DolceMente
So di altre persone che hanno lasciato questo sito, sempre per colpa di quell'unico soggetto multiaccount che scrive insulti e calunnie e si risponde dandosi ragione da solo. Che pena! Andate a leggere i commenti che scrive durante le dirette di don Minutella. Poveretto. Ormai lo conoscono tutti. Cara Alda Luisa, considera il livello del soggetto e ripensaci. ;-)
Acchiappaladri
@alda luisa corsini Amica mia, per favore rimanga! Che c'entra il comportamento sbagliato di uno o due utenti verso di lei col lasciare GloriaTv.
Possibilissimo che i contenuti che lei pubblica non interessino a chi la ha "bannata" (fra l'altro, francamente, mica ho capito quali suoi commenti possano aver innescato quel maleducato comportamento) ma a tanti altri (centinaia almeno a giudicare dai …More
@alda luisa corsini Amica mia, per favore rimanga! Che c'entra il comportamento sbagliato di uno o due utenti verso di lei col lasciare GloriaTv.
Possibilissimo che i contenuti che lei pubblica non interessino a chi la ha "bannata" (fra l'altro, francamente, mica ho capito quali suoi commenti possano aver innescato quel maleducato comportamento) ma a tanti altri (centinaia almeno a giudicare dai click che ricevono) invece interessano.
Ad esempio a me di solito interessano.
Acchiappaladri
@alda luisa corsini Leggo con sorpresa e sconcerto di questo atto maleducato, che nemmeno ha il pretesto di suoi commenti bruschi o manifestamente provocatori.
Invito chi (faccio finta di non aver capito bene a chi @alda luisa corsini si sta riferendo) ha "bannato" a scusarsi con la signora (anche solo in privato fra di voi: mica serve fare le pubbliche autocritiche staliniane).

Nella mia …More
@alda luisa corsini Leggo con sorpresa e sconcerto di questo atto maleducato, che nemmeno ha il pretesto di suoi commenti bruschi o manifestamente provocatori.
Invito chi (faccio finta di non aver capito bene a chi @alda luisa corsini si sta riferendo) ha "bannato" a scusarsi con la signora (anche solo in privato fra di voi: mica serve fare le pubbliche autocritiche staliniane).

Nella mia ignoranza del funzionamento tecnico di GloriaTv nemmeno sapevo che un utente relativamente ai suoi post potesse "bannare" altri utenti.

Chiunque pubblichi contenuti qui su GloriaTv può tecnicamente scegliere di non accettare commenti ai suoi post se ritiene che possano essere "disturbati" (ma davvero non comprendo come diavolo possano essere un disturbo i commenti di @alda luisa corsini ) da altri utenti.
Se invece l'utente abilita i commenti significa che gradisce una discussione dei suoi post:
e allora dove sta la logica di cancellazione di commenti, o addirittura bannatura di utenti, solamente per intolleranza ad opinioni diverse dalla propria???

Dai, cercate di rimediare.
alda luisa corsini
In particolare a @luca78 @Acchiappaladri @Maria RosaMariaRosaMystica @DolceMente e @ altri Cari utenti, non credo di essere utile a questo social che si è rivelato uno strumento di giochetti e manipolazioni nauseanti a cui non riesco proprio ad aderire. Ricordo che una volta ci hanno chiamato sfigati quando ci volevano offendere, forse è proprio così. L'approccio è quello dei cortigiani e …More
In particolare a @luca78 @Acchiappaladri @Maria RosaMariaRosaMystica @DolceMente e @ altri Cari utenti, non credo di essere utile a questo social che si è rivelato uno strumento di giochetti e manipolazioni nauseanti a cui non riesco proprio ad aderire. Ricordo che una volta ci hanno chiamato sfigati quando ci volevano offendere, forse è proprio così. L'approccio è quello dei cortigiani e del loro chiacchiericcio. Intrighi, trabocchetti, alleanze, tradimenti, piedistalli e cadute dalla torre e tante balle, scuse e poche verità. CHE ORRORE! Rivendico il diritto di scandalizzarmi, non è rimasto che questo. Me ne vado. Non credo di essere utile in nulla, non credo che interessino le cose che interessano a me, cose come l'arte, la storia, la musica, la scienza, la preghiera del semplice. Vi saluto.
alda luisa corsini
Sono stata bannata da Resistenza and company. Bene. La prossima volta, codardi che non siete altro, postate voi questo post di Don Minutella, voi che avete battuto sempre tutti nei tempi di pubblicazione delle sue interviste e lo avete abbandonato non appena vi ha fatto s-comodo. E lo ripeto, facciamola finita con queste storiacce perché il Nemico se la ride, incoscienti che non siete altro. Per …More
Sono stata bannata da Resistenza and company. Bene. La prossima volta, codardi che non siete altro, postate voi questo post di Don Minutella, voi che avete battuto sempre tutti nei tempi di pubblicazione delle sue interviste e lo avete abbandonato non appena vi ha fatto s-comodo. E lo ripeto, facciamola finita con queste storiacce perché il Nemico se la ride, incoscienti che non siete altro. Per me è finita qui.
Acchiappaladri
@luca78 Il problema di tanti disgraziati sacerdoti "macellai" quindi in Italia c'era già 600 anni prima che venisse denunciato da N.S. Gesù a S. Padre Pio. Preziosa la sua citazione di S. Caterina da Siena, Dottore della Chiesa (immagino quindi che anche quella opinione di S. Caterina contribui poi a definire la Dottrina su messe celebrate in modo sacrilego).

