Clicks58
zagormau
La chiamata ad essere vittima del Sole Eucaristico Ad ogni anima che si è offerta come vittima del Sole Eucaristico, Gesù rivolge queste parole: "Nelle anime che si sono offerte "vittime d'amore", …More
La chiamata ad essere vittima del Sole Eucaristico

Ad ogni anima che si è offerta come vittima del Sole Eucaristico, Gesù rivolge queste parole:

"Nelle anime che si sono offerte "vittime d'amore", all'Amore Eucaristico, Io compio in loro il Mio Volere, perché possano con Me supplire al tanto male che esiste sulla terra. La causa la sapete: è sempre il peccato e la non adesione a compiere il doveroso rispetto delle Tavole della Legge Sacra".

Ero andata a letto e stavo leggendo un commento che dava spiegazioni sulla vita di Martha Robin e Luisa Piccarreta, ma non avevo finito di leggere che mi appisolai con i fogli in mano. Ma fu per un attimo, perché subito mi destò un venticello fresco che passava sopra al mio viso, e sento:

"Sono Luisa Piccarreta!
Sono la piccola figlia del Divino Volere e a te parlai ancora, ora io sono accorsa a te mentre leggevi della mia vita. Non per caso tu leggesti ora quella pagina, ma perché anche Marta è bene che tu riconosca come figlia di Dio, che compie la Volontà del Cielo; Volontà Divina che la spinse a donarsi totalmente. Ora, mia cara sorella, anche tu sei terziaria francescana proprio come lei.
La tenebra non ti fa paura, perché di notte c’è chi veglia mentre chiudi gli occhi. Offriti senza paura vittima dell'Amore Eucaristico e Gesù opererà pure in te cose grandi. Resta la piccola serva inutile e nascosta nel segreto del Re, e rimani sempre pronta a ripetere
il Fiat della Redenzione,
il Fiat della Passione,
il Fiat al Suo Amore.
Anima Vittima” è bello: perché pregusti il gaudio che un dì potrai sentire in Cielo.
Ti voglio bene, perché quel poco che hai letto, l'hai ben recepito e grandi passi hai fatto nel Divino Volere. Grazie, che le parole scritte, per te hanno fruttificato bene nella tua vita.
Prega perché altri seguano questo modo di vivere e non si fermino alla paura di non esserne capaci. Facciano una prova già dal mattino dicendogli: "Eccomi, Signore, aiutami perché da oggi sempre più desidero mettere la mia vita nelle Tue mani, per poter con Te compiere ogni mio atto che sia conforme alla Tua Santa e Divina Volontà. Amen ".
Ci provino, e grande pace entrerà in loro!
Ti saluto e ti ringrazio per avermi ascoltata. Sono Luisa, la piccola figlia del Divino Volere, che a te è accorsa per infiggere parola vera nel cuore, perché la fede forte possa in te essere paladina e confortatrice nelle dure prove che verranno tra breve.
Siamo tutti in allarme, tutti pronti a dare soccorso, ma la storia deve avere il suo corso prestabilito dal Padre Iddio.
Ti riscriverò nel cuore, e altre volte porterò messaggio d'amore.
Santo, Santo, Santo, tre volte Santo il nome di nostro Signore Gesù.
Così sia. Amen".

