Andrea Mancinella
Caro Veritasanteomnia, è ovvio che il problema è lui, prima ancora di Sachs. Ma facciamoci coraggio, il Signore non permetterà ancora per molto tempo questi scandali nella sua Chiesa.
E Papa Bergoglio , Sachs e compagni saranno solo un brutto ricordo...
Gesù, Maria SS.ma, San Giuseppe, dateci un Papa Cattolico e santo!
don Andrea Mancinella
Veritasanteomnia
Ma il vero problema non è Sachs...è Bergoglio
Andrea Mancinella
Caro Veritasanteomnia, è ovvio che il problema è lui, prima ancora di Sachs. Ma facciamoci coraggio, il Signore non permetterà ancora per molto tempo questi scandali nella sua Chiesa.
E Papa Bergoglio , Sachs e compagni saranno solo un brutto ricordo...
Gesù, Maria SS.ma, San Giuseppe, dateci un Papa Cattolico e santo!
don Andrea Mancinella
LA VERA GLORIA
Faccia da schiaffi? Faccia da AK47!
Andrea Mancinella
Che faccia da schiaffi! Una vera e propria CAROGNA, quel Sachs.
Ma da tanto male e scandalo, il Signore potrebbe ricavare un bene: il risveglio improvviso di tanti cattolici (sacerdoti compresi, purtroppo) che non hanno capito nulla della crisi nella Chiesa, e che ora potrebbero rendersi conto di chi sia veramente Papa Bergoglio e di cosa è veramente il suo amatissimo Concilio Vaticano II, da …More
Che faccia da schiaffi! Una vera e propria CAROGNA, quel Sachs.
Ma da tanto male e scandalo, il Signore potrebbe ricavare un bene: il risveglio improvviso di tanti cattolici (sacerdoti compresi, purtroppo) che non hanno capito nulla della crisi nella Chiesa, e che ora potrebbero rendersi conto di chi sia veramente Papa Bergoglio e di cosa è veramente il suo amatissimo Concilio Vaticano II, da lui sempre propugnato per appoggiare le sue malefatte.
Se poi nemmeno questa nomina li risveglia, vorrebbe dire che sono quasi definitivamente perduti.
Gesù, Maria SS.ma, San Giuseppe, salvateci dai neomodernisti e dagli abortisti!
don Andrea Mancinella, eremita della Diocesi di Albano
Francesco Federico
Sancte Pie X, ora pro nobis et propter convertionem indigni papae Francisci !
karlrogers
Cam non ebbe rispetto della dignità del Padre , ciò compromise la sua stessa dignità !
Una società senza etica è destinata alla schiavitù e non conta il colore della pelle .
Diodoro
"Mantieni l'Umanità sotto i 500.000.000 in perenne equilibrio con la natura".
PRIMO Comandamento delle Georgia Guidestones
Francesco Federico
@Diodoro
Non tutti sanno che una grossa responsabilità per l'approvazione della legge sul divorzio, anche per i matrimoni concordatari, fu dovuta all'atteggiamento miope delle gerarchie ecclesiastiche e, soprattutto, a Paolo VI

L'eclettico sacerdote pugliese don Olindo del Donno, (già cappellano militare delle camicie nere poi deputato del MSI) laureato in utroque iure ed avvocato cassazionis…More
@Diodoro
Non tutti sanno che una grossa responsabilità per l'approvazione della legge sul divorzio, anche per i matrimoni concordatari, fu dovuta all'atteggiamento miope delle gerarchie ecclesiastiche e, soprattutto, a Paolo VI

L'eclettico sacerdote pugliese don Olindo del Donno, (già cappellano militare delle camicie nere poi deputato del MSI) laureato in utroque iure ed avvocato cassazionista, presentò uno studio in base al quale la legge così formulata violava palesemente l'articolo sette della costituzione il quale faceva (e fa ) riferimento ai patti lateranensi .
Ora, nel 1974 erano ancora in vigore i patti lateranensi dell'11 febbraio 1929 che stabilivano che , per i matrimoni concordatari, essere la Sacra Rota l'unica giurisdizione competente.
Il ricorso avrebbe avuto ottime possibilità di accoglimento, ma il tribunale ecclesiastico si rifiutò di presentarlo su pressioni delle gerarchie vaticane.

Sapete perché? Semplice: si temeva che una gran parte dei nubendi avrebbe contratto matrimonio civile, in quanto soggetto alla legge del divorzio e non a quello religioso che ne sarebbe stato escluso.
Non a caso è proprio Paolo VI, il papa più amato da Bergoglio
Diodoro
Io ricordo benissimo la dolorosa lotta di papa Paolo contro il Divorzio, e "contro" i Vescovi italiani, che in gran numero non combattevano, ma pensavano "I tempi sono mutati, è inutile opporsi".
Ma con lei è inutile discutere a proposito di quel grande Papa
Francesco I
Francesco I
Non a caso è Paolo VI, il papa più amato da Bergoglio

Nella prima foto sotto lo vediamo donare l'anello piscatorio, simbolo dell'autorità papale, al suo sodale di loggia massonica, Donald Ramsey, "arcivescovo" anglicano di Canterbury, dunque erede morale degli assassini dei martiri cattolici i Santi Tommaso Moro ed il cardinale Fischer, nella seconda foto qui sotto vi è la copertina di un suo …More
Non a caso è Paolo VI, il papa più amato da Bergoglio

Nella prima foto sotto lo vediamo donare l'anello piscatorio, simbolo dell'autorità papale, al suo sodale di loggia massonica, Donald Ramsey, "arcivescovo" anglicano di Canterbury, dunque erede morale degli assassini dei martiri cattolici i Santi Tommaso Moro ed il cardinale Fischer, nella seconda foto qui sotto vi è la copertina di un suo libretto dedicato alla divinità pagana "Madre Terra" nella terza lo vediamo mascherato da capo indiano messo in confronto ad una foto del pampèro argentino che indossa analogo copricapo
N.S.dellaGuardia
E poi fa la sua parte da ipocrita alterando contro l'aborto.
Parla parla parla ma i fatti dicono il contrario, e se la vedrà con Caronte...
Francesco I
Anche qui c'è da dire che Bergoglio soffre probabilmente di un disturbo dissociativo della personalità, evidentemente le cure avute nella clinica psichiatrica in Argentina non sono state sufficienti a debellare la su patologia. Giustamente, dice lei, tuona contro l'aborto e poi......

Stilum curiae: "PLOUMEN, LEADER ABORTISTA OLANDESE, PREMIATA CON LA ME…
Diodoro
Viene in mente la DC del 1960: "Adesso faremo entrare nel Governo i Socialisti, così si modereranno e si staccheranno dai Comunisti".
Risultato: 1970 legge Fortuna/Baslini (Socialisti e Liberali), Divorzio. 1978 Aborto, fortemente voluto da Craxi, ormai egemone (con poco più del 10% dei voti)
warrengrubert
Di cosa altro abbiamo bisogno per capire chi è questo tizio.
il vandea
Qui non si tratta di dialogare col diavolo, ma di un dialogo tra diavoli.