A me viene da pensare che, poiché …More
@luca78 Il problema di tanti disgraziati sacerdoti "macellai" quindi in Italia c'era già 600 anni prima che venisse denunciato da N.S. Gesù a S. Padre Pio. Preziosa la sua citazione di S. Caterina da Siena, Dottore della Chiesa (immagino quindi che anche quella opinione di S. Caterina contribui poi a definire la Dottrina su messe celebrate in modo sacrilego).

A me viene da pensare che, poiché Dio è buono e non chiede a un uomo ciò che è impossibile, l'Onnipotente donerà ugualmente i benefici spirituali di una messa valida al semplice fedele partecipante ad una messa celebrata in un modo che a quel fedele, per quanto permesso dalla sua capacità di comprensione, non appaia sacrilego anche se in realtà l'empio sacerdote ha celebrato non validamente.
DolceMente
La Verità non è per tutti. :-)
Raffaele Vargetto
Anch'io ho preso visione, attraverso internet, di SS.Messe celebrate in modo sacrilego, empio e blasfemo da alcuni sacerdoti che indossavano maschere da clown o hanno osato cambiare la materia del Sacrificio. E' chiaro che, in questi casi, la S.Messa non è valida e ciò che è stato compiuto ricade gravemente sulle spalle del sacerdote responsabile e anche del vescovo che ha continuato a dare …More
Anch'io ho preso visione, attraverso internet, di SS.Messe celebrate in modo sacrilego, empio e blasfemo da alcuni sacerdoti che indossavano maschere da clown o hanno osato cambiare la materia del Sacrificio. E' chiaro che, in questi casi, la S.Messa non è valida e ciò che è stato compiuto ricade gravemente sulle spalle del sacerdote responsabile e anche del vescovo che ha continuato a dare fiducia allo stesso prete. Io mi riferivo alle SS.Messe celebrate senza intenzioni empie e sacrileghe. Esse sono tutte valide ed è eretica, invece, ogni altra spiegazione che tentasse di qualificarle come non valide.
Raffaele Vargetto
Io non ho mai detto, né scritto che Bergoglio è un falso profeta. Questo lo affermano coloro che si stanno prendendo la grave responsabilità di uno scisma. La S.Messa è valida fin quando non saranno mutate le Parole della Consacrazione: questo per istituzione divina. Anche se il celebrante fosse un eretico o si trovasse in stato di peccato mortale, la celebrazione del Divino Sacrificio sarebbe …More
Io non ho mai detto, né scritto che Bergoglio è un falso profeta. Questo lo affermano coloro che si stanno prendendo la grave responsabilità di uno scisma. La S.Messa è valida fin quando non saranno mutate le Parole della Consacrazione: questo per istituzione divina. Anche se il celebrante fosse un eretico o si trovasse in stato di peccato mortale, la celebrazione del Divino Sacrificio sarebbe valida per la salute delle anime. Le affermazioni gravi di chi qualifica come "sataniche" le SS.Messe dopo l'ultimo Concilio, le lascio a chi le fa e le ritengo blasfeme.
One more comment from Raffaele Vargetto
Raffaele Vargetto
La S.Messa, sia quella del Vetus Ordo che del Novus Ordo è sempre valida; come lo è la S.Messa in unione con Papa Francesco. Chi dicesse il contrario, si assumerebbe davanti a Dio la grave responsabilità di far peccare le anime.
DolceMente
@Francesco Federico hai ragione. Tu hai scritto: "Certo è che fa specie vedere delle persone che, sino a pochi giorni fa, desideravano essere scomunicati per solidarietà con don Minutella, ed ora gli infliggono il "calcio dell'asino". Questi sono gli eretici che credono di essere cattolici e non conoscono nemmeno la Dottrina. Questi sono i frutti che porta il lavaggio del cervello fatto nelle …More
