Clicks12.2K
Tempi di Maria
21

"Le mie relazioni con le anime del Purgatorio", messaggi dall'Aldilà – Maria Simma

Maria Simma era una semplice contadina austriaca di religione cattolica, che dall'età di 25 anni veniva visitata dalle anime del Purgatorio che le chiedevano preghiere e sacrifici per porre fine alle loro sofferenze. Il carisma straordinario che Dio le ha concesso, non l'ha inorgoglita e durante tutta la sua vita è rimasta una persona umile che si è sacrificata per le anime dei defunti.
Meditando le rivelazioni che Maria Simma ha ricevuto e testimoniato, dovremmo cercare di modificare la nostra vita, evitando tutti quei comportamenti, modi di dire e di fare che tanto dispiacciono a Dio e che potrebbero impedire la nostra salvezza.


DALLE TESTIMONIANZE SCRITTE DELLA MISTICA AUSTRIACA MARIA SIMMA.

E' possibile leggere la testimonianza intregrale della Simma QUI, accompagnata dal rapporto del padre Alfonso Matt, curato di Sonntag.
E' vivamente raccomandato dare una lettura anche al capitolo "Successive testimonianze di Maria Simma" in cui tratta di tematiche molto interessanti.
Le sue relazioni evidenziano con estrema chiarezza cattolicità di idee e, di conseguenza, la bontà delle rivelazioni di cui è beneficiaria.
Un esempio riguarda la quesitone della COMUNIONE SULLE MANI.
Ecco cosa le fu rivelato a riguardo:

«L'anima di un sacerdote venne da me e mi disse di pregare per lui, perché doveva soffrire molto. Di più non poté dire; poi sparì. Un'altra anima del purgatorio mi spiegò in seguito:
"Egli deve soffrire molto, poiché ha seguito l'uso di distribuire la Comunione nelle mani dei fedeli e perché ha fatto rimuovere i banchi che servwa no per ricevere la Comunione in ginocchio. Si potrebbe aiutarlo rimettendo i banchi al loro posto, là dove egli li fece togliere, ed esortando coloro che furono abituati da lui a ricevere la Comunione nelle mani a non far più così!"
Parlai con il decano del posto, che ebbe molta comprensione. Disse:
"Non sono stato io ad introdurre l'uso della Comunione in mano. Per quanto riguarda i banchi, posso tentare di soddisfare questo desiderio, ma devo lasciare che decidano i sacerdoti del luogo".
Parecchie volte venne l'anima di un altro sacerdote, lamentandosi che soffriva moltissimo, poiché aveva rimosso i banchi in chiesa, costringendo il popolo a ricevere la Comunione in piedi. Da ciò si capisce che qualcosa qui non funziona. E' vero: il Papa ha permesso di ricevere la Comunione anche in piedi. Chi però desidera inginocchiarsi, deve avere la possibilità di farlo. Così vuole il Papa, e noi possiamo pretendere ciò da ogni sacerdote. Se un sacerdote, o un vescovo, sapessero qual è la loro grande responsabilità nell'introdurre l'uso della Comunione in mano, non lo farebbero certamente, e non lo permetterebbero».

Riguardo, invece, agli insegamenti della Chiesa codificati nei Catechiesimi tradizionali e da sempre utilizzati per l'istruzione del popolo di Dio, la mistica Maria Simma dice queste impressionanti parole:

«Ora devo parlare di un argomento che è molto attuale. E' chiaro che oggi i tempi sono cambiati: noi viviamo in un mondo moderno. Ma i comandamenti di Dio non si possono modernizzare. I comandamenti di Dio fanno ancora parte dell'insegnamento religioso. Si metta da parte il "Catechismo olandese", che mette in dubbio alcune importanti verità di fede, o le passa sotto silenzio. Tornate al catechismo tradizionale, come fanno in Svizzera, dove si stampano di nuovo migliaia di vecchi catechismi, affinché i bambini possano essere istruiti convenientemente. Se il sacerdote o i catechisti non lo fanno più, allora lo facciano i genitori».


Non si respira aria cattolica a pieni polmoni?...
A me sembra proprio di si.
A questo punto, se avete tempo e desiderio, accostatevi direttamente alle relazioni sulle anime del Purgatorio di Maria Simma da cui riceverete senz'altro grande beneficio spirituale.

............

LE MIE RELAZIONI CON LE ANIME DEL PURGATORIO
di Maria Simma
PS_per rendere più rapida la lettura ho evidenziato in grassetto le parti che mi sono sembrate di maggior rilievo


Perché Dio lo permette?

Molta gente si domanda: "è possibile che Dio permetta ai morti di apparire ai vivi?" Ammettendo che tutto sia possibile alla sua Bontà, perché Dio permette delle cose così straordinarie? Non è certamente per soddisfare la nostra curiosità: se per la misericordia di Dio si producono dei fatti fuori dall'ordinario, essi sono tuttavia conformi al piano divino della salvezza. Questo è il punto di vista nel quale ci si deve mettere per farsi un giudizio e per avere un vantaggio spirituale. Questi fatti sono di grande consolazione per i defunti, perché permettono loro di essere liberati dalle sofferenze, e spronano i vivi a pregare maggiormente per le anime del purgatorio ed a distaccarsi da tutto ciò che è terreno. Il grande pericolo di oggi è che le cose vanno materialmente troppo bene. Noi dobbiamo vegliare e preoccuparci maggiormente della vita eterna, poiché essa dura sempre. Non attacchiamo il nostro cuore a ciò che è temporale: di tutto ciò che passa noi non potremo mai portar via nulla. Proprietà, affari, belle case, tutto ciò passa e più presto di quello che pensiamo: noi potremo portar via solo le nostre buone opere. E' evidente che abbiamo bisogno dei beni terreni per vivere, ma si tratta di non attaccarvi il nostro cuore: ecco il problema. Questo è il senso e lo scopo delle apparizioni delle anime del purgatorio, come di tutte le altre rivelazioni private. E' il solo motivo per cui Dio permette tali contatti soprannaturali: il buon Dio misericordioso si degna di darci la sua benedizione e la sua grazia per poterne trarre profitto. L'anima a cui Dio vuol dare una grazia particolare possiede già dalla nascita questa grazia, ma non è raro che essa sia accordata più tardi. Le vie del Signore sono ammirevoli, insondabili. Un gran peccatore può diventare un gran santo, come prova sant'Agostino. Saulo è diventato san Paolo, e tutto ad un tratto.

Prudenza riguardo alle rivelazioni private

Spesso non si riesce a capire la grande riservatezza che la Chiesa Cattolica usa riguardo alle rivelazioni private. Essa ha le sue ragioni, ed è un bene, poiché è la guardiana della verità; è meglio non riconoscere come autentici dieci casi veri che riconoscerne uno solo non vero. Ma quando i fatti concordano pienamente con l'insegnamento di Cristo, la Chiesa non può rigettarli, anche nel caso in cui non fossero stati ancora oggetto di un esame teologico approfondito.

Un vescovo, monsignor Bruno Wechner, mi convocò per dirmi: "Io dubito che sia volontà di Dio che s'interroghino le anime del purgatorio per altri defunti". Io gli risposi: "Ho domandato un giorno ad un 'anima: «Come potete darmi dei consigli sulle anime sul cui conto v'interrogo?» Essa mi diede questa risposta: «Noi lo sappiamo da Maria, Madre della Misericordia». Il vescovo allora fu del parere che non ci si poteva immischiare in questi fatti dato che fra cielo e terra ci sono delle cose che non sono state ancora capite dal punto di vista teologico, e che tuttavia esistono. Finalmente dichiarò che non dovevo assolutamente aspettarmi di vedere riconosciuto il caso come autentico, che la Chiesa non avrebbe mai potuto farlo fintantoché la mia persona era in vita, e che la Chiesa era così severa (noi dobbiamo ben riconoscerlo) perché anche una persona favorita da grazie straordinarie poteva diventare infedele alla grazia e che nulla era al riparo dal nemico. Perciò una tale anima doveva avere una buona guida spirituale come protezione contro gli inganni del demonio.

E' necessario conoscere questi fatti? E meglio tacerli?

