Clicks1.3K
Francesco I
7

[Sinodo Amazzonia] La danza delle streghe nei Giardini Vaticani

Ieri mattina nei Giardini Vaticani è stato piantato un leccio di Assisi. La piantumazione è avvenuta per chiudere “il Tempo del Creato, un periodo di più intensa orazione e azione a beneficio della Casa comune” (vaticannews 4/10/2019) e per inaugurare il Sinodo dei vescovi per la regione Panamazzonica che si celebrerà in Roma dal 6 al 27 ottobre prossimi e che proprio oggi è stato consacrato a San Francesco (quello falso della religione ecologista non quello vero della storia e della religione cattolica!).
La cerimonia possiamo definirla interreligiosa e panteista.
Interreligiosa perché alle preghiere cristiane sono seguiti rituali pagani.
Panteista sia perché il panteismo (tappa finale del modernismo) è la perversa dottrina che presiede al Sinodo Amazzonico e ciò lo abbiamo dimostrato in vari articoli qui su Radio Spada; sia perché le preghiere sono stare rivolte alla Natura, alla Terra che sempre più spudoratamente vengono presentate come un qualcosa di divino, contrariamente al loro stato creatura che il bistrattato San Francesco cantava nel suo Cantico delle Creature.

Ciascuno può vedere nel video diffuso dagli organi della Santa Sede le danze in cerchio fatte dalla delegazione amazzonica, sono parole del cronista, “per rendere omaggio e poi piantare [il] leccio, un segno di amore verso la madre terra“; e ancora le braccia alzate al cielo dagli indigeni, e le prostrazioni rivolte ad un plastico raffigurante la terra amazzonica, fra suoni di maracas agitate da una sacerdotessa (?) … tutto ovviamente alla presenza di papa Bergoglio.
Dal blog amico Chiesaepostconcilio apprediamo che “che si trattava di un rituale pagano della fertilità“.
Certamente uno scandalo, ma uno scandalo in linea con la tradizione conciliare. I modernisti infatti non sono nuovi al culto pagano e ad insultare con esso la santità del Serafico Francesco. Ad Assisi durante il raduno di preghiera interreligioso del 1986 da Giovanni Paolo II di culto pagano ve ne fu più d’uno.
Nella chiesa di San Pietro, i bonzi resero i loro omaggi al Dalai Lama, incarnazione del Budda ed alla stesso Budda un cui idolo troneggiava sul tabernacolo (cfr. Avvenire e Il Mattino, 28 ottobre 1986). Sull’altare della chiesa di San Gregorio gli indiani pellerossa preparano il calumet della pace (La Repubblica, 28 ottobre 1986) . Nella chiesa di santa Maria Maggiore gli induisti invocarono i loro falsi dèi, che in verità sono demoni (Il Corriere della Sera, 28 ottobre 1986).

radiospada.org
Stanno cercando di abolire il primo comandamento adorando la dea terra e omaggiando la dea della fertilità nei giardini vaticani il 4 ottobre 2019, giorno di S.Francesco. Stanno cercando di sostituire culti pagani al culto che si deve a Dio. Fanno intervenire stregoni con arti magiche di natura maligna a cui affidano loro stessi e la Chiesa intera. É un progetto mostruoso e di una gravità …More
Stanno cercando di abolire il primo comandamento adorando la dea terra e omaggiando la dea della fertilità nei giardini vaticani il 4 ottobre 2019, giorno di S.Francesco. Stanno cercando di sostituire culti pagani al culto che si deve a Dio. Fanno intervenire stregoni con arti magiche di natura maligna a cui affidano loro stessi e la Chiesa intera. É un progetto mostruoso e di una gravità inaudita.