@Francesco Federico hai ragione. Tu hai scritto: "Certo è che fa specie vedere delle persone che, sino a pochi giorni fa, desideravano essere scomunicati per solidarietà con don Minutella, ed ora gli infliggono il "calcio dell'asino". Questi sono gli eretici che credono di essere cattolici e non conoscono nemmeno la Dottrina. Questi sono i frutti che porta il lavaggio del cervello fatto nelle false messe moderne a cui questi poveretti non possono rinunciare e che credono valide. ;-)
Acchiappaladri
@solosole amico/amica mia. Possibile, molto più probabile ogni giorno che passa alla luce degli indizi che si stanno accumulando.
Ma il mio commento è relativo al fatto che anche ammesso che sia così, mentre i lupi ( meglio le volpi: è più un'azione di truffaldina furbizia che di belluina forza) fanno strage nel gregge addormentato o drogato, nessun sommo pastore è col randello in mano e la …More
@solosole amico/amica mia. Possibile, molto più probabile ogni giorno che passa alla luce degli indizi che si stanno accumulando.
Ma il mio commento è relativo al fatto che anche ammesso che sia così, mentre i lupi ( meglio le volpi: è più un'azione di truffaldina furbizia che di belluina forza) fanno strage nel gregge addormentato o drogato, nessun sommo pastore è col randello in mano e la voce potente ben visibile a tutte le pecore.
C'è quello che ci ha ben detto negli anni passati, di pontificato certo e attivo: è buona cosa ma IMHO altro sarebbe che il Vicario fosse oggi ben visibile e attivo a difesa del gregge.
solosole
@Acchiappaladri "In assenza di una guida certa di un Papa cattolico........"

Il papa c'è ed è Sua Santità Benedetto XVI,saluti
Acchiappaladri
@Francesco Federico Grazie! Grazie! Da ieri pomeriggio mi stavano girando in testa tutte (ma proprio tutte, anche quelle a prima vista bizzarre ma che, ammettendo la premessa stupefacente, sono conseguenze logiche) le questioni che lei ora ha ben citato.
Un buon ausilio alla meditazione, che in umiltà, ritengo che dobbiamo continuare a fare per mantenerci ben orientati in questo tempo in cui l'…More
@Francesco Federico Grazie! Grazie! Da ieri pomeriggio mi stavano girando in testa tutte (ma proprio tutte, anche quelle a prima vista bizzarre ma che, ammettendo la premessa stupefacente, sono conseguenze logiche) le questioni che lei ora ha ben citato.
Un buon ausilio alla meditazione, che in umiltà, ritengo che dobbiamo continuare a fare per mantenerci ben orientati in questo tempo in cui l'apostasia sta velocemente allargandosi.
Anch'io sono convinto che l'Onnipotente non ci chieda cose impossibili (impossibili non per nostra pigrizia, nostra infedeltà, nostra paura o rispetto umano): cerchiamo di fare almeno quel po' che possiamo praticamente fare, meglio se con un po' di sacrificio e poi davvero confidiamo nella Divina Misericordia.

In assenza di una guida certa di un Papa cattolico, in assenza di guida certa di sconcertati cardinali e vescovi pur rimasti cattolici come fede, eccoci qui, semplici laici ma anche semplici sacerdoti, a doverci confrontare con problemi di coscienza che qualche decennio fa sarebbero stati inimmaginabili per i semplici come me.