Come non meravigliarsi quando il Cielo scende in terra per comunicare con noi!
Sono comunicazioni celestiali che danno conforto e ci invitano a proseguire senza timore, convincendo sempre più che fare la volontà del Cielo è bello anche come Anima Vittima, come lo fu per prima Luisa.
Il “Si” alla Divina Volontà deve continuare anche quando sfiduciati ci assale la stanchezza e sentiamo aridità nel cuore.
"Gesù, come posso donarti amore se non sono in grado di portare avanti quello che Voi mi chiedete!
Mi sento vuota e inutile, come posso ora essere di conforto a Te, mio Signore! Dal mio cuore posso trasmetterti il mio abbandono alla Tua Volontà Divina, e solo attraverso di essa potrai sentire quanto Ti amo, Gesù, quanto sono felice quando Ti ricevo nell'Eucaristia. Quanto vorrei sentirTi, e senza parole trasmettere a Te l'amore che sento, l'abbandono che cerco, l'unione che desidero!
Vegliare di notte mi è difficile, ma mi auguro che Tu possa accettare anche quelle piccole frasi che Ti dedico quando passo davanti a una Tua immagine: “Ciao, Gesù!”, Ti mando un bacio e Ti dico: "Ti voglio tanto bene!". Ecco, queste cose mi sono spontanee e sono sincere, accettale mio Signore Gesù! Vuoi forse che io ti ripeta ancora: "Eccomi, Gesù, vittima, d'Amore per Te voglio essere?".


"Si, tesoro mio, questa frase supera tutte le altre che tu possa dire. Vieni con Me nel mio cuore, ama, gioisci e combatti l'ostilità dei miei figli, e tuoi fratelli, assieme a Me, tuo Gesù. "Vittima d'Amore": quale atto più sublime potrei desiderare, quale altra parola può contenere un così grande fiat! Donami tutto di te, e opereremo sempre assieme, la Mia Volontà agirà in te e sempre saprai che sola non sei.
Sei con Me nell'infinito progetto di salvezza, che il Padre ha progettato per tutti i fratelli del mondo e quando tutto si sarà evoluto e finito sarà il tempo della terribile prova, vedrai quanto il tuo cuore ne gioirà, anima mia.
Grazie, grazie infinite per l'amore che mi sai dimostrare anche se ti trovi nell'aridità del cuore. Amen".

A questo messaggio devo premettere un sogno che avevo fatto. Ero entrata in una stanza semibuia, che poteva essere la sacrestia di una vecchia chiesa. Arrivò alla mia destra un frate, viso ovale, con barba bianca e folta, mi si avvicinò sorridente, si fermò di fronte a me, mi parlò guardandomi negli occhi come per essere più convincente, e mi disse:

"Devi guardare, cercare dentro di te".

Mi svegliai e preso contatto con la realtà riconobbi in quel frate il Santo Libanese San Charbel. La raccomandazione che mi fece era di esaminarmi in profondità, cercare la forza dentro me.
Ma alla sera, come non trasalire di gioia per una comunicazione così bella e inaspettata che mi veniva proprio da quel Santo!

"Sono il santo San Charbel e vengo a rassicurarti che nel sogno ero proprio io che ti spronai a farti coraggio, perché tu puoi essere operatrice di prodigi, come già in passato il Padre Celeste ti ebbe a dire.
Solo che se tu fossi nel tuo essere figlia perfetta, potresti anche essere più consapevole delle tue potenzialità, che il Signore attraverso la tua persona elargisce a chi ti chiede aiuto: molto di più tu potresti ottenere a beneficio delle anime.
Sei strumento d'amore e come ogni altro essere umano può operare nell'amore, perché con sé c’è Dio Amore che opera.
Tu, figlia cara, saresti perfetta apostola del mio Signore Gesù Cristo, perché ogni figlio che Lui, nostro Re, benedice a "profeta", è altresì apostolo, taumaturgo e psichiatra come nessun altro lo possa essere nonostante i suoi numerosi studi di psicologia.
Inoltre, il conoscere "l'abbandono divino" al Volere Supremo, non ci sono ostacoli di sorta, e anche le più piccole opere sono grandiose se fatte in concordanza filiale con il Padreterno, nostro Maestro e Guida di ogni cristiano, che sia confacente al diritto di tale nomina dopo aver osservato i Suoi Comandamenti istituiti per la miglior vita che ogni essere deve seguire qui sulla terra. Ogni vivente riempie le sue giornate in tante stupide attitudini e pochi sono coloro che seguono con rettitudine l'insegnamento del Maestro nostro".