Francesco I
Certo la messa di sempre è quella che rispetta meglio la Tradizione cattolica, tuttavia, poiché vi sono molti vescovi che, di fatto ne impediscono o ne boicottano la celebrazione, una soluzione di compromesso può proprio essere quella del novus ordo in latino. Anche qui manca l'aspetto sacrificale in cui Gesù si fa olocausto per noi, ma, se non altro non vi sono quelle invocazioni da bassa …More
Certo la messa di sempre è quella che rispetta meglio la Tradizione cattolica, tuttavia, poiché vi sono molti vescovi che, di fatto ne impediscono o ne boicottano la celebrazione, una soluzione di compromesso può proprio essere quella del novus ordo in latino. Anche qui manca l'aspetto sacrificale in cui Gesù si fa olocausto per noi, ma, se non altro non vi sono quelle invocazioni da bassa macelleria (la "cena dell'agnello")Inoltre Il Pater Noster viene recitato così come ce lo ha insegnato Nostro Signore e non
come lo ha voluto la CEI, nella consacrazione vi è la formula "pro Multis" e non quella della teoria dell'apocatastasi di "per tutti" , il confiteor è recitato nella sua formulazione corretta, e così via.
Dato che persino Bergoglio si attiene a queste regole quando celebra in latino, non credo che ci sia barba di vescovo modernista che oserebbe criticare ciò che fa il "Lider Maximo"
Amen