"Perché le anime del purgatorio si indirizzano a lei?" Ecco una domanda che mi si rivolge di frequente. Non è sicuramente a causa della mia devozione: ci sono delle persone più pie di me. E tuttavia le anime non si indirizzano a loro. I fenomeni soprannaturali non sono dei «termometri di santità»: la pietra di paragone della perfezione resta la carità disinteressata: soffrire per gli altri per amore, ad imitazione di Cristo. Non potremo trascorrere la nostra vita terrena senza croci né sofferenze. Un'anima del purgatorio disse un giorno: "Ciò che ha più efficacia è la sofferenza quando è sopportata con grande pazienza e quando si depone come offerta fra le mani della Madre di Dio, affinché Ella l'utilizzi per chi vuole, dove sarà meglio e pià necessariamente utilizzata". E' evidentemente più facile esortare una persona che soffre a farlo con pazienza, che soffrire noi stessi con coraggio. Io so cosa significhi soffrire, ma è appunto perché la sofferenza è penosa che il suo valore è così grande. Non saprei dire esattamente perché le anime del purgatorio si indirizzino a me. Certamente esse possono indirizzarsi ad altre persone. Nel Voralberg ho conosciuto due persone, attualmente decedute, a cui si indirizzavano. Oggidì, evidentemente, ci sono ancora molte persone che le anime vengono a sollecitare, ma sono conosciute da pochissimi. La loro missione è diversa dalla mia. Sarebbe ben più facile, lo so, tenere queste cose nascoste al pubblico poiché si va incontro a tante incomprensioni e al disprezzo, sovente anche da parte dei preti. Molti preti sono dei sapienti che vogliono capire ogni cosa. Ma le vie del Signore non si lasciano sondare così: è necessaria una grande umiltà; ciò che manca spesso ai nostri giorni.

Volevo entrare in convento

Fin dall'infanzia ho capito che Dio mi domandava un sacrificio tutto speciale. Da quando andavo a scuola, volevo sapere quale fosse questo sacrificio. Dovevo fare una lunga strada per andare a prendere il latte. Passavo vicino a due fienili. Pensavo: "Facendo questa strada, Dio potrebbe dirmi ciò che vuole da me: è quindi necessario che faccia una convenzione con Lui. Gli indirizzerò questa preghiera: «Signore, voi potete tutto. Quando passo vicino ad uno o all'altro di questi due fienili fate che trovi un biglietto sul quale ci sia scritto ciò che devo fare». E sempre ritornavo ai due fienili per trovare questo biglietto. Ma sempre invano. A poco a poco l'impazienza mi vinse ed io dissi a Dio: «Voi sapete, non è colpa mia se non trovo la via che avete scelta per me». Quando finii la scuola pensai: "Ora forse devo andare in convento; forse è là che Dio mi vuole". A 17 anni entrai nel convento del Sacro Cuore di Gesù ad Hall, nel Tirolo. Dopo un anno me ne dovetti uscire, poiché avevo troppo poca salute. Volli entrare subito in un altro convento. Scelsi, questa volta, quello delle Domenicane di Thalbach, vicino a Bregenz, sulle rive del lago di Costanza. "Glielo diciamo subito dichiarò la suora superiora dopo otto giorni Lei è troppo debole per noi". E non potei restare. Là conobbi il convento delle Francescane a Gaissau, che manda delle religiose nelle missioni. "Ecco il convento che ci vuole per me pensai . Condurre altre anime a Dio: ecco il mio compito. Sono troppo poco dotata per fare degli studi e diventare maestra; entrerò dunque in un convento da dove potrò partire più tardi per le missioni". Dissi a Dio: "Fa' dunque che possa restarvi, altrimenti non andrò più in nessun altro convento". Vi entrai nel 1938. Mi piaceva molto. Ebbene, anche quest'ultima volta la superiora mi disse: "Lei è la più debole di tutte..." Speravo tuttavia che una volta finiti i lavori dei campi potessi farcela. Ma alla fine della mietitura la madre superiora dichiarò: "Lei è troppo debole per noi; non posso tenerla".

Le prime apparizioni

"Tutto è finito per me pensai allora : non ho potuto trovare la via che Dio mi ha tracciata, e Dio non me l'ha indicata". Per un certo tempo questo pensiero mi tormentò moltissimo dal punto di vista spirituale; ma mi confortava l'idea di non essere colpevole: avevo fatto tutto il possibile. Dall'infanzia avevo un grande amore per le anime del purgatorio; anche mia madre ci teneva moltissimo e ci ripeteva sempre questo consiglio: "Quando avete una domanda importante da fare, indirizzatela alle anime del purgatorio; sono gli aiuti più validi". Fu nel 1940 che si manifestò per la prima volta a me un'anima del purgatorio. Sentendo che qualcuno andava e veniva nella mia camera, mi svegliai. Guardai chi poteva essere. Non sono mai stata molto paurosa; sarei saltata addosso a qualcuno piuttosto che aver paura. Vidi allora uno straniero che passeggiava lentamente. L'interpellai con tono burbero: "Come sei entrato? Che cosa hai perso?" Fece come se non sentisse nulla e continuò il suo andirivieni. "Che fai?" domandai ancora. Non ottenni risposta alcuna. Balzai dal letto e cercai di afferrarlo. Non presi che aria, non c'era più nulla. Ritornai a letto e l'intesi di nuovo camminare: "Ebbene" pensai "vedo quest'uomo; perché non posso prenderlo?" Mi alzai ancora una volta, camminai lentamente verso di lui, volli fermarlo...; una volta ancora pescai nel vuoto: non c'era più nulla. Assai poco rassicurata mi rimisi a letto; erano circa le quattro del mattino. Non ritornò più ed io non riuscii ad addormentarmi. Dopo la Messa andai dal mio direttore spirituale e gli raccontai ogni cosa. "Se capita ancora qualcosa di simile" mi spiegò brevemente "non domandare "chi sei", ma "che vuoi da me?" La notte seguente ritornò: era la stessa persona della notte precedente. Le domandai: "Che vuoi da me?..." Rispose: "Fa' celebrare tre Messe per me, e sarò liberato". Pensai allora che doveva essere un'anima del purgatorio. Lo dissi al mio confessore che me lo confermò. Dal 1940 al 1953 ogni anno vennero solo due o tre anime, di solito in novembre. Non vedevo in ciò nessuna missione speciale da compiere. Lo dissi al mio curato, P. Alfonso Matt, che era pure il mio direttore spirituale. Mi consigliò di non allontanare mai un'anima, ma di accettare tutto generosamente.

Sofferenze espiatorie per altre anime

Infine altre anime del purgatorio mi domandarono di soffrire per loro. Furono delle grandi sofferenze., Quando un anima viene, mi sveglia bussando, o chiamandomi, o scuotendomi, o in altro modo ancora. Le chiedo subito: "Che vuoi?" o "Che devo fare?" In questo modo essa può dirmi ciò che le manca. Così un' anima mi domandò: "Soffrirai per me?" Ciò mi parve abbastanza strano, poiché fino a quella volta nessuna mi aveva espresso un tale desiderio. Allora le risposi: "Sì, ma che devo fare?" Essa mi rispose: "Per tre ore proverai grandi dolori in tutto il corpo; ma dopo tre ore potrai alzarti e continuare i tuoi lavori come se non fosse successo nulla. Così potrai togliermi vent 'anni di purgatorio". Accettai. Mi colsero allora tali dolori che capivo a mala pena dove ero, pur essendo cosciente di aver accettato in espiazione di un'anima quelle sofferenze che dovevano durare tre ore. Mi sembrava che quelle tre ore dovessero esser passate da un pezzo, e che si trattasse piuttosto di tre giorni o di tre settimane. Quando tutto fu terminato, mi resi conto che in fondo erano passate solo tre ore. Alle volte dovevo soffrire soltanto cinque minuti; ma come mi pareva lungo quel tempo!

I messaggi delle anime fanno conoscere queste apparizioni


Nel 1954 (era l'anno mariano) ogni notte venivano delle anime. Alle volte dicevano chi erano e mi incaricavano di varie missioni per i loro parenti. In questo modo il caso fu conosciuto dal pubblico; ciò fu per me spiacevole, poiché, per conto mio, non ne avrei parlato a nessuno se non al mio padre spirituale. Dovetti trasmettere alcuni messaggi fino a certi villaggi che mi erano sconosciuti. Mi capitava anche di dover annunciare alla parentela di rendere dei beni acquistati male, cosa che era chiaramente indicata. Ci furono dei casi in cui i membri della famiglia stessa non erano al corrente di simili fatti, ed era tuttavia vero. Arrivavano delle anime anche durante il giorno, e non solamente durante la notte. Quando finì l'anno mariano, le anime non vennero più ogni notte, ma in media due o tre volte la settimana. Passava alle volte una settimana intera senza che ne venisse una. Di solito appaiono il primo venerdì del mese, o in un giorno di festa della Santissima Vergine, o durante la Quaresima. Durante la Settimana Santa, soprattutto, molte di esse hanno il permesso di venire; poi nel mese di novembre e durante l'Avvento.

