it.news
11.4K

È tempo che Israele ascolti. Dal Patriarca emerito Michel Sabbah

La guerra a Gaza significa che ci saranno altre guerre.

Significa che Israele è entrato in una guerra più di settant'anni fa e finora non è riuscito a terminarla.

Israele dovrebbe ripensare ai suoi calcoli. Israele ha vinto e perso. Sta ancora perdendo. Il vincitore è colui che raggiunge la pace, la giustizia e l'umanità. Finora, nulla di tutto ciò è stato realizzato.

Israele si trova di fronte a un popolo palestinese che vive nella propria terra e chiede che Israele e il mondo restituiscano loro la libertà, nella propria terra e non in quella di altri.

Questa realtà non può essere ignorata. Tutte le principali potenze mondiali non possono ignorare questa realtà.

La pace di Israele, la pace di Abramo, la pace di Dio, inizia prima in Palestina, prima con i palestinesi, e poi si estende ai vicini e all'intera regione. Israele e il mondo devono capirlo.

Altrimenti, terranno la regione in una morsa di morte e diventeranno essi stessi causa di morte. E loro sono responsabili di questo.

La terra e i popoli della terra dicono: pace e giustizia e colloqui sui diritti dei palestinesi. Questa è una voce che non può essere ignorata.

È tempo che Israele ascolti.

È ora che Israele ponga fine a una guerra iniziata più di settant'anni fa.

È ora di porvi fine, non secondo la logica della violenza e delle armi, ma secondo la logica della giustizia e della verità.
Giuseppe Di Tullio
Fiato sprecato, dal momento che "il popolo eletto",considera goym ossia animali parlanti,il resto dell'umanità che starebbe al mondo solo per servirli🤦