Clicks302
it.news

Oko condannato: cardinale Müller confronta giustizia tedesca ai nazisti

Il cardinale Gerhard Müller si vergogna perché in Germania, suo paese natale, è ancora possibile perseguire gli scienziati che danno dati reali, ha detto a Gosc.pl (9 agosto) facendo riferimento a don Darisz Oko, condannato in Germania per aver svelato la mafia omosessuale nella Chiesa.

Müller Ricarda il Governatore nazista della Polonia, che ha inviato tutti i professori di Cracovia in campo di concentramento.

Oko è stato condannato per un rapporto erudito sui crimini omosessuali commessi da alti prelati. Müller chiarisce che condannare questi crimini è "un atto di coraggio che merita il rispetto di tutte le persone degne."

Il cardinale spiega che "la natura criminale delle azioni di questi individui [omosessuali] che vivono nella Chiesa ma si proteggono dietro lo scudo dell'impunità consentito dal loro ufficio portano molti giovani nella loro condanna."

Simultaneamente, il cardinale osserva che migliaia di preti innocenti vengono insultati come "pedofiili" ogni giorno, seppure nessun tribunale o nessun giornale reagisca, perché queste "incitazioni alla violenza" contro i preti vengono considerate "nel quadro della libertà di parola". Allora il cardinale chiede: "Abbiamo raggiunto il punto in cui si proteggono ancora i colpevoli punendo gli innocenti?"

Foto: Gerhard Ludwig Müller, © Mazur, CC BY-NC-SA, #newsAeoqtzrxmt