Clicks1K

JORGE E LA"TRAPPOLA BUONISTA"

Jorge Mario Bergoglio: è solo un problema di "Comunicazione"? La domanda più imbarazzante è come spiegare che buoni cattolici e persone eccellenti non vedano chi realmente è, e cosa realmente sta facendo Il falso papa Bergoglio.

di

Francesco Lamendola

C’è un punto che bisogna assolutamente chiarire, quando si parla di Bergoglio. Alcuni sostengono che le critiche nei suoi confronti nascono in gran parte dal fatto che le sue parole vengono male interpretate; o che vengono riportate dalla stampa in maniera tendenziosa; o, ancora, che lui stesso, parlando a braccio – il che fa spesso e volentieri, non solo nelle interviste ma anche nelle omelie e nei discorsi ufficiali - si lascia trasportare dall’entusiasmo e, nel calore dell’improvvisazione, e stante la sua imperfetta conoscenza della lingua italiana, non sempre riesce ad esprimere il suo pensiero come vorrebbe, col risultato di venir frainteso. Insomma sarebbe solo o principalmente un problema di comunicazione. Se si preparasse i discorsi e li leggesse senza scostarsene; se conoscesse meglio la lingua italiana; se la stampa fosse più obiettiva nel riportare le sue frasi, gran parte delle incomprensioni verrebbero meno e quasi tutte le critiche che gli sono mosse, sovente - dicono i suoi estimatori e difensori – in maniera prevenuta e comunque ingenerosa, non avrebbero più ragion d’essere. E non è che simili discorsi fioriscano solo sulle bocche di persone sprovvedute e inconsapevoli, né di fautori e turiferari del signore argentino, come ad esempio certi personaggi che si sono prefissati la missione, o ne hanno avuto l’incarico, di contrastare con ogni fibra del loro essere i critici di Bergoglio e perciò imperversano in rete, sui siti e sui social più critici verso di lui, allo scopo di rintuzzare, ribattere, contrattaccare ogni scritto con zelo indefettibile, passione inesausta e un ardore che non conosce stanchezza o ripensamenti.

Uno dei più grandi dispiaceri, se ci è consentita una nota personale, è stato quello di scoprire cosa pensa di lui un nostro amico carissimo, che è una persona squisita, integerrima, colta, intelligente, profondamente buona e disponibile verso gli altri, fin quasi all’eccesso. Avevamo sempre evitato l’argomento, proprio temendo di udire quel che invece, per fatalità, un giorno abbiamo udito dalla sua bocca: che Bergoglio è uno che ha compreso veramente il senso più profondo del Vangelo; con l’unica riserva, da parte del nostro amico, che sì, è vero che e non è altrettanto bravo nel trasmettere agli altri tale essenza. È stato, ripetiamo, un dolore profondo, una delusione fortissima, proprio per la rettitudine indiscussa e indiscutibile di colui che formulava tale giudizio, in nessun modo sospettabile di parlare per ragioni diverse da quelle che gli dettano la coscienza e la ragione. Ci siamo chiesti come sia possibile una cosa del genere: come sia possibile che, dopo la bellezza di otto anni, perfino dei cattolici veri, per i quali il Vangelo non è un formulario ma un libro di vita vissuta, e il cui naturale orizzonte esistenziale e morale è la bontà, o quantomeno la costante benevolenza verso il prossimo, tanto da essere costituzionalmente incapaci di far del male a qualcuno con la vera intenzione di farlo, possano poi cadere in un abbaglio tanto clamoroso, in un fraintendimento così catastrofico. E proprio in questo interrogativo abbiamo visto, e per così dire toccato con mano, ciò che di più perfido, di più malvagio, di più diabolico si cela nella persona e nell’opera di questo oscuro personaggio venuto dall’altro capo del mondo per dare il colpo finale alla Chiesa dei santi, o quanto meno alla sua parte visibile, e gettare nell’estremo sconforto, nell’estremo turbamento e nell’estrema angoscia quanti vorrebbero ripararsi sotto le ali della protezione divina e invece, credendo di udire la Parola di Cristo e di porsi sotto la vigilanza materna della Vergine Maria, aprono le porte all’antico Avversario e così, senza rendersene conto – è una cosa atroce, che fa accapponare la pelle al solo pensiero, ma purtroppo terribilmente reale – preparano le condizioni per essere traviati e trascinati nei più gravi errori morali e nelle peggiori eresie da un falso clero e una falsa chiesa. Se Bergoglio è capace d’ingannare persone eccellenti, se riesce ad esercitare un fascino su uomini infinitamente migliori di lui, allora bisogna domandarsi come ciò sia possibile, smontare il diabolico inganno pezzo per pezzo e mostrare a tutti chi si celi in realtà sotto l’abito bianco del Vicario di Cristo.