Domande diverse


"Conosce le anime che si indirizzano a lei?" mi si chiede. Quelle che ho già conosciuto le riconosco subito; le altre no, a meno che non mi dicano chi sono. Esse appaiono il più delle volte in abito da lavoro.
"Si può inviare un 'anima del purgatorio da un'altra persona?" No, non si può. L'avrei fatto volentieri; avrei voluto soprattutto mandarne una a quelle persone che non fanno che prendere in giro queste cose e che non credono che le anime del purgatorio possano apparire. Mi fu pure domandato se si poteva far venire le anime. No, non si può. Esse vengono quando il Buon Dio lo permette per chiedere la loro liberazione.
"E' un peccato non credere alle apparizioni delle anime del purgatorio?" No, non è un dogma di fede; non si è obbligati a crederci, ma non bisognerebbe riderne.

Che cosa sanno di noi le anime del purgatorio?

Le anime sanno di noi e di quello che ci capita molto più di quello che noi crediamo.
Sanno, per esempio, chi prende parte alla loro sepoltura, se si prega o se si va semplicemente per fare atto di presenza, senza dire una preghiera, cosa che succede sovente. Esse sanno se si va via dopo l'offertorio, senza assistere alla Messa che sarebbe di gran profitto per loro. Se si assistesse con devozione alla funzione, invece di accompagnare solamente il corpo al cimitero, si aiuterebbero maggiormente i defunti, poiché, altrimenti, si va solo per essere visti, ciò che è di minimo profitto per loro. Le anime sanno anche tutto ciò che si dice di loro, ciò che si fa per loro; esse sono molto più vicine a noi di quello che crediamo, esse sono vicinissime.

CIO' CHE AIUTA LE ANIME DEL PURGATORIO

Il soccorso più prezioso che possiamo dare alle anime è senza dubbio la Messa, ma nella misura in cui i defunti l'hanno stimata da vivi.
Anche qui si raccoglierà ciò che è stato seminato. Del resto non contano solo le Messe dei giorni di precetto (domenica e feste), ma pure quelle dei giorni feriali. Certo, non tutti possono assistere alla Messa durante i giorni di lavoro; ognuno ha le proprie occupazioni professionali, i propri obblighi, e prima di tutto c'è il dovere.
Ma ci sono pure delle persone che potrebbero andare a Messa senza mancare ad alcun dovere: i pensionati, per esempio, che sono in buona salute, solidi sulle loro gambe, che stanno vicino alla chiesa, ma che dicono: "Sono obbligato ad andarci la domenica, ma non durante la settimana; dunque non ci vado". Coloro che pensano ed agiscono così devono aspettare a lungo dopo la morte affinché una Messa sia loro di profitto, poiché durante la loro vita ne hanno fatto poco conto. Se non possiamo andarci, inviamoci di frequente i ragazzi in età scolare. In molti posti non ci sono più scolari alle Messe celebrate durante i giorni feriali.
Se si sapesse qual è il prezzo di una sola Messa per l'eternità, le chiese sarebbero piene, anche durante la settimana. Nell'ora della morte le Messe, alle quali abbiamo assistito con devozione durante la nostra vita, sono il nostro maggior tesoro; esse hanno per noi più valore delle Messe che sono celebrate per noi dopo la morte. Parenti ed educatori si lamentano che i bambini, ai nostri giorni, sono indolenti e disubbidienti. Questo non è un effetto del caso: una volta i bambini assistevano ogni giorno alla Messa degli scolari. La preghiera e la Comunione davano loro la forza d'essere ubbidienti e fedeli al loro dovere. Nessun padre, nessuna madre, nessun catechista può mettere nel cuore del bambino ciò che Nostro Signore stesso gli dà in grazie durante la Messa e durante la Comunione.
Mi è stato chiesto se è necessario accendere delle candele e dei lucignoli e se quest'atto di devozione ha un senso ed un valore. Certo, specialmente quando sono benedetti. E quando non lo sono, bisogna pensare che si comprano le candele ed i lucignoli per amore dei nostri defunti: ogni atto d'amore ha un grande valore.
L'acqua benedetta è preziosa, essa pure, quando si adopera con fede e fiducia. Ma è la stessa cosa aspergerne il suolo con una mano piena o spanderne solo una goccia, accompagnata da una giaculatoria; spesso val meglio una sola goccia. Peccato che in molte case non ci sia più un'acquasantiera; non c'è quindi occasione di dare dell'acqua benedetta alle anime del purgatorio.

QUALI SONO I PECCATI PIU' SEVERAMENTE PUNITI IN PURGATORIO?

I peccati contro la carità: maldicenza, calunnia, rancore; le querele, provocate dalla cupidigia e l'invidia, sono severamente punite nell'altro mondo.
Ecco, per esempio, un buono a nulla potrebbe essere un uomo come si deve, se fosse trattato con bontà e carità. Facciamo attenzione a non criticare o ridere di certa gente: ciò nuoce gravemente alla nostra anima. Quante volte delle persone sole si lamentano che non le si aiuti un poco, mentre nelle vicinanze, forse a dieci metri di distanza, ci sono dei giovani. Ma a loro non verrebbe mai in mente di aiutare il loro vicino bisognoso di soccorso e di fare un sentiero nello spesso strato di neve. E tuttavia, le opere di carità hanno la maggiore ricompensa in cielo. Quante volte si pecca con le parole e con i giudizi sprovvisti di carità! Si potrebbe scrivere tutto un libro a questo proposito. Se seguissimo la consegna che ci dà la Madre di Dio: "Siate caritatevoli e buoni con tutti", noi potremmo convertire la maggior parte degli uomini e non avremmo da temere il comunismo. Una parola può uccidere, una parola può guarire. L'amore copre la moltitudine dei peccati. Andiamo dunque con carità soprattutto davanti ai nostri nemici. Essere buoni con coloro che ci fanno del bene è una cosa che fanno anche i pagani, dice Cristo. Ma fare del bene a coloro che hanno verso di noi dei sentimenti ostili, ecco la vera attitudine cristiana; ecco ciò che il Salvatore ci domanda; così noi ci faremo un amico da un nemico, e potremo risparmiarci una gran parte del purgatorio.

CHE COSA SOFFRONO LE ANIME DEL PURGATORIO?

Esse soffrono in mille modi diversi: ci sono tanti diversi purgatori come ci sono tante anime. Ogni anima ha la nostalgia di Dio, e questo è il più lancinante dei dolori. Inoltre ogni anima è punita in ciò e per ciò che l'ha fatta peccare. Succede, in una certa misura, anche sulla terra quando la punizione segue una cattiva azione: colui che mangia con eccesso soffre di mal di ventre e diventa troppo pesante; colui che fuma troppo è intossicato dalla nicotina ed è in pericolo di prendere un cancro ai polmoni.
Nessun'anima vorrebbe ritornare di nuovo sulla terra per vivere come prima nelle tenebre di questo mondo, poiché conosce cose di cui noi non abbiamo nessuna idea. Le anime vogliono purificarsi in purgatorio come l'oro nel crogiuolo. Possiamo immaginarci una ragazza che volesse andare al primo ballo in abiti sporchi e spettinata? Un'anima del purgatorio ha un'immagine così sfolgorante di Dio, che le è apparso in una bellezza e in una purità così splendida ed abbagliante, che tutte le forze del cielo non basterebbero a smuoverla per presentarsi davanti a Dio finché sussiste in essa la minima macchia. Solo un'anima luminosa e perfetta osa andare verso l'incontro della luce eterna e della perfezione divina per contemplare Dio faccia a faccia.

Bisogna perdonare al di là della tomba?