"Io sono il Signore tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto, dalla condizione di schiavitù; non avrai altri dei di fronte a me. Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo, né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acquae sotto terra. Non ti prosterai davanti a loro e non li servirai". (Es 20,2-5)

Vedi:
Divinazione nei giardini del Vaticano: Francesco abbocca e partecipa (video)
Elijah Patriarch of the Byzantine Catholic Patriarchate

In the present time the only and right solution is the following: to abolish interreligious dialogue and to open the door for true reevangelization and mission.
www.youtube.com/watch
N.S.dellaGuardia
Solo il profondo amore di San Francesco per la Chiesa, e la sua infinita umiltà possono impedirgli di chiedere a Nostro Signore il permesso di scendere dal cielo come una colonna di fuoco ed invenerirli tutti!
fidelis eternis and one more user like this.
fidelis eternis likes this.
Francesco I likes this.
mjj75
Un immane porcheria!! Non c'è esegesi che tenga!
fidelis eternis
Ieri sera il parroco, parlando del mese missionario, ha detto che essere missionari non significa solo andare in Africa ad aiutare la gente del luogo (N.B. “aiutare”, non evangelizzare), ma anche aiutare chi è vicino a noi, la moglie, il marito, i figli, sapendo perdonare, accogliere, andare avanti. Nemmeno un fugace accenno all’evangelizzazione, alla conquista di anime a Cristo, al portare la …More
Ieri sera il parroco, parlando del mese missionario, ha detto che essere missionari non significa solo andare in Africa ad aiutare la gente del luogo (N.B. “aiutare”, non evangelizzare), ma anche aiutare chi è vicino a noi, la moglie, il marito, i figli, sapendo perdonare, accogliere, andare avanti. Nemmeno un fugace accenno all’evangelizzazione, alla conquista di anime a Cristo, al portare la vera, sola religione rivelata ai seguaci di false religioni (guai!e la pace tra le religioni?), compito questo fondamentale per i missionari, assegnato loro direttamente da NSGC. Di questo compito della Chiesa i preti non ne parlano più, segno evidente che la loro “chiesa” è cattolica solo di facciata, per ingannare le anime semplici, ma nel profondo è tenacemente anticristica, seguace del Nemico; infatti Cristo dice chiaramente “chi non è con Me, è contro di Me … chi non raccoglie con Me, disperde…”, e il rifiutarsi di eseguire il compito loro affidato, cos’altro vuol dire, se non porsi orgogliosamente contro di Lui, disobbedirGli? Già in un’altra occasione lo stesso parroco aveva chiesto retoricamente ai bambini ((in una domenica di raccolta fondi per le missioni) “cosa ci vanno a fare i missionari in Africa?”, rispondendo poi per loro “ma ad aiutare la gente, a costruire pozzi, case, “, però, guardate bene, aveva aggiunto, non è tutto qui (ho, sollievo, pensai, adesso parla dell’evangelizzazione), gli africani non devono rimanere spettatori inattivi, no, debbono rimboccarsi le maniche ed aiutare anche loro i missionari a costruire pozzi, case; i missionari ci mettono i fondi raccolti, la gente del luogo ci deve mettere la forza lavoro, questo il vero volto della missione. E’ ancora Chiesa di Cristo questa? Anche senza arrivare alle sceneggiate della danza di Pacha Mama del cd Cardinal Ravasi e, oggi, ai riti pagani amazzonici. Siamo nella più completa apostasia, non possiamo nemmeno più seguire il vecchio adagio riferito al prete “fai come dico io, ma non come faccio io”; un “outing” diabolico, il loro, quindi a loro il Vade Retro (diretto da Fanghiglia Cristiana a Matteo Salvini), l’anatema !
Francesco I likes this.
Francesco I
Il "Grande Timoniere"odia i missionari e lo ha detto esplicitamente:

"Il proselitismo è il veleno contro l'ecumenismo"
fidelis eternis likes this.
mjj75 likes this.
Gaetano2
Ragazzi a me pare che questo tipo di "celebrazioni" siano adatte a don Ciccio, ci sta proprio bene lì in mezzo.
mjj75 likes this.