Non è stata quella, peraltro, la prima, né la sola delusione accumulata nel corso di questi mesi allucinanti, nei quali un governo di gente da nulla, ignorante e presuntuosa, ha imposto sull’Italia la più ferrea dittatura della sua storia, senza incontrare la benché minima opposizione e anzi suscitando un convinto sostegno da parte di quegli stessi cittadini che sono stati privati, da un giorno all’altro, di tutte le loro libertà fondamentali. Abbiamo visto non solo estranei, ma anche amici e parenti, anche persone delle quali avevamo e abbiamo stima, per la loro intelligenza, la loro cultura, il loro equilibrio, evitare qualsiasi contatto con il mondo esterno, barricarsi in casa, guidare la macchina o andare in bicicletta sempre con la mascherina sul viso, anche molte settimane dopo che ciò non è più imposto per decreto, mostrando così di aver creduto in pieno a tutta l’ignobile farsa e alla spregiudicata propaganda mediatica con la quale il governo, e più ancora i poteri finanziari che si muovono dietro di esso, hanno voluto sospingerci nel terrore, nella solitudine e nella totale accettazione di ciò che i media ci scodellano dalla mattina alla sera, ogni ora, ogni minuto, dal mese di febbraio fino ad oggi, e cioè che bisogna tirare un rigo sulla costituzione e su tutte le libertà da essa garantite in cambio della pura e semplice sopravvivenza, ossia di una vita ridotta a semplice condizione fisiologica, spogliata di tutto ciò che la rende amabile, nobile, degna di essere vissuta. Ciò dimostra, a nostro avviso, che è in atto un immane processo di ristrutturazione o, se si preferisce, di manipolazione, e in ultima analisi distruzione, del pensiero. Non è più vero ciò che è vero, ciò che i miei sensi e il mio elementare istinto dicono essere vero, ma ciò che la televisione, il governo, il comitato-tecnico-scientifico, il sindaco e il governatore regionale dicono essere vero; e se tutti questi soggetti dicono che il sole splende alle due di notte, o che le stelle brillano alte nel cielo alle due pomeridiane, la gente ci crede senz’altro. Laddove la categoria “gente” si è enormemente espansa, fino a includere buona parte di quelli che – sino all’altro ieri – si potevano qualificare come intellettuali, nel senso ampio della parola: quelli che lavorano di concetto, e non di un’attività manuale, sia professionisti, come medici, avvocati, notai, sia impiegati pubblici o privati, come insegnanti, commercialisti, ragionieri, ecc. E così come, sul piano economico-sociale, stanno rapidamente scomparendo i ceti medi, i piccoli imprenditori, gli artigiani, i commercianti, distrutti dalla globalizzazione e in particolare dalla concorrenza insostenibile dei gruppi multinazionali, così sul piano intellettuale scompare l’autonomia di giudizio di quelli che, fino a pochi anni fa, non bevevano senza fiatare tutto ciò che veniva dalla stampa e dalla tv, ma esercitavano un minimo di vaglio critico delle notizie.