Un contadino venne un giorno a vedermi per lamentarsi: "Sto costruendo una stalla. Ogni volta che il muro arriva ad una certa altezza cade dall'altra parte. Noi abbiamo esaminato la cosa; non ci sono difetti, deve esserci qualcosa di soprannaturale lì dentro. Che si può fare?" Gli domandai: "Hai forse un defunto che aveva qualcosa contro di te, o che era animato da sentimenti ostili nei tuoi riguardi?" Rispose: "Per questo, sì! Pensavo giustamente che non potesse essere che lui che, anche sotto terra, non mi lasciava tranquillo". "Chiede solamente gli dico che tu gli perdoni, null'altro". "Cosa? perdonargli? a lui che mi ha fatto tanti torti da vivo? perché possa andarsene in cielo? No, no! non ha che da espiare". Dovetti calmarlo: "Non se ne andrà subito in cielo; dovrà ben espiare questo torto, ma sopporterà più facilmente la sua pena. Non ti lascerà più riposo finché tu non gli abbia perdonato dal fondo del cuore. Non voleva saperne. Gli domandai allora: "Perché dici dunque nel Padre Nostro: «perdona le nostre offese come noi perdoniamo a coloro che ci hano offeso?» Di fatto tu dici a Dio: «non mi perdonare, perché anch'io non perdono al mio prossimo». "Solo adesso capisco veramente", confessò. Potei ancora indurlo a raccogliere tutte le sue energie per dichiarare: "Sì, in nome di Dio, voglio perdonare, affinché Dio mi perdoni".

Come ricevo le risposte

E' soltanto ai primi sabati del mese o nei giorni di festa della Madonna che posso domandare se un anima è ancora in purgatorio o no. Quando un anima appare e quando, dopo aver dichiarato quello che le necessita per essere liberata, resta ancora lì, so che posso farle delle domande, ma la risposta non mi viene data dall'anima alla quale ho fatto la domanda, semplicemente perché essa sarà liberata quando sarà fatto ciò che ha domandato. E piuttosto un'altra anima che porta la risposta, un'anima che può ritornare anch'essa per domandare la sua liberazione. Quando questa ha esposto i suoi desideri, mi dice se quell'anima è ancora in purgatorio o se è stata liberata. Posso così verificare, nel mio quaderno, chi mi ha indicato questo nome e posso darne comunicazione alla persona interessata. Può succedere che passino due o tre anni, più sovente mesi, prima che abbia una risposta. Avviene come Dio permette. Non credo che le anime possano dire se qualcuno è nell'inferno; ma non bisogna concludere che non ci sia l'inferno. Oh! C'è l'inferno, e c'è molta gente nell'inferno. Se mi si domanda qual è il mezzo più sicuro per non andare all'inferno, rispondo: "Siate molto umili; colui che è umile non va all'inferno, ma colui che è orgoglioso, quello si, è in pericolo di perdersi per l'èternità".

Qual è l'efficacia dell'indulgenza plenaria in punto di morte?


Un uomo mi fece chiedere un giorno di sua moglie morta. La risposta fu che quella donna era ancora in purgatorio. Notate che era membro di parecchie confraternite nelle quali si può guadagnare un indulgenza plenaria in punto di morte. Si sarebbe dunque potuto pensare che non fosse più in purgatorio. Domandai ad un'anima com era possibile tal cosa. Ecco la risposta: Per guadagnare completamente un'indulgenza per se stessi, bisogna avere l'anima del tutto staccata da ogni attaccamento terreno. Si domanda molto. Prendete, per esempio, una madre di cinque figli sul letto di morte. Ebbene, questa deve dire a Dio: «Voglio ciò che vuoi Tu, vivere o morire, come Tu vuoi». Si domanda molto. Bisogna già essere vissuti in questi sentimenti per potere raggiungere un tal grado di distacco nell'ora della morte.

Quando si inganna.

Qualcuno fece delle domande concernenti il destino di una persona di cui diede il nome, l'anno di nascita e l'anno di decesso. La risposta: "Essa è ancora in purgatorio". Egli allora mi disse schernendomi: "Questa volta è chiaro che tutto ciò non è che un trucco: questa donna vive ancora. Pensai: "Come può dirmi un'anima che questa persona è ancora in purgatorio?" Andai dal mio direttore spirituale e gli dissi: "Non voglio più domande, c'è qualcosa che non collima". Con calma, tranquillamente, mi rispose: "Quando avrai nuovamente l'occasione di parlare con quell'anima, dille: «In nome di Gesù, ti ordino di dirmi perché mi hai dato una risposta sbagliata, poiché questa persona è ancora in vita». Feci quello che mi fu consigliato e ricevetti la notizia seguente: "Questa risposta non veniva da un'anima del purgatorio". "Da chi dunque?" L'anima rispose: "Era il demonio sotto le apparenze di un'anima del purgatorio. Quando ti si facevano domande in tutta franchezza tu hai ottenuto delle risposte giuste; quando si inganna, allora solamente il demonio ha il potere di immischiarsene". Il curato, a cui riferii queste parole, mi comunicò questa sua riflessione: "Avevo già pensato che il demonio entrasse in questa faccenda; non si può scherzare con tali argomenti. Bisogna attenersi strettamente alla verità. Il demonio è il padre della menzogna; là dove si mente, egli esercita l'impero della sua potenza

Villaggio in ansia

Nel 1954 venne un uomo ad informarsi su due suoi defunti: "Sono veramente impaziente di sapere quale sarà la sua risposta", disse. L'uomo non disse di più: non domandava che la risposta. Era l'anno mariano; questa risposta venne presto. Un mese più tardi potei comunicargli: "La signora S. è liberata e il signor H. è ancora in fondo al purgatorio" Scosse la testa. "Non è possibile. La signora S. è morta all'ospedale per una pratica anticoncezionale e sarebbe liberàta, mentre il signor H che era sempre il primo e l'ultimo in chiesa sarebbe ancora in fondo al purgatorio?" "E' l'anno mariano gli dissi. Ricevo tante risposte che forse mi son confusa prendendo le annotazioni: chiederò di nuovo". Ripetei ancora la mia domanda. Mi si rispose: "Hai annotato giusto, è così". Lo comunicai all'uomo che non volle credere più a nulla. Era del medesimo villaggio della signora S. e del signor H. La metà del villaggio era stata messa in subbuglio da queste due risposte, ma io non potevo cambiare nulla. Ora avvenne che arrivò dallo stesso villaggio una donna che aveva conosciuto molto bene la signora S. e il signor H. Ella era di parere contrario: "Ci si è indignati della sua risposta mi disse. Io invece sono stata fortificata nella mia convinzione dalla sua risposta concernente questi due casi". Era venuta espressamente per questo motivo. Continuò in questi termini: "Posso dire d'aver conosciuto la signora S. come se fosse stata la mia propria sorella. Ella era debole dal punto di vista morale, è vero, ma ne ha sofferto molto; in lei questo difetto era dovuto in gran parte a tare ereditarie. Morì in seguito a pratica anticoncezionale, è vero, ma il prete che l'ha assistita nel momento della morte ha dovuto ammettere: «Vorrei morire con i sentimenti di pentimento di questa donna». Ella morì nel Signore e fu seppellita religiosamente. Il signor H. invece era il primo e l'ultimo in chiesa, ma criticava senza tregua gli altri. Ciò che mi ha indignato maggiormente fu che durante il funerale della signora S. nessuno era più eccitato di lui. Non poté fare a meno di questa riflessione: Una simile carogna non doveva essere seppellita al cimitero»
. Riconoscente di questa spiegazione dissi alla signora: "Ora tutto è chiaro per me. il Signore non vuole che giudichiamo gli altri. Il signor H. ha condannato questa donna: tuttavia il Signore è stato misericordioso verso di lui, poiché l'ha salvato; è molto pericoloso condannare qualcuno". Non possiamo pronunziare delle sentenze contro nessuno. Supponiamo che venti persone commettano la medesima azione: la colpa può essere diversa per ciascuna di esse. Ci sono tanti fattori da considerare per giudicare: l'educazione, le tare ereditarie, lo stato di salute, il comportamento, l'ambiente. Non possiamo dunque mai giudicare.

CI SONO ANCHE BAMBINI IN PURGATORIO?

Sì, anche dei bambini che non vanno ancora a scuola possono andare in purgatorio. Dal momento che un bambino sa che qualcosa non è buono e lo fa, commette una colpa. Naturalmente per i bambini il purgatorio non è lungo né doloroso, poiché manca loro il pieno discernimento. Ma non dite che un bambino non capisca ancora! Un bambino capisce più di quello che noi pensiamo, ha una coscienza ben più delicata di un adulto.

