Join Gloria’s Christmas Campaign. Donate now!
Clicks427

Cortocircuito contemporaneo.

Secondo degli esimi giudici di Padova, in una sentenza che condanna dei genitori per essersi rifiutati di curare la propria figlia affetta da tumore con la chemioterapia, la vita dei figli non è nelle mani dei genitori. Bella scoperta si dirà, parole di grande senso, peccato che questo non valga nel caso dell'aborto. In quel caso il figlio è bene privato della donna che può disporne a suo piacimento, i figli avendo la sfortuna di avere necessità di un utero per formarsi e nascere sono in questi mesi in balia dei cambi di umore e delle decisioni della madre, che può decidere della vita e della morte del feto. In quel caso secondo i tanto esimi giudici non ci sono abusi da parte dei genitori, se il figlio è nell'utero materno i suoi diritti e la sua indipendenza vanno a farsi benedire. Che dire i liberali ed i progressisti sono incoerenti e si autocontraddicono in continuazione, con un pensiero che si adatta alle situazioni e che si rivela incapace di resistere alla contingenza. www.ilmessaggero.it/…/leucemia_eleono…
Suari likes this.
Liberali e progressisti (dov' è il progresso?) adattano le loro idee a tutto, purchè sia escluso Cristo e a Lui contrario.
A parte quello che giustamente si punta nell' articolo, incoerenza e antiteticità di veduta su uno stesso concetto, le stesse impazzano nei loro discorsi, e azioni.
Le leggi ne sono il risultato e non l' origine.
Cosí sull' aborto, divorzio, eutanasia, e ogni orrendo peccato …More
Liberali e progressisti (dov' è il progresso?) adattano le loro idee a tutto, purchè sia escluso Cristo e a Lui contrario.
A parte quello che giustamente si punta nell' articolo, incoerenza e antiteticità di veduta su uno stesso concetto, le stesse impazzano nei loro discorsi, e azioni.
Le leggi ne sono il risultato e non l' origine.
Cosí sull' aborto, divorzio, eutanasia, e ogni orrendo peccato che non fanno coincidere con reato.
Per cui si vive in una società dissociata.

Ossia se la legge permette una cosa, il peccato non esiste piú quindi in quella cosa. E saremmo già sulla buona strada se almeno usassero il termine peccato. Si ricorderebbero che esiste Dio.
Invece sento dire" se la legge lo permette.../ è quella che vale"...
Una società dissociata in se stessa, dove gli uomini hanno chiesto leggi contrarie al Vangelo, sdoganate dalla religione, e usano quelle stesse leggi da essi stessi richieste, come paravento legale per i loro peccati che ora non chiamano piú nemmeno crimini.
Ossia il crimine non esiste piú e non è piú peccato.

Prima i due aspetti coincidevano, poi, dopo il 68, li hanno separati. E si sono educate le nuove generazioni su questa via.
Se prima l' aborto era illegale, questa illegalità funzionava da deterrente anche nel non commettere questo grave peccato.

Si dirà che gli aborti si praticavano lo stesso. Si perchè dipende sempre da coscienze malformate nella religione. La coscienza religiosa e quella civile combaciavano quasi del tutto.
E almeno se ne evitavano tantissimi. Si dirà che qualche donna moriva affidandosi alle praticone. Meglio legalizzare hanno pensato l' aborto, cosí il delitto avviene in una struttura ospedaliera. E si badi bene che i casi eccezionali poi sono divenuti la normalità, e l' aborto è ora praticato come fosse un contraccettivo.

Le inventano tutte, anche la pillola del giorno dopo. Quando anche le africane faranno uso della pillola anticoncezionale, e di quella del giorno dopo, o dell' aborto, il loro figliare sarà molto ma molto meno, sarà un danno per la massoneria importatrice di nuovi schiavi.
Ma sono già ricorsi alla contromisura: donne islamiche, che con l' islam non si scherza. E chi mai potrà liberare le donne islamiche?
La liberazione radical chic vale solo per le occidentali cristiane, baluardo dei cattolici: le nascite.
Aborto illegale, aborto peccato. Le due cose coincidevano.
Poi l' aborto non è stato piú illegale, la pillola la si è indorata dicendo che era solo.per casi eccezionali di pericolo per la madre o cose cosí, e ora l' aborto viene anche rimesso nei peccati. Come l' adulterio, caso per caso, all' inizio, e poi piano piano diventa peccato usuale… non è che dicono che non sia peccato grave, ma dicono che si puó rimettere.
Non è questo il problema, anzi, il problema e che si spazza via dalla mente delle donne cattoliche un freno simile, e cioè che l' aborto sia un omicidio di una creatura innocente la cui fine viene decretata dalla madre, tanto matura per fare sesso, tanto immatura per avere un figlio e farlo nascere.
Questo è il problema, il pericolo del lassismo religioso.
Oggi tra liberali e progressisti, diciamolo bene, comunisti quindi, particolarmente impudenti ed insolenti, e verbalmente aggressivi, forse perchè tanti usano stupefacenti, si vive male assai. Perchè si vive a contatto con gente che la pensa cosí. Che vuole cosí...
Democrazia si dirà... democrazia che poi non riconoscono a chi non la pensa come loro.

Quando si risponde a costoro, frammettono nel discorso tutta una serie di concetti astrusi e immorali, che diventa un ginepraio inestricabile dove non si riesce a riportare la loro attenzione sul focus. Lo fanno apposta,
perchè non amano la luce. Lassi e scuri.

Vivendo volontariamente nel buio spirituale, il buio non mostra loro nulla. Tutto è di un solo colore: il nero. E amano vivere cosí, il no code morale. Credono nella liberazione dell' individuo occidentale, dai vincoli di ogni genere, e la intendono come liberazione da ogni vincolo religioso e morale. Nemmeno per l' anticamera del cervello passa loro l' ipotesi che oltre l' apparenza ben confezionata vi sia il gioco sporco del Male. Lassi e scuri proprio. Bisognerebbe tornare a formare bene le nuove generazioni. La famiglia è durata millenni perchè le generazioni erano ben formate. Religiosamente e civilmente. Ma ora c' è un marasma, tanti mali a cui si sono aperte le porte. Il vaso di Pandora scoperchiato....

E se si indica loro la luce, impastoiano il discorso per spegnere quell' idea che porta luce, seppellendola sotto un cumulo di idiozie pescate qua e là in tutte discipline e pseudo discipline, da ogni dove, e di tutto, purchè e fuorchè non ci sia Cristo.
Soffro moltissimo per gli aborti commessi cosí. Non oso pensare a come straziano Gesú. Perdonare si, ma riportarsi sulla retta via. Non indugiare...
La legge sull' aborto va cancellata, perchè non è civiltà ma inevoluzione, imbarbarimento, ammaleficamento della società che porta l' essere umano ad essere meno degli animali, che almeno i loro piccoli li fanno nascere tutti.
Formare coscienza per formare l' uomo, formare coscienze di chi è chiamato e impegnato in questo. Non piú lassi e non piú scuri. Altrimenti non esisteremo piú, perchè l' aborto è distruzione di massa.
Genocidio occidentale.
Genocidio legalizzato.
Condivido ogni sua parola.
nolimetangere likes this.
Christoforus78 likes this.