Partiamo dall’ipotesi iniziale che avevamo formulato. È credibile che alla base della sofferenza e della confusione che Bergoglio provoca a milioni di fedeli – una minoranza, senza dubbio: ma una minoranza su un miliardo e trecento milioni di cattolici, non è una quantità del tutto trascurabile – ci sia essenzialmente un problema di comunicazione, ma che lui, a suo modo, sia perfettamente in buona fede, che sia animato da rette intenzioni? La risposta è netta, chiara, senza margini di dubbio: no, assolutamente no. Bergoglio sa benissimo quello che fa; non solo: calcola e studia ogni cosa che fa e che dice, valutandola e soppesandola fin nei minimi particolari. Se, per esempio, sceglie come interlocutore privilegiato il re dei giornalisti massoni, Eugenio Scalfari, per rivelargli apertamente il suo pensiero, sa benissimo quali saranno le conseguenze, e che uso farà il suo giornale, La Repubblica, delle sue parole. Non si potrà dire in alcun modo che le sue parole siano state distorte; al contrario: è vero che Bergoglio ha calcolato in anticipo di poter giocare su questo fattore, protestare la sua buona fede e far dire alla sua segreteria che certe frasi, ad esempio quella in cui nega l’esistenza dell’Inferno, sono state male interpretate e non rispecchiano il suo autentico pensiero. Se non voleva essere frainteso, si confidava con un giornalista cattolico, come Vittorio Messori. E poi, è credibile che il suo amico Scalfari pubblichi quelle interviste senza prima fargliene vedere il testo? La malafede di Bergoglio emerge anche da altri particolari. Ad esempio, nell’omelia in cui commentava l’episodio della donna adultera, ha detto a chiare lettere che Gesù fa un po’ lo scemo, frase che poi, nel testo ufficiale pubblicato dall’agenzia vaticana, diventa: Gesù fa il finto tonto. Tira il sasso e nasconde la mano: questo è il suo abituale modo di operare per seminare il disordine nella Chiesa. Un’altra tecnica è quella di lasciar dire le eresie più grosse agli uomini della sua corte e non riprenderli, come se non vi fosse nulla di strano. Così, non ha fiatato quando il generale dei gesuiti, Sosa Abascal, ha detto chiaro e tondo che il diavolo non esiste, che è solo un simbolo, e per soprammercato, che non si sa con certezza quel che disse Gesù, perché a quei tempi non c’erano i registratori; oppure quando il suo teologo preferito (o ex preferito, visto che ora l’ha silurato e fatto cacciare dalla Comunità di Bose come un inquilino moroso, ma non certo per ragioni dottrinali) diceva e scriveva che Gesù non è il Figlio di Dio, ma un semplice profeta che narrava Dio agli uomini, e lui zitto e mosca, come se non fosse stato suo preciso dovere intervenire. Potremmo fare decine e decine di esempi di questo tipo.

Ci resta però da rispondere alla domanda più imbarazzante: come spiegare che buoni cattolici e persone eccellenti non vedano chi realmente è e cosa realmente sta facendo il falso papa Bergoglio. Questo è il nodo della questione. Perché se a non riconoscere la sua natura maligna e le sue diaboliche intenzioni – che poi non sono le sue, ma di quelli che lo hanno messo lì, dopo aver costretto alle dimissioni il suo predecessore e aver assassinato un altro papa, Giovanni Paolo I, tanto per ricordare che giocano veramente sporco - sono i credenti della domenica, i cattolici distratti e conformisti, quelli che magari non hanno mai letto neppure il Vangelo e che si dicono cattolici solo per abitudine, ma si guardano bene dal prendere sul serio la dottrina e la morale cattolica, la cosa si potrebbe spiegare: plaudiscono un papa secondo i loro desideri. Ma se a cascare nella trappola sono anche dei cattolici sinceri e assolutamente rispettabili? Qui la cosa, evidentemente, è assai diversa. Fra le svariate spiegazioni che ci vengono alla mente, tutte peraltro insoddisfacenti, primeggia questa: i veri cattolici che Bergoglio sta prendendo in giro soffrono, e non da oggi ma da sempre, di un eccesso di buonismo. Vedono il bene dappertutto e si rifiutano di vedere il male, anche quando esso è evidente. Non vogliono prendere atto che al mondo esistono la malafede, la cattiveria, la perfidia, la menzogna, perché vogliono credere che il mondo è un luogo buono e bello, o che può diventare tale con un poco di buona volontà. E siccome Bergoglio fa vibrare sempre questa corda, continuamente, ossessivamente, loro ci cascano in pieno. Il documento di Abu Dhabi?

