Clicks1.1K

Il Cielo non ascolta Bergoglio perché non fa la Sua di volontà

Condividendo un articolo dal sito amico CooperatoresVeritatis, intendiamo sottolineare come in questi 7 tristi anni, il Sommo Pontefice, sembra non ottenere i favori del Cielo, tutto ciò che chiede non sembra affatto gradito a Dio dal momento che sembra proprio non essere ascoltato, inoltre sembra sfuggire ai più che – per la prima volta nella storia della Chiesa – un Papa non viene ascoltato per la cessazione di una pandemia…. In passato, infatti, quando i Papi chiedevano, supplicavano, facevano rogazioni, DIGIUNI E PENITENZE, il Cielo a compassione faceva cessare ogni malanno, ogni tempesta, ogni alluvione e siccità… ce lo dicono i numerosi monumenti, templi e Santuari costruiti nel tempo e nella storia, per darne testimonianza, quale “Grazia ricevuta”.

Il Papa avrebbe supplicato per la pandemia in quel piovoso 27 marzo…. ma per la prima volta, invece di ottenere grazie, sembra l’aver ottenuto un peggioramento della situazione e questo a prescindere dai complottismi, dai negazionisti o dai rigoristi della legge alla quale, per altro, sembra aver ceduto il Pontefice… obbedienza a Cesare, ha detto, persino a discapito della Messa della Notte Santa di Natale… mentre sull’obbedienza alle Leggi divine sembra diventato opzionale … ma la storia e i Santi ci raccontano qualcosa di diverso, che ora vi condividiamo:

Quando arriva il 25 ottobre non possiamo fare a meno di pensare a Enrico V e alla battaglia di Agincourt dove sconfisse i francesi in una delle giornate più incredibili. Era il 1415 e alla fine del combattimento racconta Shakespeare di questo dialogo tra il re inglese e l’araldo francese:

ENRICO V: Sia lodato Dio per questo e non la nostra forza! Che castello è questo che si erge qui vicino?
MONTJOY: Lo chiamano Agincourt.
ENRICO V: Chiamiamo dunque questa la battaglia di Agincourt, combattuta il giorno di Crispino e Crispiano.»

I santi che Enrico V cita sono festeggiati proprio il 25 ottobre e sono i protettori dei calzolai e titolari della Cattedrale di Soissons.
Secondo la tradizione agiografica, erano due giovani cristiani inviati da Roma nella Gallia Belgica come missionari; qui diffondevano il Vangelo e si mantenevano esercitando il mestiere di calzolai. Durante l’impero e le persecuzioni anticristiane ordinate da Massimiano furono arrestati dal prefetto Rizio Varo e, sotto lusinghe, minacce e torture, si provò a far loro rinnegare la fede in Gesù Cristo. In un accesso d’ira per il fallimento, il prefetto Rizio Varo si sarebbe ucciso gettandosi nel fuoco. L’imperatore Massimiano, per vendetta, condannò i due giovani cristiani a morte. I loro corpi furono poi nascosti e conservati da alcuni fedeli, che al termine delle persecuzioni, li deposero in due sepolcri vicini, dove poi sorse la basilica a loro dedicata a Soissons.
Sono titolari dell’antica cattedrale di Soissons (VI secolo).

Forse il giorno di San Crispino è meglio conosciuto per essere citato da Shakespeare nell’Enrico V (1599), nello specifico dallo stesso re Enrico V nel discorso ai suoi uomini prima della battaglia di Agincourt, avvenuta il 25 ottobre 1415.

Pur essendo le vicende della loro vita ricavabili solo da testi agiografici, l’antichità e la diffusione del culto dei due martiri approvano la storicità.

Dunque…. siamo nei pressi di Agincourt prima di una battaglia decisiva. Le forze in campo non sono proporzionate: i Francesi sono molti di più rispetto agli Inglesi. Pertanto l’esercito di Enrico V è abbattuto, ha il morale come si suol dire “sotto le scarpe”, sa che una vittoria è impossibile in quelle condizioni: combattere su un suolo straniero contro un esercito molto più numeroso e attrezzato. E allora Enrico V parla e fa un discorso straordinario. Risponde ad alcuni, fra cui suo cugino, che rimpiangono il non essere in un numero maggiore. Leggiamolo:

«Chi è mai che desidera questo? Mio cugino Westmoreland? No, mio caro cugino. Se è destino che si muoia, siamo già in numero più che sufficiente; e se viviamo, meno siamo e più grande sarà la nostra parte di gloria.
In nome di Dio, ti prego, non desiderare un solo uomo di più. Anzi, fai pure proclamare a tutto l’esercito che chi non si sente l’animo di battersi oggi, se ne vada a casa: gli daremo il lasciapassare e gli metteremo anche in borsa i denari per il viaggio.
Non vorremmo morire in compagnia di alcuno che temesse di esserci compagno nella morte.
Oggi è la festa dei Santi Crispino e Crispiano; colui che sopravvivrà quest’oggi e tornerà a casa, si leverà sulle punte sentendo nominare questo giorno, e si farà più alto, al nome di Crispiano.
Chi vivrà questa giornata e arriverà alla vecchiaia, ogni anno alla vigilia festeggerà dicendo: “Domani è San Crispino”; poi farà vedere a tutti le sue cicatrici, e dirà: “Queste ferite le ho ricevute il giorno di San Crispino”. Da vecchi si dimentica, e come gli altri, egli dimenticherà tutto il resto, ma ricorderà con grande fierezza le gesta di quel giorno. Allora i nostri nomi, a lui familiari come parole domestiche – Enrico il re, Bedford ed Exeter, Warwick e Talbot, Salisbury e Gloucester – saranno nei suoi brindisi rammentati e rivivranno questa storia. Ogni brav’uomo racconterà al figlio, e il giorno di Crispino e Crispiano non passerà mai, da quest’oggi, fino alla fine del mondo, senza che noi in esso non saremo menzionati; noi pochi.
Noi felici, pochi.
Noi manipolo di fratelli: poiché chi oggi verserà il suo sangue con me sarà mio fratello, e per quanto umile la sua condizione, sarà da questo giorno elevata, e tanti gentiluomini ora a letto in patria si sentiranno maledetti per non essersi trovati oggi qui, e menomati nella loro virilità sentendo parlare chi ha combattuto con noi questo giorno di San Crispino!».


E ULTIMA ORA... I NUOVI CARDINALI.... tra i quali Cantalamessa.... e Enrico Feroci, rettore del Divino Amore DIRETTORE DELLA CARITAS DI ROMA

Amen!! et de hoc satis....
AvisObservans
Ardire di chiamare "Sommo Pontefice" Bergoglio dopo le ultime novità, sa di oltraggio ai Veri Cattolici e di scandalo al Popolo di Dio.
Giuseppe Perla
Onore a Don Minutella vero Sacerdote che, in ossequio a Galati 1,8-9, denuncia l'usurpatore del soglio pontificio badoglio nonché le sue eresie in aperto contrasto con la Teologia Cattolica Romana ergo dice che Gesù non é Dio,che Santa Maria Vergine non è Regina e che i Suoi dogmi Mariani sono delle cavolate. Non contento, badoglio ha anche intronizzato idoli satanici amazzonici in una chiesa …More
Onore a Don Minutella vero Sacerdote che, in ossequio a Galati 1,8-9, denuncia l'usurpatore del soglio pontificio badoglio nonché le sue eresie in aperto contrasto con la Teologia Cattolica Romana ergo dice che Gesù non é Dio,che Santa Maria Vergine non è Regina e che i Suoi dogmi Mariani sono delle cavolate. Non contento, badoglio ha anche intronizzato idoli satanici amazzonici in una chiesa romana. I cattolici che ancora stanno con lui non se ne andranno neanche quando verrà messo un caprone al posto del crocifisso.
warrengrubert
Discorso di San Crispino - Enrico V
Epico discorso dall' Enrico V di Kenneth Branagh.
... e se pensiamo che lo stesso concetto qui esposto ce lo dice ad ogni Santa Messa Gesù Cristo...

invece ci ritroviamo un bergoglio-imbroglio che addormenta (in senso spirituale) i fedeli educandoli alla pace con il demonio, e non insegna l'arte della guerra spirituale contro il nemico infernale, contro il …More
Discorso di San Crispino - Enrico V
Epico discorso dall' Enrico V di Kenneth Branagh.
... e se pensiamo che lo stesso concetto qui esposto ce lo dice ad ogni Santa Messa Gesù Cristo...

invece ci ritroviamo un bergoglio-imbroglio che addormenta (in senso spirituale) i fedeli educandoli alla pace con il demonio, e non insegna l'arte della guerra spirituale contro il nemico infernale, contro il mondo, contro le proprie cattive inclinazioni.
Salmo 143 (144)

Benedetto il Signore, mia roccia,
che addestra le mie mani alla guerra,
le mie dita alla battaglia.
Sancte Joseph
Cantalamessa quello che assieme e a dei pentecostali in Argentina nel 2005 imposero le mani sulla testa di Bergoglio,Feroci l'ho già sentito ma basta il cognome. Sulla pandemia ideologica che non finisce perché a loro la dittatura sanitaria gli da il potere di godere dei favori dei massoni europei e della Cina comunista. Ancora per quanto?