia maschi che femmine.

Marziale
Concordo pienamente con Lei. Stamani ero arrivata alle sue conclusioni ma non ho avuto la prontezza di esporle a MassimoK perchè mi sembrava pleonastico.
quisut
Potrebbe semplicemente essere stato sterminato, come dice la Bibbia, il popolo cananeo vivente sulle terre invase dagli ebrei e non sterminato quello vivente nelle terre più a settentrione (attuale Libano).
...o essersi prodotta una migrazione di massa sotto la spinta della guerra come avviene ai nostri giorni in Libia o in Siria...
quisut likes this.
alda luisa corsini likes this.
quisut
Sì, ma se nella Bibbia è scritto che furono sterminati, sono propenso a credere che lo furono effettivamente.
Perciò gli attuali "cananiti" dovrebbero essere discendenti di quelli che non vennero a contatto con gli ebrei.
Potrebbe essere, ma non va sottovalutato che alcuni termini nell'Antico Testamento sono esagerati come nel banale "diluvio universale"e che i particolari di certi avvenimenti non vengono riportati ma sunteggiati e spesso in modo trionfalistico. Staremo a vedere, solo l'archeologia e altre discipline (evviva la scienza) ce lo potranno svelare.
quisut likes this.
Massimok
Forse Raad la fomosa prostituta che abitava sulle mure di Gerico era molto feconda dato che una una cananea a cui Gesù guari la figlia è presente nel vangelo.
Poi chissà che scheletri hanno ritrovato gli studiosi per definirlo appartenenti ai cananei. Le inventono tutte per smentire la Bibbia
Io fossi in Lei mi limiterei nell'esprimere certe osservazioni (peraltro un atto di presunzione in cui Lei ogni tanto cade, mi consenta l'osservazione). Non credo che Lei possa vantare qualche titolo accademico per sconfessare certe ricerche, e certe illazioni buttate lì "tanto per " non Le fanno onore. Si limiti a leggere se non ha prove alla mano di quanto afferma. Si raccomandano però prove …More
Io fossi in Lei mi limiterei nell'esprimere certe osservazioni (peraltro un atto di presunzione in cui Lei ogni tanto cade, mi consenta l'osservazione). Non credo che Lei possa vantare qualche titolo accademico per sconfessare certe ricerche, e certe illazioni buttate lì "tanto per " non Le fanno onore. Si limiti a leggere se non ha prove alla mano di quanto afferma. Si raccomandano però prove circostanziate. Intanto legga l'articolo citato INFRA.
Trovo, come sempre, interessanti le pagine che propone. A questa, mi permetto di osservare che ritengo si debba tenere una maggiore distinzione (del resto neppure sempre ben chiara) tra i Fenici e i Cananei. Spiego.
FENICI (2000 / ...) Noti come navigatori per eccellenza, fanno parte del gruppo dei Popoli del Mare che, a partire dal 1800 a.C.ca, dalle coste della Grecia, passano nelle isole di …More
Trovo, come sempre, interessanti le pagine che propone. A questa, mi permetto di osservare che ritengo si debba tenere una maggiore distinzione (del resto neppure sempre ben chiara) tra i Fenici e i Cananei. Spiego.
FENICI (2000 / ...) Noti come navigatori per eccellenza, fanno parte del gruppo dei Popoli del Mare che, a partire dal 1800 a.C.ca, dalle coste della Grecia, passano nelle isole di Creta e Cipro dando vita ad una fiorente civiltà, poi si insediano sulle coste del mediterraneo orientale, nell’attuale Libano e nella fascia costiera della Palestina, dove in precedenza avevano governato Egiziani e Ittiti ed ora vivevano i Cananei. L'occupazione del Libano e del prezioso legname ricavato dai celebri cedri permette uno sviluppo nella costruzione delle loro navi e delle navigazioni (col tempo, non più solo sotto costa ma anche in mare aperto). Contendono ai Sumeri il merito, l’uso e la diffusione della scrittura per la quale hanno un proprio alfabeto composto da poche lettere. La Bibbia semplifica parlando di loro come del popolo dei Cananei con il quale Israele vive in Palestina. Dalle loro città costiere (specie Biblos, Tiro e Sidone) mantengono traffici commerciali con l'Egitto, la Grecia e tutte le coste mediterranee. Per la loro natura pacifica e le attività commerciali con colonie sparse un po’ dovunque sopravvivono a lungo agli imperi e ai dominatori vari che si succedono.