Uno sforzo generoso per giungere alla comprensione e alla pace fra i seguaci delle due religioni. E se qualcuno fa loro notare che la pace è in crisi non certo per opera dei cristiani, i quali, storicamente, si sono sempre e solo difesi, mentre gli islamici non riescono neanche a concepire un mondo che non sia interamente convertito ad Allah, con le buone o le cattive, essi rifiutano di crederci. E se qualcuno fa loro notare che il risultato di quel “generoso sforzo” è la trasformazione in moschea della ex basilica di Santa Sofia, loro, come del resto Bergoglio, si dicono”addolorati”, ma negano che sia stato commesso un errore, non solo politico, ma anche dottrinale, ossia negano che la dichiarazione di Abu Dhabi sia eretica. Sulla base di che? Della Nostra aetate e della Dignitatis humanae, naturalmente: cioè del Vaticano II. Altri documenti del Magistero non ne possono citare, visto che non ce ne sono. Comunque Bergoglio parla sempre di gettare ponti, d’inclusione, di accoglienza, di solidarietà, di misericordia; si fa fotografare in mezzo alla gente (o almeno si faceva; ora, in tempi di Covid, assai meno), scherza coi bambini, ride con tutti, sposa le coppie a bordo degli aerei, prende le pecore sulle spalle, fa il piacione, il simpaticone e soprattutto il bonaccione. E siccome di bontà a un tanto il chilo molti cattolici, a partire dal Concilio, hanno fatto indigestione, tutti costoro si sono scordati che nulla ha valore in sé, neppure la bontà, se disgiunto dal vero; che solo la carità nella verità è autentica, è cristiana, è umana; altrimenti si tratta della fraternità massonica, fatta di principi puramente immanenti, egoici, scaturiti da una superbia luciferina.

Ma c’è un’altra ragione, intrecciata a questa, che spiega in parte il successo di Bergoglio fra persone dalle quali ci si aspettava una maggior comprensione dell’ora presente, ed è lo scadimento del vero concetto di bontà nel quadro di una crisi complessiva della fede. Dilaga una banalizzazione del bene, frutto d’un processo di semplificazione che risale indietro nel tempo e si somma agli effetti della scomparsa della fede, o del suo drammatico indebolimento. Se a garantire il bene non è più Colui che è il Bene stesso, ma l’uomo, il quale pretende di sostituire al Bene la propria coscienza soggettiva (come disse Bergoglio a Scalfari nella prima delle famose interviste a Repubblica), è facile scambiare un falso bene per il Bene vero. Allora il dialogo fra le religioni, l’ecumenismo, il rispetto dei diritti umani, aborto ed eutanasia in primis, prendono il posto dell’amore insegnato da Gesù per Dio e il prossimo. E come si può amare veramente il prossimo, se non nel Nome di Colui che disse: Io sono via, verità e vita?

