Clicks1.2K
Marziale
1

Apocalisse: “Pace e sicurezza” prima dei sette flagelli.

Sulla famosa frase dell’Apostolo: “ E quando si dirà: «Pace e sicurezza», allora d'improvviso li colpirà la rovina.”

Riguardo poi ai tempi e ai momenti, fratelli, non avete bisogno che ve ne scriva. Infatti voi ben sapete che come un ladro di notte, così verrà il giorno del Signore. Riguardo poi ai tempi e ai momenti, fratelli, non avete bisogno che ve ne scriva; infatti voi ben sapete che come un ladro di notte, così verrà il giorno del Signore. E quando si dirà: «Pace e sicurezza», allora d'improvviso li colpirà la rovina, come le doglie una donna incinta.” 1Tess. 5,1-3

Ora, parlando dei tempi apocalittici, sembra non ci sia concordanza tra ciò che afferma san Paolo , che parla di Pace e Sicurezza, e ciò che dice Gesù Cristo:
“Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l'attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.” Lc. 21

L’Apostolo parla di pace e sicurezza, mentre Gesù Cristo parla di paura, ansia, angoscia.

Sembra una evidente contraddizione, ma la Sacra Scrittura non contiene contraddizioni perché il suo autore è Dio, che è la Verità stessa .
Ora, sul tema dell’inerranza, cioè dell’immunità da errore, della Sacra Scrittura, così si sono espressi alcuni santi Padri e Dottori della Chiesa :
1.«Che le Scritture possano contrastare fra di loro … mai oserò né pensarlo, né dirlo; e se vi fosse qualche Scrittura che sembri esser tale …, piuttosto confesserò di non capire quel che significhi e cercherò di persuadere anche quanti sospettano che le Scritture contrastino fra di loro, affinché piuttosto la pensino come me» . S. Giustino, Dialogo con Trifone, 65.
2.“ È eretico affermare che si possa trovare qualcosa di falso non solo nei Vangeli, ma in tutta la sacra Scrittura”. San Tommaso d’Aquino, Commento al Vangelo di Giovanni, 13, lez. 1,1.
3.«È da empi affermare che la Scrittura sia discorde… Quanto leggiamo nell’A.T. lo ritroviamo nel Nuovo… nessuna discordanza, nessuna diversità» San Girolamo, In Nahum, I,9.
4. « Ti confesso (si rivolge a S. Girolamo) che … ai libri della Scrittura … ho imparato a tributare una riverenza e un rispetto tali, da credere fermissimamente che nessuno dei loro autori abbia errato, qualunque cosa abbia scritto. E se in questi scritti incontro qualcosa che abbia l’apparenza d’esser contraria alla verità, senza la minima esitazione, a nient’altro penso se non che il codice (su cui leggo) è difettoso, oppure che il traduttore non è stato capace di rendere il pensiero fedelmente, oppure che io non ho capito un bel nulla» S. Agostino, Epist. 82,1-3.

Dunque , se la Scrittura non può esser in contraddizione con se stessa, è nostro dovere scoprire la concordanza.
Eccola spiegata da san Tommaso d’Aquino, nel suo Commento alla Prima Tessalonicesi.

