Gloria.tv And Coronavirus: Huge Amount Of Traffic, Standstill in Donations
15:34

Beata Elisabetta Sanna - 17 febbraio

SACINFO. Elisabetta Sanna Porcu (Codrongianos, 23 aprile 1788 – Roma, 17 febbraio 1857) è stata un'attivista italiana del Terzo ordine francescano, secondo altri terziaria dell'Ordine dei Minimi …More
SACINFO. Elisabetta Sanna Porcu (Codrongianos, 23 aprile 1788 – Roma, 17 febbraio 1857) è stata un'attivista italiana del Terzo ordine francescano, secondo altri terziaria dell'Ordine dei Minimi di S. Francesco da Paola, proclamata beata da papa Francesco il 17 settembre 2016
Era nata a Codrongianos in Sardegna, seconda di nove figli, in una famiglia di agiati contadini, di profonda fede cattolica. All'età di tre mesi, Elisabetta fu colpita dal vaiolo che le causerà la perdita del controllo delle braccia, avendo solo il movimento dei polsi e delle mani, e di numerose funzioni essenziali. Infatti non poteva portare il cibo alla bocca, né cambiarsi i vestiti o lavarsi il viso, tuttavia poteva impastare il pane, cucire, ecc. Nonostante l'evidente svantaggio fisico fu chiesta presto in sposa ed ebbe un felice matrimonio dal quale nacquero sette figli, di cui ne sopravvissero cinque.
Divenuta vedova, iniziò a collaborare con san Vincenzo Pallotti, ed aveva partecipato alla fondazione …More
Irapuato
✍️ Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 8,11-13.
In quel tempo, vennero i farisei e incominciarono a discutere con lui, chiedendogli un segno dal cielo, per metterlo alla prova.
Ma egli, traendo un profondo sospiro, disse: «Perché questa generazione chiede un segno? In verità vi dico: non sarà dato alcun segno a questa generazione».
E lasciatili, risalì sulla barca e si avviò all'altra spond…More
✍️ Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 8,11-13.
In quel tempo, vennero i farisei e incominciarono a discutere con lui, chiedendogli un segno dal cielo, per metterlo alla prova.
Ma egli, traendo un profondo sospiro, disse: «Perché questa generazione chiede un segno? In verità vi dico: non sarà dato alcun segno a questa generazione».
E lasciatili, risalì sulla barca e si avviò all'altra sponda.

Traduzione liturgica della Bibbia

San [Padre] Pio da Pietrelcina (1887-1968)

cappuccino
OP; GF 174; Ep 4,418

« Perché questa generazione chiede un segno? »: Credere, persino nell'oscurità
Lo Spirito Santo ci dice: Non lasciate il vostro spirito soccombere alla tentazione e alla tristezza, perché la gioia del cuore è vita dell'anima. La tristezza non giova a nulla e causa la morte spirituale. Succede a volte che le tenebre della prova soverchino il cielo della nostra anima; ma sono proprio luce! Grazie ad esse infatti, voi credete persino nell'oscurità; lo spirito si sente sperso, teme di non vedere più, di non capire più. Eppure è proprio il momento in cui il Signore parla e si rende presente all'anima; e questa ascolta, intende e ama nel timore di Dio. Per « vedere » Dio, non aspettate il Tabor (Mt 17,1) quando già lo contemplate sul Sinai (Es 24,18). Andate avanti nella gioia di un cuore sincero e spalancato. E se vi è impossibile mantenere questa gioia, almeno non perdete coraggio e conservate tutta la vostra fiducia in Dio.