Clicks255
Psichiatra: il sostegno del vescovo Bonnemain all'unione gay è "tradimento" Le recenti dichiarazioni del vescovo Bonnemain di Coira a favore delle relazioni omosessuali sono "terribilmente distruttiv…More
Psichiatra: il sostegno del vescovo Bonnemain all'unione gay è "tradimento"

Le recenti dichiarazioni del vescovo Bonnemain di Coira a favore delle relazioni omosessuali sono "terribilmente distruttive" e "un tradimento". È quanto ha dichiarato a LifeSiteNews il terapeuta olandese Van den Aardweg, ex membro l'Opus Dei. "Le idee di Bonnemain sono psicologicamente folli ed è una disgrazia per l'Opus Dei"
Un vescovo che fa suoi i dogmi dell'ideologia gay sta contribuendo in modo massiccio all'inganno del popolo. Il vescovo Bonnemain ha lodato le cosiddette relazioni omosessuali "stabili". Ma lo psichiatra Aardweg dubita che tali relazioni esistano.

Aardweg: La relazione omossessuale fedele e amorevole è una finzione

Aardweg si riferisce alle statistiche della ricerca sugli omosessuali. Secondo questi, la metà degli omosessuali praticanti ha un partner stabile. Di questi, tuttavia, più della metà sono aperti ad altri contatti sessuali. Il 60% delle relazioni "stabili" dura meno di un anno e solo il 7% dura più di 5 anni. Più del 60% delle relazioni "stabili" non vivono insieme. Solo il 4,5% di loro dichiara di aver vissuto insieme monogamicamente per più di cinque anni. Aardweg non crede che questo 4,5% esista davvero. Nel suo ambiente, tutte queste affermazioni si sarebbero rivelate false senza eccezione. Gli ex attivisti omo ammettevano essi stessi che venivano presentati modelli omo fedeli all'esterno, anche se in realtà vivevano promiscuamente e in relazioni conflittuali.

L'omosessualità è "schiavitù di pratiche sessuali schifose"

Aardweg sottolinea che i mariti e le mogli cooperano con Dio per avere figli. Al contrario, dice Aardweg, "le persone sessualmente disturbate sarebbero schiave di pratiche sessuali sporche". Per lo psichiatra, è un'offesa a Dio e all'uomo mettere la posizione intrinsecamente privilegiata del matrimonio alla pari con - cito Aardweg - la "perversione".

Intuizioni precise, verità spietate

Come esempio, Aardweg cita un omosessuale non cattolico di mezza età che dice di sé - citazione: "Guardando indietro, non riesco a capire perché ho pensato che la vita omosessuale fosse così affascinante. È un mondo duro e non lo augurerei al mio peggior nemico.... La mia vita è l'antitesi di quella di migliaia di altri omosessuali .... Nel corso degli anni ho vissuto con diversi partner, alcuni dei quali ho affermato di amare. Hanno giurato di amarmi. Ma i legami omosessuali iniziano e finiscono con il sesso. Non c'è quasi nessun'altra base. Dopo la prima relazione appassionata, il sesso diventa sempre meno frequente. I partner diventano nervosi. Vogliono nuove emozioni, nuove esperienze. Cominciano a tradirsi a vicenda, all'inizio segretamente, poi sempre più ovviamente.... Ci sono esplosioni di gelosia e litigi. Infine, si lasciano e cercano un nuovo amante".

Fin dai tempi degli apostoli la sodomia è stata considerata peccato grave.

Aardweg afferma che l'omosessualità è innaturale e peccaminosa. Lo psichiatra invoca il buon senso e 2000 anni di insegnamento della Chiesa. Aardweg respinge le affermazioni che Paolo e la giovane chiesa non avevano le conoscenze di oggi sull'omosessualità. Gli apostoli e i padri della chiesa, dice, avevano più familiarità con l'omosessualità nell'antica Roma e nella Grecia di molti intellettuali e del cittadino medio di oggi. Aardweg nota che l'omosessualità, è uno dei cinque peccati, che grida vendetta al cospetto di Dio e, senza pentimento, è punibile con la dannazione eterna.
RICCARDO GIACHINO
M.Valtorta cap. 123: Gesu' dice: "E NON CONTEMPLO NEPPURE QUELLE INCONCEPIBILI UNIONI DA INCUBO CHE IL LEVITICO CONDANNA CON QUESTE PAROLE: UOMO, NON TI ACCOSTERAI ALL'UOMO COME FOSSE UNA DONNA (Levitico 18,22-23)"