Clicks35

San Francesco e Manduria: Cominciate a preparare i vostri figli o non comprenderanno ciò che verrà.

Ritorna San Francesco, lo vedo con la tunica di color grigio tendente al marrone ma solo nelle sfumature. È molto pallido sembra stanco come se avesse camminato a lungo e non abbia trovato ristoro e riparo.

“Pace a te figlia e sorella mia, sei triste?”

D: “Un poco, Padre Serafico! Ma tu mi sembri debole e molto affaticato! Perché?”

San Francesco: “Perché figlia mia dell'ordine del soldato! Laica combattente sei e sarai; chi trova pace in tempi così!”

D: “Tu hai tenuto le colonne della chiesa!”

San Francesco: “A cosa è servito se oggi la Chiesa è tutta Lutero! L’ho predicato in ogni modo ma anche nel mio ordine sono in diversi ad aver abbandonato lo spirito interiore, praticano la povertà ma non si allontanano dalle affezioni umane. Non v'è convento che non si perda per la scatoletta”

D: “La scatoletta? (Poi ho riflettuto). Il computer, il cellulare!”

San Francesco: “Già questi! Dove tutto quello che si sente non viene dai boschi, dal mare, dalle campagne, dalle città! È artificiale ma bisogna usare con prudenza; il frate dovrebbe stare a distanza da ciò o non troverà pace nel suo vivere.
Questo non vuol dire essere sordo, cieco ma al contrario udire con lo Spirito Santo. Tu pure sorellina, rinfrancati e non cercare di capire l'opera dell'Altissimo pone in te. Anche io non ebbi mai a considerare altro che il favore dal Cielo concessomi e non mi attesi di condividerlo. Mi furono mandati bravi e fedeli appoggi che sostennero il cammino ma nelle prove ero sempre solo.
Chiara era l'unica che possedeva animo puro e come una colombina saggia aveva il nido in caldo; voleva sempre soccorrermi ma non poteva lasciare i suoi ed io non potevo trascinarla nel mio assetato cercare. Avevo fame di Dio e più cercavo e più Lui, Beatissimo, si nascondeva ai miei logori sensi.
Tanto piansi e in solitudine mi dimenavo tra rocce e sterpaglie al fine di fare convincimento presso l’Umilissimo Re a mostrarmi Suo dilettissimo disegno. Ti dico Beati coloro che restano nel Suo segreto che di cose velate è pieno l'occhio del Dio Fattore e a noi infimi servi duole ciò; ma soltanto in pazienza e allegrezza, come si conviene ai puri, troveranno la via della benedizione donde andare alla fonte ogni volta.
Tu pure soffrirai ma la notte dell'anima in prigione le stelle che sempre ti faranno compagnia”


D: “Le stelle dolce Padre?”

San Francesco: “Le sorelle che il Signore ti invierà, le anime che porteranno come te la stessa croce”

D: “Grazie Padre ma resta con me, vorrei offrirti qualcosa!”

San Francesco: “La tua acqua mi basterà ma vorrei dirti che una bufera arriva. Vedi - (Si apre una visione)
Qui in questo stretto pretenderanno l'impossibile. (Mi è sembrato sia scritto stretto di Hormuz). Inizierà un grave conflitto prima della guerra tremenda ed infernale e qui accadrà una novella Chernobyl, cento volte più potente. L'islam si prepara per invadere l'occidente poco dopo e vedo molti confratelli nel dolore e nel sangue. Tutti i Balcani precipiteranno in una nuova crisi e in questi territori vi saranno diversi omicidi di capi1, di generalissimi venuti qui per consolidare i loro disegni.

Poco dopo verrà il peggio. L'America vuol fare la fortezza inespugnabile ma si ritirerà. Poi tutto il suo territorio sarà bombardato ma più avanti, quando vedrete Manhattan sparire. Il Sudan entrerà in questo conflitto i paesi attorno, anche l'Egitto! Da qui inizieranno prove militari che si espanderanno in tutto il Mediterraneo; poi verrà il tempo dell’Adriatico e sarà tutto un volteggiare di onde. Pregate poiché la Signora potrà fare grandi interventi. Cominciate a preparare i vostri figli o non comprenderanno ciò che verrà.
Abbi pace sorella. Ti parlerò dopo ancora”


Tutto finisce. Non sono sicura di aver sentito bene se fosse proprio il Sudan comunque è certo che l'Arabia Saudita si troverà dentro un conflitto. Con molta fatica vado a riposare ma ne esco veramente provata. Non so come fare a mettere giù, su carta, i miei sentimenti ma se il Padre Serafico parlava così c'è da aspettarsi qualcosa di grosso.
Egli annuncia con sofferenza parlando di quelle terre che ebbe a visitare.

(Messaggio del 25 Novembre 2005)


1 : Ve ne saranno tre che desteranno scalpore
giovanipromanduria