QUAL E' IL DESTINO DEI BAMBINI MORTI SENZA IL BATTESIMO, DEI SUICIDI?

Questi bambini hanno pure un «cielo»; essi sono felici, ma non hanno la visione di Dio. Tuttavia, ne sanno così poco su questo tema che credono d'avere raggiunto ciò che esiste di più bello. Che ne è dei suicidi? Sono dannati? Non tutti, perché, nella maggior parte dei casi, non sono responsabili dei loro atti. Coloro che sono colpevoli d'averli spinti al suicidio portano una responsabilità maggiore.

I membri di un'altra religione vanno pure in purgatorio?


Sì, anche coloro che non credono nel purgatorio. Ma non soffrono tanto come i cattolici, poiché non avevano le sorgenti di grazie di cui noi disponiamo; senza dubbio, non hanno la stessa felicità. Le anime del purgatorio non possono far nulla per se stesse? No, assolutamente nulla, ma esse possono aiutarci molto, se noi glielo chiediamo.

Incidente stradale a Vienna

Un anima mi fece questo racconto: "Non avendo osservato le leggi della circolazione, sono rimasta uccisa sul colpo, a Vienna, mentre ero in motocicletta". Le chiesi: "Eri pronta per entrare nell 'eternità?" "Non ero pronta soggiunse. Ma Dio dà a chiunque non pecchi contro di Lui con insolenza e presunzione due o tre minuti per potersi pentire. E solo chi rifiuta è dannato". L'anima proseguì con il suo commento interessante ed istruttivo: "Quando uno muore in un incidente, le persone dicono che era la sua ora. E' falso: ciò si può dire soltanto quando una persona muore senza sua colpa. Ma secondo i disegni di Dio, io avrei potuto vivere ancora trent 'anni; allora sarebbe trascorso tutto il tempo della mia vita". Perciò l'uomo non ha il diritto di esporre la sua vita ad un pericolo di morte, salvo in caso di necessità.

Una centenaria sulla strada

Un giorno, nel 1954, verso le ore 14,30, trovandomi in viaggio per Marul, prima di passare nel territorio di questo comune vicino al nostro, incontrai nel bosco una donna dall'aspetto così cadente da sembrare centenaria. La salutai amichevolmente. "Perché mi saluti? chiese. Nessuno mi saluta più". Cercai di consolarla dicendole: "Lei merita di essere salutata come tante altre persone". Ella cominciò a lamentarsi: "Nessuno mi rivolge più questo cenno di simpatia; nessuno mi dà da mangiare e devo dormire per strada". Pensai che ciò non fosse possibile e che ella non ragionasse più. Tentai di dimostrarle che ciò non era possibile. "Ma si", mi rispose. Pensai allora che, essendo noiosa per la sua tarda età, nessuno volesse trattenerla per tanto tempo, e l'invitai a mangiare e adormiredame. "Ma!... Non posso pagare" fece lei. Allora cercai di rincuorarla dicendole: "Non importa, ma lei deve accettare ciò che le offro: non ho una bella casa, ma sarà meglio che dormire sulla strada". Allora mi ringraziò: "Dio te lo renda! Ora sono liberata" e scomparve. Fino a quel momento non avevo compreso che fosse un'anima del purgatorio. Sicuramente, durante la sua vita terrena, aveva respinto qualcuno che avrebbe dovuto aiutare, e dalla sua morte aveva dovuto aspettare che qualcuno le offrisse spontaneamente ciò che ella aveva rifiutato ad altri.

Incontro in treno

"Mi conosci?" mi domandò un' anima. Dovetti rispondere di no. "Ma tu mi hai già visto: nel 1932 hai fatto un viaggio con me fino ad Hall. Io sono stato il tuo compagno di viaggio. Mi ricordai molto bene di lui: quest'uomo aveva criticato ad alta voce, in treno, la Chiesa e la religione. Pur non avendo che 17 anni, mi presi a cuore la cosa e gli dissi che non era un brav'uomo, poiché denigrava le cose sante. "Tu sei troppo giovane per darmi una lezione mi rispose per giustificarsi. "Tuttavia sono più intelligente di te", gli risposi con coraggio. Abbassò la testa e non disse più nulla. Quando discese dal treno, pregai Nostro Signore: "Non permettete che quest'anima si perda!" "Questa preghiera mi ha salvato concluse. Senza di essa mi sarei dannato".

Una donna salva un villaggio


Nel 1954 una valanga fu la causa di una grande catastrofe. Nel vicino villaggio di Fontanella morì poco dopo una donna di nome Stark, che era stata malata per trent'anni. Si raccontava che cent'anni prima le valanghe avevano causato delle rovine; ma quest'ultima catastrofe era stata la peggiore. Dopo la prima devastazione era stato piantato un bosco per proteggere il villaggio. Durante la valanga del 1954 questo bosco fu quasi totalmente sradicato. Qualche albero trattenne la forza della neve, altrimenti la metà del villaggio sarebbe stata distrutta. Quando mori la signora Stark, poco dopo la catastrofe, seppi dalle anime che soltanto le sue preghiere ed i suoi sacrifici erano serviti a trattenere gli alberi. Ella aveva offerto tutte le sue sofferenze per il bene del suo comune e gli aveva così ottenuto numerose grazie. Se avesse avuto la salute non avrebbe potuto farlo. Sopportando la sofferenza con pazienza si salvano più anime che con la preghiera. E evidentemente più facile esortare un malato a soffrire con pazienza che perseverare da soli a farlo umilmente. Io conosco la sofferenza: è perché essa è così penosa che ha tanto valore! Non guardiamola sempre come una punizione: essa può essere accettata come espiazione non solo per noi stessi, ma soprattutto per gli altri. Il Cristo è l'innocenza stessa, ed ha sofferto più di tutti per espiare i nostri peccati. Soltanto in cielo sapremo ciò che abbiamo ottenuto con la sofferenza, sopportata con pazienza, in unione con le sofferenze di Cristo. Il modo più efficace di offrire le nostre sofferenze consiste nel rimetterle nelle mani della Madre di Dio, affinché Ella le distribuisca a chi vuole perché sa a chi sono più necessarie.

Secchio per i rifiuti, mano nera e profanazione della croce


"Cosa fai con questo secchio?", domandai ad una donna che avevo incontrato con un secchio in mano. "E la mia chiave del paradiso" rispose raggiante "Non ho pregato molto durante la mia vita; andavo raramente in chiesa, ma una volta prima di Natale, ho pulito gratuitamente tutta la casa di una povera vecchia. Fu la mia salvezza". Questa è la prova che tutto dipende dalla carità.
Un incontro rimasto indimenticabile per me fu quello con un prete la cui mano destra era nera. Gliene chiesi la causa: "Avrei dovuto benedire di più" mi disse. "Dì a tutti i preti che incontri che devono benedire di più: essi possono dare numerose benedizioni e scongiura re le forze del male".
"Commisi un crimine contro Dio"
mi confessò un uomo. "Calpestai una croce nel mio furore, pensando che se ci fosse stato un Dio non me l'avrebbe permesso. Fui immediatamente colpito da paralisi. Fu la mia salvezza". Infine mi disse ciò che sua moglie doveva fare per lui, e come si poteva addolcirgli il purgatorio. Sua moglie era uscita dalla Chiesa cattolica; ma il mio messaggio le fece una grande impressione. Mi disse: "Che mio marito avesse profanato una croce, lo sapevamo solo noi due. Non lo raccontai a nessuno e mio marito non poté sicuramente raccontarlo a nessuno. Se quest 'anima dice così, devo crederle". E rientrò in seno alla Chiesa cattolica.

Un medico venne un giorno lamentandosi che doveva soffrire per aver accorciato la vita a dei pazienti con le punture, affinché non dovessero soffrire più. Disse che la sofferenza, se sopportata con pazienza, ha per l'anima un valore infinito; si ha il dovere di alleviare le grandi sofferenze, ma non il diritto di accorciare la vita con dei mezzi chimici.

