04:21
notiziario
3760
Quando disobbedire al proprio vescovo è la cosa migliore da fare secondo i santi: La disobbedienza benedetta. A volte bisogna disobbedire al vescovo, scrive l'arciprete ortodosso Theodore Zisis nel …More
Quando disobbedire al proprio vescovo è la cosa migliore da fare secondo i santi: La disobbedienza benedetta.

A volte bisogna disobbedire al vescovo, scrive l'arciprete ortodosso Theodore Zisis nel suo libro "Disobbedienza benedetta o obbedienza cattiva?".
Cita Atanasio, Basilio il Grande, Gregorio di Nazianzo, Giovanni Crisostomo, Massimo il Confessore, Teodoro lo Studita e Symeon il Nuovo Teologo. Secondo questi santi, esiste una santa disobbedienza divina che è talvolta necessaria quando i vescovi insegnano cose sbagliate.

Atanasio. Sant'Atanasio disse che quando i vescovi seducono i fedeli, è meglio riunirsi in preghiera senza di loro "che essere gettati nel fuoco dell'inferno con loro". Ad Atanasio fu detto che i monaci della Cappadocia si erano rivoltati contro San Basilio il Grande che per amore dell'"unità" aveva evitato di chiamare lo Spirito Santo "consustanziale" per qualche tempo. Atanasio disse ai monaci che Basilio non negava la vera fede ma era solo diventato "debole per i deboli". Tuttavia, aggiunse, "Se fosse possibile sospettarlo di un'errata comprensione della verità, allora sarebbe bene andare contro di lui".

Basilio. San Basilio il Grande consigliò ai presbiteri di Nikopol di evitare il loro vescovo Fronton, filo ariano. Disse loro che non considerava un vescovo colui che veniva proposto ad un posto di primato per distruggere la fede. Pertanto, i sacerdoti non dovrebbero essere ingannati da coloro che proclamano la parola falsa come la vera fede. Basilio li chiama "traditori di Cristo, non cristiani, che preferiscono vivere per il proprio beneficio, e non per la verità".

Vescovi abominevoli. A Basilio fu chiesto se si dovesse obbedire a tutti, qualunque cosa ordinasse. Egli rispose che per coloro che professano i tre voti religiosi non fa differenza se un superiore o un subordinato esige obbedienza. Ciò che conta è solo se ciò che comanda è in accordo con il Vangelo. Di conseguenza, Basilio insegnò ad allontanarsi dai vescovi che ci impediscono di obbedire ai comandamenti di Dio. Cito: "Devono essere considerati abominevoli per chiunque ami il Signore".

Paura dei vescovi. San Gregorio di Nazianzo scrisse che non aveva paura degli uomini né degli animali selvatici. L'unica cosa che temeva erano i vescovi malvagi, perché sono impostati per essere maestri del bene, ma si rivelano essere la fonte di ogni male. Troviamo un'idea simile in San Giovanni Crisostomo. Citazione: "Non ho paura di nessuno quanto dei vescovi, esclusi alcuni".

Massimo. Un vescovo eretico disse a san Massimo il Confessore che era completamente d'accordo con lui e che non stava cambiando il credo ma agendo così solo per ragioni di unità della Chiesa. Massimo rispose che non c'era spazio per i compromessi in materia di fede, e che coloro che cercavano di giustificare la loro deviazione dalla fede con questo argomento erano dei bugiardi che non solo non dovevano essere obbediti, ma dovevano essere allontanati in ogni modo, per evitare che con la comunione con loro si partecipasse alla loro malvagità.
luxy
peccato per la lingua...una traduzione sarebbe stata gradita.
notiziario
Ho tradotto tutto, parola per parola: se nota, alla fine delle prime tre righe vi è la scritta (in corsivo) "Altro": è sufficiente "cliccare" su di essa per leggere tutto il testo!
luxy
si vede tanto che non sono padrona del mezzo neanche un po? 🤭Grazie...