Del 25 Luglio 2020

Vai all'articolo: www.accademianuovaitalia.it/…/9324-i-problemi…
Christoforus78
Questa accade e non se ne meravigli lo scrivente perché, come ci ricorda San Paolo, non combattiamo contro esseri di carne e sangue ma contro principati e potestà, potenze invisibili capaci di penetrare in ogni dove, di approfittare di ogni debolezza, se Bergoglio, anima eletta di Dio, chiamata ad essere sacerdote ha ceduto allo spirito di inganno e si è seduto ad ammaestrare e sedurre altri, …More
Questa accade e non se ne meravigli lo scrivente perché, come ci ricorda San Paolo, non combattiamo contro esseri di carne e sangue ma contro principati e potestà, potenze invisibili capaci di penetrare in ogni dove, di approfittare di ogni debolezza, se Bergoglio, anima eletta di Dio, chiamata ad essere sacerdote ha ceduto allo spirito di inganno e si è seduto ad ammaestrare e sedurre altri, quanto più ognuno di noi è esposto a questa seduzione. Solo la retta dottrina, il Vero Magistero della Chiesa, la Santissima Eucarestia e la devozione alla Santissima Vergine possono salvarci dall'essere ingannati.
Diodoro
Solo che, caro Christoforus, qui si parla non di "peccato umano" della singola persona -in questo caso colui che si veste di Bianco-, ma di stravolgimento intenzionale della Chiesa da parte del Soglio. In altre parle: era evidente già nell'Ottocento, sotto la prima ondata massonica, che la saldezza cattolica e perciò la salvezza coincideva con l'adesione esplicita ai Tre Biancori (Papa, …More
Solo che, caro Christoforus, qui si parla non di "peccato umano" della singola persona -in questo caso colui che si veste di Bianco-, ma di stravolgimento intenzionale della Chiesa da parte del Soglio. In altre parle: era evidente già nell'Ottocento, sotto la prima ondata massonica, che la saldezza cattolica e perciò la salvezza coincideva con l'adesione esplicita ai Tre Biancori (Papa, Eucarestia, Immacolata). Oggi il Primo Biancore è saltato, e cestina continuamente gli altri Due.
Ciò è formalmente impossibile- ma avviene realmente, e sguaiatamente.
Ripeto: non ci spetta, e neppure ci interessa, giudicare o scomunicare la persona. Invece è essenziale non negare la realtà, con i suoi caratteri apocalittici (senza che ciò significhi che senz'altro il mondo è alla fine; vedremo... Siamo nelle mani di Dio)
Christoforus78
Indubbiamente un mondo è alla fine, un sistema di pensiero, uno modo di agire materialistico e orizzontale è al suo tramonto. Dalle ceneri nascerà un mondo nuovo più spirituale e trascendente, solo perché le porte degli inferi non prevarranno e dopo il calvario ed il momentaneo trionfo del male viene sempre la Resurrezione e la sconfitta della morte e del peccato.
nolimetangere
Bergoglio quando parla, parla oscuro. Pensa chiaro e parla oscuro. Segue le direttive di chi lo consiglió in tal senso. Lo ha pubblicamente ammesso lui.
Non è facile bisogna dargliene atto.
Come minimo bisogna essere dissociati. Ci ricorda il dio Giano dei romani.
Che succede quando un uomo pensa chiaro ma parla oscuro?
Che nel suo parlare, oltre agli spropositi dogmatici ed eresie dette su …More
Bergoglio quando parla, parla oscuro. Pensa chiaro e parla oscuro. Segue le direttive di chi lo consiglió in tal senso. Lo ha pubblicamente ammesso lui.
Non è facile bisogna dargliene atto.
Come minimo bisogna essere dissociati. Ci ricorda il dio Giano dei romani.
Che succede quando un uomo pensa chiaro ma parla oscuro?
Che nel suo parlare, oltre agli spropositi dogmatici ed eresie dette su base volontaria, perchè lo fa apposta e si capisce, ci sono le zone oscure.
Le zone oscure sono del maligno al pari delle eresie dette in chiaro.
A che servono?
Servono a reprimere il dissenso a cammuffare il pensiero, a dissimulare l'eresia, a non scatenare riprovazione.
Ossia se una zona oscura del suo parlare viene giustificata da una parte della platea come involontaria e attribuibile a errori di linguaggio, errori peró che non si manifestano nelle eresie chiare spiattellate in faccia ai cattolici, parimenti una parte della platea attribuirebbe l'errore di linguaggio anche all'eresia lanciata sul mondo cattolico.
Quindi zona oscura del parlare serve a minimizzare l'eresia chiara.
E c'è da dire che poi, nelle frasi oscure, ma pensate chiare, chi ascolta è portato ad illuminare ingenuamente, fanciullescamente, quella parte che non capisce perchè non esplicata correttamente, oltre che giustificata come errore di linguaggio, pur compresa secondo il proprio intelletto inserendovi nell'oscuro, parti che più gli aggradono secondo la sua personalità. Ossia non valutano il discorso oggettivamente, ma lo completano a piacimento, soggettivamente.
Questo è anche presumibile che sia fatto apposta, per frenare il dissenso, per avvelenare piano piano, senza traumatizzare troppo. Bollitura lenta di rane.
Ma la colpa non è solo di chi le cuoce le rane, è anche delle rane che si lasciano cuocere.
Riguardo a tutte le altre cose offensive dette su Gesù e la Madonna.. Ma vorrei fare un gioco: se provassimo a sostituire il nome del Soggetto con il suo, i discorsi si comprenderebbero meglio. Perchè pare proprio che dica Gesù ma parli di sè e della sua famiglia a volte. Ha cambiato solo i nomi ai personaggi della sua storia.
A me sembra che sia così, mi dà sempre di più questa sensazione.

