Fatima.
341

Le inquietanti (e profondamente irritanti) agende globaliste nel film di James Bond “No Time to Die”

AGO 3

Pubblicato da neovitruvian

La storia raccontata in “No Time to Die” ruota attorno a un virus che prende di mira il DNA e che è stranamente simile al vaiolo delle scimmie. Considerando il fatto che il film è stato completato intorno al 2019, la coincidenza è piuttosto inquietante. Il film è un altro caso di programmazione predittiva?

No Time to Die è stato uno dei primi film ad essere distribuito nelle sale dopo i lockdown COVID. E, se gli spettatori si aspettavano una divertente fuga dalla realtà da questo film di successo, beh, non è affatto così. Si sono infatti trovati davanti un James Bond triste, turbato e depresso per circa 3 ore. In effetti, un titolo più appropriato per il film avrebbe dovuto essere A LOT of Time to Die. Perché ci vogliono circa tre ore prima che James Bond si arrenda e muoia. Perché, sì, Bond muore davvero nel film. In un modo strano e codardo.

Quindi, quando il film è (finalmente) finito, la mia faccia era raggrinzita e in totale confusione. Non posso dire di essere un appassionato di James Bond, ma quel film non sembrava affatto James Bond. Non si tratta sostanzialmente di pistole, ragazze e gadget futuristici? Con la faccia ancora accartocciata, ho cercato alcune recensioni di film per assicurarmi di non essere pazzo. Questa è stata la recensione migliore su Amazon.

Le inquietanti (e profondamente irritanti) agende globaliste nel film di James Bond “No Time to Die” | Neovitruvian's Blog