wordpress.com
Don Reto Nay
10

“Sospensione delle pubblicazioni e possibile migrazione del blog” di Anonimi della Croce

“Sospensione delle pubblicazioni e possibile migrazione del blog” di Anonimi della Croce Gentilissimi lettori, delle incombenze che sono sopraggiunt…
Spada
@Sam Gamgee mi riferivo ad "anonimi della croce", attualmente non mi sembrano così pericolosi da motivare l' interesse a zittirli, sono più o meno al livello di altri siti, anzi, forse meno.
Sam Gamgee
@Spada : se non attaccano sistemi informatici di ditte commerciali forse ,ma pensi se una grande azienda ,un ministero ,le poste, una banca rimanessero fermi per 7 o 15 giorni di fila : il danno economico sarebbe immenso ,e poi ci sarebbe a recuperare tutto il lavoro arretrato !
Spada
Non è che mi sembrino poi così pericolosi.....
Don Reto Nay
@Sam Gamgee : Gli hacker non possono fare niente se il programmatore di un sito ha lavorato bene. Hanno potuto entrare nella Casa Bianca e nel Pentagono. Questo ci mostra che lì lavorano dei pasticcioni (meno male...), un fatto che non dovrebbe venire come una sorpresa.
maria immacolta and one more user like this.
maria immacolta likes this.
Sam Gamgee likes this.
Sam Gamgee
@Acchiappaladri : non capisco bene cosa Lei intenda qui per 'tormentone' : un lamentarsi un po' autocelebrativo , un vezzo di compiacimento narcisistico nel lavorare nei pressi delle catacombe,un moto negativo del subconscio o un problema reale e concreto espresso on preoccupazione ? Da parte mia ,tecnicamente non so arrivare nelle profondita' del problema : un noto blogger italo-inglese ha …More
@Acchiappaladri : non capisco bene cosa Lei intenda qui per 'tormentone' : un lamentarsi un po' autocelebrativo , un vezzo di compiacimento narcisistico nel lavorare nei pressi delle catacombe,un moto negativo del subconscio o un problema reale e concreto espresso on preoccupazione ? Da parte mia ,tecnicamente non so arrivare nelle profondita' del problema : un noto blogger italo-inglese ha studiato la questione ed alla fine ha deciso di trasferire telematicamente la gestione tecnica del proprio sito in un paese straniero molto avanzato su queste tematiche ,presso una 'societa'' ( non so se la definizione e' quella giusta ) che protegge al massimo dell' attualmente possibile dall' intrusione di malintenzionati .Fino a che punto si riesca ,non ho idea . Di certo ,come avra' Lei stesso notato ,molti siti stranieri piu' o meno perseguitati usano ad esempio blogspot.it ,o .ro ( in Romania ) o si trasferiscono armi e bagagli all' estero ( specie i tedeschi ,i piu' controllati dai servizi segreti in assoluto ). Quanto sia utile ,non ho idea ,ma come minimo si riesce a creare intoppi legali . Di sicuro ,gli hacker riescono a bypassare anche le difese della Casa Bianca e del Pentagono . Wikileaks da Londra e' entrato ( per fortuna ) negli account e-mail ( che pero' non erano protetti ) di Killary Clinton.Il lavoro degli hacker 'buoni' puo' aiutare molto ,tanto e' vero che vengono assunti da governi ,dalla Microsoft ,da case automobilistiche . Quelli cattivi creano danni ,ma finora non sono mai stati danni irreparabili ,al massimo i siti sono stati ripristinati in una settimana circa . Certi Stati bloccano i siti di dissidenza ( ex. Cina) ma spesso si riesce a creare siti 'doppioni ', in una lotta praticamente all' infinito. Credo che gli ' anonimi della Croce ' stiano tentando di fare quello che ha fatto il blogger italo-inglese ,ma non sono stati chiari a sufficienza per capire.
antiprogressista likes this.
CristianoD.O.C
Vanno e vengono come l'altra volta mah...gli spifferi non si sono avverati?
Acchiappaladri
@Sam Gamgee
Questo dell' "essere scoperti" è un tormentone di diversi blogger "anonimi".

In realtà un qualunque blogger amatoriale anonimo che davvero "dia fastidio" a governi o altri entità potenti dopo poco tempo rimane anonimo solamente per i comuni lettori del blog:
tramite polizia, investigatori privati, servizi segreti, ecc. i potenti infastiditi presto riescono a sapere (legalmente o …More
@Sam Gamgee
Questo dell' "essere scoperti" è un tormentone di diversi blogger "anonimi".

In realtà un qualunque blogger amatoriale anonimo che davvero "dia fastidio" a governi o altri entità potenti dopo poco tempo rimane anonimo solamente per i comuni lettori del blog:
tramite polizia, investigatori privati, servizi segreti, ecc. i potenti infastiditi presto riescono a sapere (legalmente o illegalmente: per il potente prepotente questo è irrilevante) l'identità reale del blogger amatoriale.

Diverso è il discorso per blog fatti da professionisti della propaganda e disinformazione, con ampi mezzi a disposizione:
in una guerra fra servizi segreti non è facile svelare l'identità dell'avversario.
Don Reto Nay and one more user like this.
Don Reto Nay likes this.
luca78 likes this.
Sam Gamgee
@Don Reto Nay : e' certamente vero ,altrimenti a Roma a Brandi non sarebbe successo quel che e' successo . Per i poster di Pasquino chiamarono addirittura la Digos !
Don Reto Nay and one more user like this.
Don Reto Nay likes this.
antiprogressista likes this.
Don Reto Nay
@Sam Gamgee : L'internet non è segreto. I servizi segreti che controllano l'Internet, sanno e ci sono abbastanza vescovi in Italia che servono più lo Stato che la Chiesa. Dunque possono rivolgersi ai servizi segreti.
Sam Gamgee and one more user like this.
Sam Gamgee likes this.
antiprogressista likes this.
Sam Gamgee
''Nella speranza che le cose cambino'' - frase sibillina - sono stati scoperti ,o peggio traditi ? Li hanno minacciati ?
gloria 61 and 2 more users like this.
gloria 61 likes this.
berghy likes this.
antiprogressista likes this.