Mi spiace solo che una persona intelligente come Scalfari chieda a costui lumi di religione. Non esiste l'inferno? Cristo non è Dio? Ma Scalfari vuol forse lasciarsi trascinare in queste eresie??
Meglio non credere che credere male. Venisse su Gloria.Tv se vuol capirci qualcosa.

Francamente, considerando quanto orrendo e malvagio e terribile e mostruoso e brace e fiamme ardenti ed èterne sia l'inferno, qualunque cosa facciano certi uomini, preferiamo centomila volte che si pentano e giungano nella gioia senza fine assieme a tutti i figli di Dio.
Davvero tutti. Tutti assieme tutti ripuliti, tutti convertiti tutti degni di essere figli del Sommo Padre Nostro.
Francesco I
Mi dispiace, ma dissento da te: non credo che egli "pensi chiaro"! Sono invece d'accordo quando dici ;"Parla oscuro" !
nolimetangere
Pensa chiaro secondo lui. Non secondo noi. Non siamo noi che pensiamo. Quindi poichè lo ha ammesso, lui non dice mai completamente il suo pensiero. Che poi il suo pensiero espresso non solo non è allineato con quello inespresso ma è fuori compketamente, lo sappiamo.. Lo si capisce che tanto tanto bene non sta.. E si vede e si sente.. Ti sto dicendo che è furbo. Che fa un gioco perverso con le …More
Pensa chiaro secondo lui. Non secondo noi. Non siamo noi che pensiamo. Quindi poichè lo ha ammesso, lui non dice mai completamente il suo pensiero. Che poi il suo pensiero espresso non solo non è allineato con quello inespresso ma è fuori compketamente, lo sappiamo.. Lo si capisce che tanto tanto bene non sta.. E si vede e si sente.. Ti sto dicendo che è furbo. Che fa un gioco perverso con le parole. Quando pensa chiaro secondo lui, pensa a come demolire la chiesa e a non farsi accusare da tutti.
fidelis eternis
"Quando pensa chiaro secondo lui, pensa a come demolire la chiesa e a non farsi accusare da tutti.": un essere simile non può venire da Dio, non può essere in comunione con Lui, e sappiamo bene che Gesù ha detto "Chi non è con Me è contro di Me", inutile aggiungere altro, se non di diffidare di lui, rifuggirlo, non guardarlo (come fosse il Basilisco), non ascoltarlo; quanto detto per lui vale …More
"Quando pensa chiaro secondo lui, pensa a come demolire la chiesa e a non farsi accusare da tutti.": un essere simile non può venire da Dio, non può essere in comunione con Lui, e sappiamo bene che Gesù ha detto "Chi non è con Me è contro di Me", inutile aggiungere altro, se non di diffidare di lui, rifuggirlo, non guardarlo (come fosse il Basilisco), non ascoltarlo; quanto detto per lui vale anche per tutto il suo circo Barnum, abilmente cooptato da lui stesso, tutti da mettere al bando, da evitare come la peste. Una congrega di posseduti, ecco la "chiesa" di Bergoglio, la vera Chiesa di Cristo è nella diaspora, il piccolo resto perseguitato e nascosto, di cui mons. Viganò è l'emblema vivente. Dio lo salvi e gli conceda la vittoria, assieme a Trump, Putin, Orban, Dune e tutti coloro che resistono in faccia a questi servi del demonio.