Bene acquistato male

Un giorno ebbi una visita. L'avevo sentito già brontolare nel corridoio. Aprii la porta per vedere. Era un uomo. Mi chiese con tono sdegnoso: "Cos 'è questa mistificazione delle anime del purgatorio?" "Vieni a passeggiare qui gli risposi . Non si tratta di mistificazione". Allora, bofonchiando, arrivò dritto alla sua faccenda: "Il signor E. è apparso a lei?" Avevo davanti a me uno dei parenti a cui avevo annunciato, da parte del signor E., che si doveva rendere il bene acquistato male. Risposi affermativamente alla sua domanda. Cominciò allora ad imprecare dicendo che ciò che io dicevo non era la verità, ma inganno per estorcere del denaro. "Che bene acquistato male dobbiamo rendere?" - "Non lo so" gli risposi. "Ho solo ricevuto la missione di domandare alla vostra famiglia di restituire il bene acquistato male. Quale? Lei deve saperlo". Seppi allora esattamente quale. Seppi anche che la sua fede cristiana era molto scarsa; imprecò pure contro il Papa, la Chiesa, la religione. Gli spiegai tranquillamente il significato per quell'anima della riparazione del torto. Si calmò e disse: "Se è così, è necessario che io ricominci un'altra vita; non avevo più fiducia in nessun prete; ma ora devo cominciare a credere in Dio, perché lei non avrebbe potuto sapere che nella nostra proprietà c 'era un bene acquistato male. Nemmeno tutti i membri della stessa famiglia ne sono al corrente".
Un'altra volta venne una donna. Confessò: "Ho dovuto soffrire trent 'anni di purgatorio perché non avevo lasciato andare in convento mia figlia. Ciò dimostra che i genitori, che non acconsentono alla vocazione di un loro figlio chiamato da Dio al sacerdozio o alla vita religiosa, assumono una grande responsabilità. So dalle anime che molti genitori devono rispondere della responsabilità d'avere negato il consenso allo stato religioso dei loro figli.

LA DONNA CHE AVEVA IL PURGATORIO PIU' TERRIBILE


Un uomo mi scrisse una lettera: sua moglie era morta da un anno; da allora ogni notte sentiva bussare alla porta della sua camera. Mi chiese di andare a vedere cosa succedeva. Vi andai dopo avergli detto che non ero sicura di poter sapere qualcosa. Forse sua moglie non poteva ancora annunciarsi. Era necessario, in questo caso, abbandonare tutto nelle mani della Provvidenza. Dormii in quella camera. Verso le 23,30 circa incominciò il rumore. Domandai subito: "Cosa vuoi? Che devo fare?" Non vidi nessuno e non ricevetti risposta alcuna. Pensai che quella donna non potesse ancora parlare. Dopo cinque minuti circa, intesi uno scalpitare spaventoso; arrivò un grosso animale, cosa che non mi era ancora capitata. Era un ippopotamo. Gettai subito dell'acqua benedetta e chiesi: "Come posso aiutarti?" Nessuna risposta: era preoccupante. Allora venne il demonio sotto forma di un orribile serpente gigantesco che strinse l'animale... per strangolarlo. Poi, improvvisamente, scomparve. Mi misi a fare dei ragionamenti tristi. Tuttavia, quella donna non doveva essere dannata. Poco dopo venne un' anima con un apparenza umana, come vengono sempre da me. Mi consolò: "Non temere: questa donna non è dannata, ma subisce il più terribile purgatorio che esista". E mi disse la causa. Costei era vissuta, per decine d'anni, in inimicizia con un'altra donna, inimicizia di cui ella era la causa. La sua nemica aveva voluto sovente fare la pace, ma ella si era rifiutata: anche durante la sua ultima malattia aveva rifiutato le sue richieste con sgarbo, ed era morta così. Abbiamo qui la prova della severità con la quale Dio punisce coloro che si comportano in una maniera ostile riguardo al prossimo, poiché questo è un atteggiamento diametralmente opposto alla carità. Nella vita si arriva sovente a dispute, ma bisogna cercare di rimettere a posto, al più presto, ogni cosa: perdonare subito. La carità oltrepassa tutto; non si ripete abbastanza il valore della sua forza. Essa copre una moltitudine di peccati.

Ucciso da una valanga

Si era nel 1954, ai tempi della catastrofe causata da una valanga. Un giovanotto di vent'anni, che abitava in una casa al riparo dalle valanghe, sentì durante la notte chiedere soccorso. Si alzò e volle affrettarsi per portare aiuto. Sua madre lo trattenne: "Dopo tutto tocca anche agli altri aiutare una buona volta, quando arrivano le valanghe, fuori c 'è troppo pericolo". Il giovane non si fece fermare: si precipitò verso il luogo da dove venivano gli appelli di soccorso, ma fu inghiottito da una valanga ed ucciso. La seconda notte dopo la sua morte venne a pregarmi di far celebrare tre Messe per lui. I suoi parenti si meravigliarono nell'apprendere che potesse essere liberato tanto presto, poiché era stato poco fervente. Ma il giovane mi confidò che, se Dio era stato così misericordioso con lui, ciò era dovuto alla sua morte avvenuta per aiutare amorevolmente il prossimo. Egli non avrebbe mai potuto fare, se fosse ancora vissuto, una morte così bella. Non ci dobbiamo mai lasciare scoraggiare quando capitano tali incidenti. Noi non ne conosciamo l'utilità. In questi casi la gente dice che era un bravo giovane, o una brava ragazza. Ho conosciuto bravi giovani e brave ragazze che in seguito hanno preso il cammino sbagliato. Dio solo sa ciò che essi avrebbero potuto diventare. Soltanto nell'eternità conosceremo la bontà di Dio nei nostri confronti.

SATANA SI MASCHERA


Un'anima venne un giorno e mi ordinò: "Non occuparti della prossima anima che verrà". Il mio direttore spirituale mi aveva ordinato di occuparmi di tutte le anime. Allora domandai: "Perché non devo occuparmi di quell'anima?" - "Perché essa ha bisogno che vengano sopportate tali sofferenze di cui tu non sei capace" -"In questo caso Dio non la lascerà venire". Fui allora trattata aspramente: "Dio ti proverà sia se tu ubbidirai, sia se non ubbidirai". Quando sono incerta e non capisco bene le cose, invoco lo Spirito Santo che non mi ha mai abbandonata. Improvvisamente mi venne l'idea che potesse essere il demonio. La mia decisione fu pronta. Gli ordinai: "Se tu sei il nemico, ti ordino, in nome di Gesù, ritirati!" Segui un grido! L'apparizione era scomparsa. Conobbi allora che era il «nemico» sotto le apparenze di un'anima del purgatorio.
In Appenzello conobbi una signora, Maria Graf, una semplice donna di paese che aveva sovente delle apparizioni della Santissima Vergine e ne riceveva i messaggi. La signora Graf venne un giorno da me per chiedermi consiglio. Da un lato si sentiva obbligata a far conoscere questi messaggi al mondo, dall'altro il vescovo desiderava che non dicesse nulla. Le domandai: "Lei parla sovente con la Santissima Vergine?" Avendomi risposto affermativamente, le consigliai di domandare alla Madonna ciò che dovesse fare. La veggente sapeva bene che il vescovo non era d'accordo. Fece alla Madonna la domanda e ricevette la risposta: "Obbedisci al vescovo. Io vigilerò e farò in modo che i messaggi si propaghino". La signora Graf obbedì. In Appenzello quasi nessuno credeva a questi favori straordinari; perfino suo marito non ci credeva. Ma non si poterono intralciare i disegni di Dio. Poco dopo la morte della veggente, avvenuta il 19 febbraio 1964, ci fu una guarigione straordinaria dovuta al suo intervento. Ciò risvegliò l'attenzione di molti i quali andarono da suo marito e lo pregarono di guardare se sua moglie avesse lasciato scritto qualcosa. Si trovarono le sue note in cui la Santa Vergine esprimeva parecchie volte il desiderio che per la conversione dei peccatori si recitasse ogni giorno il Rosario, che è potentissimo contro gli assalti del demonio. Poco dopo questa notizia, ricevetti due lettere il cui contenuto era quasi identico: "Da noi succedono delle cose strane. deve essere il demonio che è all'opera". Pensai: "Voglio scrivere ai due dicendo di recitare ogni giorno il Rosario per la conversione dei peccatori". Era il 16 dicembre 1964, di giorno. Presi due fogli di carta da lettera, li misi in mezzo alla tavola, con due buste a lato. Ho l'abitudine di scrivere prima l'indirizzo sulla busta. D'un colpo un fischio stridente. Fui colpita dal terrore. Il demonio era vicino a me. Mi strappò i due fogli di carta che trascinò fino all'angolo della tavola, lasciando sui fogli un segno di bruciatura. Fu per me una prova della potenza del Rosario contro il demonio.