CANANEI (2500/333 aC) Popolo nomade, dal Sinai risale verso la Palestina dove si insedia tra le popolazioni locali. Dalla città di Biblos (preesistente e parzialmente distrutta ma ancora attiva) mantengono legami con l’Egitto fino a quando non cade sotto l'influenza degli Ittiti. Il faraone Tutankamon li riporta nella sfera d'influenza degli egiziani lasciando loro però una propria sovranità nella forma delle città-stato. E' questa loro autonomia che al nord permette la conquista delle città cananee da par te di Giosuè e, più tardi, l'unificazione delle tribù e la formazione del Regno Davidico. AI sud invece e sulle coste sono i Filistei ad occupare le terre dei Cananei. L'opposizione della cultura-religione cananea all’insediamento della cultura-religione ebraica sarà molto forte e prolungata, costantemente e vigorosamente combattuta dai Profeti (vedi Elia sul monte Carmelo). D’altre parte va detto che numerosi aspetti della religione cananea (il dio Baal sanguinario, la prostituzione sacra maschile e femminile, i sacrifici di infanti, ecc) apparivano agli ebrei non solo gravemente contrarie alla Legge di Dio ma anche alla stessa dignità dell’uomo e alla ragione umana. Convenzionalmente si fa terminare (ma non tutti sono d'accordo) la cultura cananea con l'avvento dell'impero macedone e l’ellenizzazione della Palestina (Seleucidi).
CONCLUSIONE. Quanto scrivo è solo frutto di miei studi e letture personali (perciò miei appunti limitati), che mi propongo di confrontare o, se necessario, modificare con quanto lei riferisce, come del resto esige giustamente dal buon Massimok (che anch’io apprezzo per la bontà dei suoi interessi ma anche invito ad approfondire con lo studio). Chiedo venia per la lunghezza
alda luisa corsini likes this.
Apprezzo il suo intervento didascalico molto appropriato in questa sede ma ritengo che non debbano distinguersi in senso stretto i Fenici dai Cananei ritenendosi i primi dalla cultura archeologica ufficiale come i continuatori in termini di civiltà dei secondi nell'Età del Ferro. Questo si insegna nelle Università e questo emerge dai dati archeologici. Con buona pace dell'amico MassimoK a cui …More
Apprezzo il suo intervento didascalico molto appropriato in questa sede ma ritengo che non debbano distinguersi in senso stretto i Fenici dai Cananei ritenendosi i primi dalla cultura archeologica ufficiale come i continuatori in termini di civiltà dei secondi nell'Età del Ferro. Questo si insegna nelle Università e questo emerge dai dati archeologici. Con buona pace dell'amico MassimoK a cui sfuggono certi dati antropologici in quanto specializzato in altre discipline.
Massimok
Non presumo certamente di conoscere tali discipline, è che in generale non credo alla " scienza" la scienza vera e illuminata scopre L'impronta di Dio nella creazione e tanti veri studiosi hanno usato le S.Scritture per le loro ricerche, ma sono emarginati. Siccome notavo nell'articolo una sfumatura per mettere in dubbio la storicità della Bibbia e tenendo conto che a tali ricercatori gli erano …More
Non presumo certamente di conoscere tali discipline, è che in generale non credo alla " scienza" la scienza vera e illuminata scopre L'impronta di Dio nella creazione e tanti veri studiosi hanno usato le S.Scritture per le loro ricerche, ma sono emarginati. Siccome notavo nell'articolo una sfumatura per mettere in dubbio la storicità della Bibbia e tenendo conto che a tali ricercatori gli erano sfuggiti la cananea del vangelo per confermare le loro ipotesi senza andar a cercá il DNA, l'ho buttata su l'umorismo, probabilmente non è venuta bene perché mi ero svegliato da poco.
Trovo molto ben appropriato i commenti di @giandreoli
Francamente non ho colto l'umorismo perchè, come Lei sa bene, i commenti non hanno toni e bisogna sapersi destreggiare molto bene con la penna (anzi i tasti) per trasmettere certi stati d'animo.
Comunque è dovere dello scienziato o dello studioso cercare conferme delle fonti dirette ed indirette tramite gli strumenti scientifici che il buon Dio gli offre, perchè Fede e Ragione vanno a braccetto. …More
Francamente non ho colto l'umorismo perchè, come Lei sa bene, i commenti non hanno toni e bisogna sapersi destreggiare molto bene con la penna (anzi i tasti) per trasmettere certi stati d'animo.
Comunque è dovere dello scienziato o dello studioso cercare conferme delle fonti dirette ed indirette tramite gli strumenti scientifici che il buon Dio gli offre, perchè Fede e Ragione vanno a braccetto. Quindi ben venga la prova del DNA per confermare una presenza cananea citata nel Vangelo (che io non discuto, sia chiaro) e grazie alla quale prova si può ritenere massiccia e non sporadica tale presenza in quei territori (altrimenti ne avremmo perso le tracce nel corso dei secoli successivi).
Massimok likes this.