Seguiamo con pazienza lo sviluppo della comprensione, da parte dei pochi se sembrano spiritualmente interessati a questa tragedia, di come meglio comportarci quando sarà evidente (che sia già iniziato o che stia per iniziare) l'Abominio della Desolazione.
Francesco Federico
Quello che ci suggerisce don Minutella è praticamente impossibile da realizzare, e "ad impossibilia nemo tenetur"

Non mi risulta che ci siano preti disposti a sostituire il nome di "Francesco" nella "Messa" con quello di Benedetto. È più facile trovare una messa di una comunità "sedevacantista" come ad esempio l'istituto "Mater Boni Consilii" , in cui non si prega per il papa , oppure, ancora …More
Quello che ci suggerisce don Minutella è praticamente impossibile da realizzare, e "ad impossibilia nemo tenetur"

Non mi risulta che ci siano preti disposti a sostituire il nome di "Francesco" nella "Messa" con quello di Benedetto. È più facile trovare una messa di una comunità "sedevacantista" come ad esempio l'istituto "Mater Boni Consilii" , in cui non si prega per il papa , oppure, ancora frequentare una chiesa ortodossa i cui sacerdoti hanno certamente la continuità apostolica ed in cui si prega per il Patriarca Ortodosso di riferimento. Qualche buon prete cita Benedetto nella "preghiera dei fedeli" ma nulla più.
Certo è che fa specie vedere delle persone che, sino a pochi giorni fa, desideravano essere scomunicati per solidarietà con don Minutella, ed ora gli infliggono il "calcio dell'asino"
"Asinus, ut vidit ferum
impune laedi, calcibus frontem extudit.
At ille exspirans ‚Fortis indigne tuli
mihi insultare: Te, Naturae dedecus,
quod ferre certe cogor bis videor mori‘
.
alda luisa corsini
Per rispondere a chi mi chiede a cosa mi riferissi quando ho parlato di far scoppiare le bombe o meno, questo è il mio pensiero: tre giorni fa circa ho letto una serie di comunicazioni in cui si prendevano le distanze dalle parole di Don Minutella, comunicazioni siglate da una serie di commenti trancianti e affilati contro le sue parole proprio da coloro che fino a qualche tempo prima lo …More
Per rispondere a chi mi chiede a cosa mi riferissi quando ho parlato di far scoppiare le bombe o meno, questo è il mio pensiero: tre giorni fa circa ho letto una serie di comunicazioni in cui si prendevano le distanze dalle parole di Don Minutella, comunicazioni siglate da una serie di commenti trancianti e affilati contro le sue parole proprio da coloro che fino a qualche tempo prima lo osannavano, si sperticavano in lodi e si precipitavano a POSTARE ogni suo minimo commento, intervista e catechesi che lo vedessero protagonista in tempi velocissimi. Quando ho letto le comunicazioni e i commenti ho avuto una sensazione sgradevole: infatti, in questa sede, parlo di Gloria TV, si condannava a morte l'accusato e ci si defilava dal suo pensiero senza prima aspettato e aver PRESENTATO agli utenti un suo chiarimento. Voi sapete che io non mi inerpico in questioni dottrinali quasi mai, mi piace aspettare, capire, sentire i vari ragionamenti e poi mi faccio un'idea chiamando in causa lo Spirito Santo che mi conosce e sa che ho attitudini per alcune materie ma non per altre. Decido allora di andare sul sito di Radio Domina Nostra, convinta che ci sia un video del Don sull'argomento e infatti mi accorgo di avere ragione. faccio una rapida ricerca su Gloria per vedere se qualcun altro lo ha già postato (perchè non amo i doppioni) e non trovo nulla. Meravigliatissima faccio quello che mi sento in dovere di fare: in soldoni, avete lasciato che postassi io, che non sono titolata sull'argomento "dottrina", il video che chiariva a tutti la posizione del sacerdote che finora ci ha messo nome e faccia (e non c'è nessuno che lo può capire meglio di me che non mi nascondo nè nelle catacombe nè dietro a falsi nomignoli). Che delusione, che amarezza: quale mancanza di onestà intellettuale, quale farisaismo, quale mediocrità ci sta cogliendo? Basta così, ho detto anche troppo e forse male.
Acchiappaladri
@polos ho ascoltato. La sostanza dell'ammonimento (escatologico) è immutata:
l'Abominio della Desolazione è già iniziato.