ESORTAZIONI DATE DALLE ANIME DEL PURGATORIO

Sovente ho ricevuto, da parte delle anime, comunicazioni, esortazioni e consigli pratici. Ne cito brevemente alcuni.
* Il Santissimo Sacramento non è più onorato come dovrebbe essere. In molte chiese moderne non è più al centro della chiesa. Sovente si fanno statue e quadri che scherniscono ciò che dovrebbero rappresentare. Anche il fatto di comunicarsi in piedi senza nessuna genuflessione è una mancanza di rispetto e di umiltà.
* Il Rosario dovrebbe essere tenuto in maggiore onore. La preghiera del Rosario ha una grande potenza: Maria è il soccorso dei cristiani.
* Ovunque offendo la gente dicendo, per ordine delle anime del purgatorio, che gli abiti immodesti come le minigonne spingono all'immoralità. Bisogna prendere le cose seriamente: le donne hanno su questo punto una grande responsabilità.
* Le anime desiderano che si faccia il testamento in tempo. Quante querele nascono e si continuano per generazioni perché o non si è fatto testamento, o non si è fatto secondo giustizia. E' necessario che ciascuno contribuisca all'avvento del Regno di Cristo. I genitori hanno una grande responsabilità quando non lasciano lavorare attivamente i loro ragazzi. La gioventù si rende colpevole quando, per amore dei propri comodi, tralascia di compiere una buona azione.
polos
@Antonietta Capone Infatti la Provvidenza (come dice il nome stesso) ha previsto tutta la storia dell'umanità ancor prima della creazione del primo uomo:

Quindi ha già predisposto tutte le soluzioni a tutti gli eventuali problemi; perciò il semplice fatto che il cervello rimanga ancora attivo un paio di minuti dopo la morte fisica, sarebbe già indicativo che la Provvidenza non doveva veramente …More
@Antonietta Capone Infatti la Provvidenza (come dice il nome stesso) ha previsto tutta la storia dell'umanità ancor prima della creazione del primo uomo:

Quindi ha già predisposto tutte le soluzioni a tutti gli eventuali problemi; perciò il semplice fatto che il cervello rimanga ancora attivo un paio di minuti dopo la morte fisica, sarebbe già indicativo che la Provvidenza non doveva veramente creare un miracolo ogni volta che succedesse una morte improvvisa, ma la natura stessa dell'uomo fu già concepita in tal senso, senza dover intervenire in modo straordinario.

Come è meravigliosa la natura umana! Non ci si finisce mai a stupirsi della sua perfezione e previdenza per tutte le situazione possibili ed immaginabili!
Antonietta Capone
@polos Credo di ricordare di aver letto qualcosa di attinente nel Diario di Santa Faustina. Non sono sicura ma mi sembra che Gesù le abbia detto che la Sua Misericordia sarebbe stata offerta persino qualche minuto dopo la morte. In realtà questo si accorderebbe bene anche con le conoscenze di neurofisiologia infatti l'attività elettrica del cervello perdura un pò dopo l'esalazione dell'ultimo …More
@polos Credo di ricordare di aver letto qualcosa di attinente nel Diario di Santa Faustina. Non sono sicura ma mi sembra che Gesù le abbia detto che la Sua Misericordia sarebbe stata offerta persino qualche minuto dopo la morte. In realtà questo si accorderebbe bene anche con le conoscenze di neurofisiologia infatti l'attività elettrica del cervello perdura un pò dopo l'esalazione dell'ultimo respiro. Tuttavia non ne so abbastanza e dovrei controllare queste informazioni.
Diodoro
Direi che l'aggancio alle Anime Sante del Purgatorio, in "mamma Natuzza" come in Maria Simma, ci introduce in un clima di estrema concretezza.
Tempi di Maria
Sovente ho ricevuto, da parte delle anime, comunicazioni, esortazioni e consigli pratici. Ne cito brevemente alcuni.
* Il Santissimo Sacramento non è più onorato come dovrebbe essere. In molte chiese moderne non è più al centro della chiesa. Sovente si fanno statue e quadri che scherniscono ciò che dovrebbero rappresentare. Anche il fatto di comunicarsi in piedi senza nessuna genuflessione è una …
More
Sovente ho ricevuto, da parte delle anime, comunicazioni, esortazioni e consigli pratici. Ne cito brevemente alcuni.
* Il Santissimo Sacramento non è più onorato come dovrebbe essere. In molte chiese moderne non è più al centro della chiesa. Sovente si fanno statue e quadri che scherniscono ciò che dovrebbero rappresentare. Anche il fatto di comunicarsi in piedi senza nessuna genuflessione è una mancanza di rispetto e di umiltà.
* Il Rosario dovrebbe essere tenuto in maggiore onore. La preghiera del Rosario ha una grande potenza: Maria è il soccorso dei cristiani.
* Ovunque offendo la gente dicendo, per ordine delle anime del purgatorio, che gli abiti immodesti come le minigonne spingono all'immoralità. Bisogna prendere le cose seriamente: le donne hanno su questo punto una grande responsabilità.
* Le anime desiderano che si faccia il testamento in tempo. Quante querele nascono e si continuano per generazioni perché o non si è fatto testamento, o non si è fatto secondo giustizia. E' necessario che ciascuno contribuisca all'avvento del Regno di Cristo. I genitori hanno una grande responsabilità quando non lasciano lavorare attivamente i loro ragazzi. La gioventù si rende colpevole quando, per amore dei propri comodi, tralascia di compiere una buona azione.
Tempi di Maria
Ciò su cui non vi alcun dubbio è che queste rivelazioni comunicano un grande bisogno, una profonda necessità di purezza, di santità, ispirano orrore al peccato e anche alle più piccole mancanze contro Dio e contro il prossimo e fanno anelare al Cielo. Tutto questo non può che essere un frutto divino
Francesco I
Tuttavia va detto che la Tradizione di Santa Romana Chiesa ,nella sua somma sapienza, nelle "Rogazioni" ha posto al secondo posto (subito dopo quella che richiede al Signore di liberarci dalla dannazione eterna) la grazia di non farci morire di una morte "subitanea et improvvisa"

Ecco il testo delle "Rogazioni" (Come tutte le cose buone furono abolite da un personaggio che ora vogliono farci …More
Tuttavia va detto che la Tradizione di Santa Romana Chiesa ,nella sua somma sapienza, nelle "Rogazioni" ha posto al secondo posto (subito dopo quella che richiede al Signore di liberarci dalla dannazione eterna) la grazia di non farci morire di una morte "subitanea et improvvisa"

Ecco il testo delle "Rogazioni" (Come tutte le cose buone furono abolite da un personaggio che ora vogliono farci credere che sia un santo: Giovanni Battista Montini)

A damnatione perpetua, Libera nos domine.