“E non c'è bisogno che ti scriva di queste cose, perché ciò che c'è da sapere “voi ben sapete”, che cioè “il giorno del Signore verrà come un ladro di notte…” Ma sono tutti i giorni del Signore! Sal 118,91: “Per tuo decreto tutto sussiste fino all'oggi. Ma questo in particolare è il giorno del Signore, perché Dio realizza in tutti la sua volontà, che viene adempiuta nei buoni che sono condotti al fine preconsciuto da Dio, ossia la Salvezza, egli vuole che tutti gli uomini siano salvi.E nei cattivi, i quali saranno puniti. Sal 74,3 :” Nel tempo in cui avrò stabilito io giudicherò con rettitudine”. Egli verrà come un ladro, cioè senza preavviso. Lc 13,36:”Se il capofamiglia sapesse l’ora in cui viene il ladro…”. 2Pt 3,10:” In giorno del Signore verrà come un ladro”. Ap 3,3:” Verrò come un ladro”.
Ma come si dice che il giorno arriva di notte? Ma si deve sapere che sono vere entrambe le cose, perché viene di giorno per la manifestazione dei cuori. 1 Cor 4,5 :” Finché venga il Signore. Egli metterà in luce i segreti delle tenebre e manifesterà l'intenzione dei cuori”. Ma viene di notte a causa della sua incertezza. Mt 25,6 “A mezzanotte si levò un grido: ecco lo sposo…”È infatti incerta l'ora in cui ciò accadrà…
Egli dice dunque: verrà come un ladro, perché viene all'improvviso. “Quando si dirà: pace”, riguardo alle cose presenti, cioè mentre vivono tranquillamente, essi si ingannano. Sap 14,22: ” Essi, pur vivendo in una grande guerra di ignoranza, danno a sì grandi mali il nome di pace.” “ E sicurezza”, riguardo alle cose future. “Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni: riposati mangia e bevi e datti alla gioia”.
Ma, al contrario,Lc 21,26: “Mentre gli uomini moriranno per la paura e per l'attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra…”. Perciò non esiste nessuna sicurezza.
La soluzione
è duplice. Una, che è di Agostino, è la seguente:
“In quel tempo ci saranno dei buoni che saranno afflitti, piangeranno e aspetteranno, e a questo riguardo si dice in Lc 21,26: “Si inaridiranno per la carenza di piaceri e per l'abbondanza di mali…mentre nei cattivi ci saranno pace e sicurezza.” (N.d.R. La seconda, che è attribuita alla Glossa, non viene riportata dal santo).

Ora, sembra che:

A. Questi siano quelli che si crederanno in “pace e sicurezza”: i cittadini del Mondo, i mondani, i tiepidi, gli indifferenti. Come anche i potenti che credono di aver il mondo nelle loro mani.
“Come avvenne al tempo di Noè, così sarà nei giorni del Figlio dell'uomo:
mangiavano, bevevano, si ammogliavano e si maritavano, ( magari si inoculavano vaccini Rna) fino al giorno in cui Noè entrò nell'arca e venne il diluvio e li fece perire tutti. “Lc. 17

B. Questi invece sembra siano quelli che “saranno afflitti, piangeranno e aspetteranno e si inaridiranno per la carenza di piaceri ”: i cittadini della nuova Ninive.
“Giona cominciò a percorrere la città, per un giorno di cammino e predicava: «Ancora quaranta giorni e Ninive sarà distrutta». I cittadini di Ninive credettero a Dio e bandirono un digiuno, vestirono il sacco, dal più grande al più piccolo. “ Giona 3

“Più che le sentinelle l'aurora,Israele attenda il Signore.” Sal.129
“Che nessun dono di grazia più vi manca, mentre aspettate la manifestazione del Signore nostro Gesù Cristo. Egli vi confermerà sino alla fine, irreprensibili nel giorno del Signore nostro Gesù Cristo.” 1 Cor.

Attendiamo dunque il Giorno del Signore, dove “ uno sarà preso e l’altro lasciato.” Lc.17

Cfr. di Marziale:
1.Falso profeta/AntiCristo, la profezia finale: come riconoscerlo fisicamente. Una ipotesi.
2.L'AntiCristo svelato.
3.Una ipotesi teologica sulla biblica figura del Falso profeta o AntiCristo capo.
4.Il Tempio di Gerusalemme è stato profanato!
5.“ Chi parla da se stesso ( l’AntiCristo) cerca la propria gloria.” Gv.7,18 Esegesi e commento.
6.La Donna vestita di sole e con sul capo una corona di dodicistelle. Io l'ho visto con i miei occhi. Parte prima.
7.Apocalisse: la prima e la seconda Bestia. Una ipotesi.
8.L'AntiCristo, come viene descritto nella Scrittura.
9.Ecco chi è Abominio della desolazione o Distruzione.
10."Prima infatti dovrà avvenire l'apostasia e dovrà esser rivelato l'uomo iniquo."
11.Apocalisse: la Prostituta.
12.Maria Valtorta, San Paolo e san Daniele: Katechon e la soppressione del Sacrificio quotidiano.
13.666: il Marchio di Caino.
14.666: il Marchio di Caino. Seconda parte.
N.S.dellaGuardia
Ci dovremmo essere quasi: a tutti coloro che si vaccineranno verrà promessa, e per un po' forse anche mantenuta, pace e sicurezza.
A prezzo dell'anima, ma se ne guardano bene dal dirlo...