Ma come abbiamo (ri)scoperto qualche giorno fa, questo annuncio NON è una novità perché con parole pressoché identiche lo aveva già scritto e detto venti e più anni fa don Stefano Gobbi. [per me è stata una sorpresa problematica]

Chi voglia quindi dar credito all'ispirazion…More
@polos ho ascoltato. La sostanza dell'ammonimento (escatologico) è immutata:
l'Abominio della Desolazione è già iniziato.

Ma come abbiamo (ri)scoperto qualche giorno fa, questo annuncio NON è una novità perché con parole pressoché identiche lo aveva già scritto e detto venti e più anni fa don Stefano Gobbi. [per me è stata una sorpresa problematica]

Chi voglia quindi dar credito all'ispirazione autentica dei messaggi diffusi da don Gobbi e voglia considerare letteralmente ciò che lì è scritto in modo esplicito, "papale papale", deve di conseguenza comprendere che l'Abominio della Desolazione NON è un evento drammatico puntuale, una discontinuità, un salto quantico.
Piuttosto ne seguirebbe che è una tragedia in sviluppo: posso ad esempio immaginare che allora riguardasse pochi tabernacoli e che proprio ultimamente, come un satanico "big bang inflazionario" (uso ma metafora del linguaggio cosmologico contemporaneo), abbia coinvolto o stia per coinvolgere un grandissimo numero di tabernacoli.

Il discernimento cerchiamo di farlo, stimolati anche dalla recente scomodissima, "anti-perbenista" ;-) , (il che IMHO è un indizio di un fondamento autenticamente soprannaturale) ammonizione di don Minutella in aggiunta agli altri segni dei tempi che a raffica si manifestano intorno a noi (NON solo come molti di noi si sarebbero aspettati come da copione apocalittico hollywoodiano), anche considerando la possibilità che sopra ho evidenziato.
Massimo M.I.
@Avanti con Maria! Da chi è stato ricevuto questo messaggio Massimo? _ Maria della Divina misericordia, ovvero sia messaggio. Di Gesù Cristo.
Tenendo conto della datazione di questo e altri messaggi, sono profetici alquanto!
CristianoD.O.C
Vangelo di oggi
Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 7,15-20.
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci.
Dai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dalle spine, o fichi dai rovi?
Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi;
un albero buon…
More
Vangelo di oggi
Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 7,15-20.
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci.
Dai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dalle spine, o fichi dai rovi?
Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi;
un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni.
Ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco.
Dai loro frutti dunque li potrete ricono


Meditazione del giorno
Beato Columba Marmion (1858-1923), abate
L'unione a Dio in Cristo, dalle lettere di direzione di Don Marmion

"Dai loro frutti li riconoscerete"
In ogni anima sono tre gli spiriti che tendono al controllo. Lo spirito di falsità e blasfemia che fin dall'inizio suggerisce sempre il contrario di quanto Dio soffia all'orecchio. C'è lo spirito del mondo che ci induce a giudicare le cose secondo i sensi e la prudenza della carne. "La sapienza di questo mondo è stoltezza davanti a Dio" (1Cor 3,19).

C'è lo Spirito di Dio che ci ispira sempre di elevare il cuore sopra la natura ("Sursum corda"*) e di vivere di fede ("Il mio giusto vivrà mediante la fede" Eb 10,38). Questo Spirito ci spinge senza posa verso una fede che ama semplicemente e verso l'abbandono di sé nelle mani di Dio. Ci riempie di "pace e gioia nella fede" (Rm 15,13) e produce i frutti di cui parla san Paolo. Nostro Signore ha detto: "Riconoscerete questi spiriti dai frutti" che producono nella vostra anima.

Vi raccomando una grande fedeltà ai movimenti dello Spirito Santo. Il vostro battesimo, la confermazione lo hanno stabilito come fontana vivente nella vostra anima. Ascoltate i suoi bisbigli e mettete subito in fuga la altre ispirazioni. Se conservate questa fedeltà, poco a poco lo Spirito divino diverrà la vostra guida e vi porterà con Lui nel seno del Padre.

Sursum corda": "Eleviamo il cuore", nella liturgia introduzione al prefazio