A subitanea et improvvisa morte, Libera nos domine.
Ab imminentibus peccatorum nostrorum periculis, Libera nos domine.
Ab infestationibus daemonum, Libera nos domine.
Ab omni immunditia mentis et corporis, Libera nos domine.
Ab ira, et odio, et omni mala voluntate, Libera nos domine.
Ab immundis cogitationibus, Libera nos domine.
A coecitate cordis, Libera nos domine.
A fulgure, et tempestate, Libera nos domine.
A peste, fame, et bello, Libera nos domine.
A flagello terrae motus, Libera nos domine.
A omni malo, Libera nos domine.
Per mysterium sanctae incarnationis tuae, Libera nos domine.
Per passionem et crucem tuam, Libera nos domine.
Per gloriosam resurrectionem tuam, Libera nos domine.
Per admirabilem ascentionem tuam, Libera nos domine.
Per gratiam sancti Spiritus Paracliti, Libera nos domine.
In die judicii, Libera nos domine.
Peccatores, Te rogamus audi nos.
Ut pacem nobis dones, te rogamus audi nos.
Ut misericordia et pietas tua nos custodiat, te rogamus audi nos.
Ut Ecclesiam tuam sanctam redigiri, et conservare digneris, te rogamus audi nos.
Ut domnum Apostolicum, et omnes gradus Ecclesiae in sancta religione conservare digneris, te rogamus audi nos.
Ut Episcopos et Praelatos nostros, et cunctas congregationes illis commissas in tuo sancto servitio conservare digneris, te rogamus audi nos.
Ut inimicos sanctae Ecclesiae humiliare digneris, te rogamus audi nos.
Ut regibus et principibus nostris pacem et veram concordiam, atque victoriam donare digneris, te rogamus audi nos.
Ut cunctum populum christianum pretioso tuo sanguine redemptum conservare digneris, te rogamus audi nos.
Ut omnibus benefactoribus nostris sempiterna bona retribuas, te rogamus audi nos.
Ut animas nostras, et parentum nostrorum ab aeterna damnatione eripias, te rogamus audi nos.
Ut fructus terrae dare, et conservare digneris, te rogamus audi nos.
Ut oculos misericordiae tuae super nos reducere digneris, te rogamus audi nos.
Ut obsequium servitutis nostrae , te rogamus audi nos.
Ut pacem nobis dones, te rogamus audi nos.
Ut loca nostra et omnes abitantes in eis visitare et consolari digneris, te rogamus audi nos.
Ut civitatem istam, et omnem populum ejus protegere, et conservare digneris, te rogamus audi nos.
Ut omnes fideles navigantes et itinerantes ad portum salutis perducere digneris, te rogamus audi nos.
Ut regolarisbus disciplinis nos instruere digneris, te rogamus audi nos.
Ut omnibus fidélibus defunctis requiem aeternam dones, te rogamus audi nos.
Ut nos exaudií dignéris, te rogamus audi nos.
Fili Dei te rogamus audi nos. Agnus Dei, qui tollis peccata mundi. Parce nobis, Domine.
Sancte Joseph
Personalmente devo ringraziare Maria Simma e le anime del Purgatorio per aver smesso di ricevere la Comunione in mano e per aver compreso un po' di cose sulla Chiesa senza delle quali sarei ignorante su Dottrina Cattolica e Sacramenti.
polos
Nella questione del tempo dopo la morte per potersi ancora pentire, so solo questo (purtroppo non trovo una fonte al momento):

Solo nel caso di una morte improvvisa, per esempio un'incidente stradale, la Provvidenza ci darebbe (secondo Maria Simma) da 2 a 3 minuti di tempo per poterci ancora pentire delle nostre colpe: quindi sarebbe come una morte posticipata dalla Provvidenza per pochissimi …More
Nella questione del tempo dopo la morte per potersi ancora pentire, so solo questo (purtroppo non trovo una fonte al momento):

Solo nel caso di una morte improvvisa, per esempio un'incidente stradale, la Provvidenza ci darebbe (secondo Maria Simma) da 2 a 3 minuti di tempo per poterci ancora pentire delle nostre colpe: quindi sarebbe come una morte posticipata dalla Provvidenza per pochissimi minuti, dove siamo ancora coscienti per poterci pentire.

E ripeto: questo solo nel caso di una morte improvvisa e inaspettata, dove l'anima non ha avuto nessuna possibilità di potersi preparare alla morte.
Tempi di Maria
@CooperatoresVeritatis Ciò che chiedevo è un commento sulla figura e le rivelazioni di Maria Simma o un rimando a qualcosa da voi pubblicato dato che mi sembra che lo abbiate fatto in passato e che ne aveste un'idea positiva
Sempliciotto
@solosole

Se fosse stata detta da lei è un'eresia di abissale gravità!

Quasi pari a quelle che Bergoglio propaga da cinque anni e mezzo in tutta la Chiesa...
solosole
@Tempi di Maria Padre Livio Fanzaga: è lui che ha fatto notare giustamente un’eresia attribuita a Maria Simma. Il puno è capire se davvero è stata detta da lei.
Fermo restando che l’ultima parola resta alla Chiesa e ferma restando l’attuale situazione drammatica della Chiesa, non certo imputabile a Maria Simma, accompagnati dalla dottrina della Chiesa e dai santi, possiamo senza dubbio …
More
@Tempi di Maria Padre Livio Fanzaga: è lui che ha fatto notare giustamente un’eresia attribuita a Maria Simma. Il puno è capire se davvero è stata detta da lei.
Fermo restando che l’ultima parola resta alla Chiesa e ferma restando l’attuale situazione drammatica della Chiesa, non certo imputabile a Maria Simma, accompagnati dalla dottrina della Chiesa e dai santi, possiamo senza dubbio avanzare un giudizio positivo sull’opera di misericordia della Simma nonché sull’ortodossia dei suoi messaggi, che è l’aspetto che più ci interessa.
Per rispondere a queste domande ci sembra utile partire dall’unico punto oscuro che ho trovato come critica e condanna. A farlo rilevare è padre Livio Fanzaga, il quale avrebbe riscontrato in un libro (16) una grave eresia attribuita a Simma, laddove dice:
“Le anime mi hanno riferito che quando un’anima si separa dal corpo in uno stato di inimicizia dal Signore egli le concede modo e tempo di redimersi non soltanto negli ultimi istanti della vita terrena, ma addirittura quando questa è già terminata. Per ben tre giorni l’anima ha tempo di pentirsi rivedendo tutta la propria vita. […] Mi è stato inoltre rivelato che alle anime che non ne vogliono sapere di riconciliarsi con Dio, Gesù si mostra crocefisso [sempre in questi presunti tre giorni ndr] dimostrando il più concretamente possibile quanto Egli ha fatto e sofferto per tutti noi esseri umani compresi coloro che lo rinnegano.”
Senza alcun dubbio, una affermazione del genere è eretica senza se e senza ma! Non c’è appello, né alcun dubbio che una affermazione del genere non è cattolica e non appartiene all’insegnamento della Chiesa.
CooperatoresVeritatis
@Tempi di Maria non capisco a quale commento fa riferimento..... All'interno dell'articolo abbiamo messo nero su bianco (si legga anche la Nota di riferimento) alla questione della famosa frase attribuita alla Simma e che noi abbiamo chiarito in modo definitivo e cattolico, come era intenzione della Simma stessa 👌 Ave Maria!
Sul Golghota
Dopo la morte non si decide più nulla. Sono i protestanti a dire il contrario.
Tempi di Maria
@solosole Non si parla di due-tre minuti DOPO LA MORTE ma di "due tre minuti" per pentirsi. Leggendo sembra evidente che si tratti di un tempo antecedente la morte
Tempi di Maria
@CooperatoresVeritatis Sarei lieto di avere un vostro commento in merito
alda luisa corsini
@solosole Adesso ricordo.. era Lei ad avermi raggiunto in chat e avere sollevato delle obbiezioni sulla mistica Maria Simma... Allora, se Lei è d'accordo, potremmo proporre un confronto pacato e utile con gli altri utenti per approfondire l'argomento. Che ne dice?
Tempi di Maria
Suor Emmanuel Maillard, poco prima che la mistica austriaca decedesse, la intervistò.
Tra le altre cose le chiese:

Vorrei chiederti cosa pensi delle pratiche di spiritismo per esempio quando si chiamano gli spiriti dei defunti , quando si fanno girare i tavoli ecc.,

Questa fu la rispsota che ne ebbe:

"Non è buono e spesso è il diavolo che fa muovere i tavoli.
Non è lecito chiamare le anime, …
More
Suor Emmanuel Maillard, poco prima che la mistica austriaca decedesse, la intervistò.
Tra le altre cose le chiese:

Vorrei chiederti cosa pensi delle pratiche di spiritismo per esempio quando si chiamano gli spiriti dei defunti , quando si fanno girare i tavoli ecc.,

Questa fu la rispsota che ne ebbe:

"Non è buono e spesso è il diavolo che fa muovere i tavoli.
Non è lecito chiamare le anime, io non cerco la loro venuta, vengono da sole per permesso di Dio.
Nello spiritismo invece si evocano gli spiriti e si chiamano, ma è il demonio che viene fingendo di essere l’anima di questo o di quell’altro. Talvolta si presenta sotto false apparenze senza essere chiamato".
Tempi di Maria
Maria Simma ha sempre aderito ai dogmi insegnati dalla Chiesa Cattolica Romana, e ha più volte ribadito, riguardo le indagini sulla veridicità delle sue apparizioni, che è un bene che la Chiesa sia molto prudente e indaghi per molto tempo su questi fenomeni, perché sarebbe meglio dare per falsi dei fenomeni veri, che dare per vero anche un solo fenomeno falso.
alda luisa corsini
Intervista a Maria Simma, che sto per pubblicare in questa sede (ci vuole un po' di tempo perchè il sistema la carichi): www.youtube.com/watch