Il presepe più antico del mondo scolpito in un sarcofago di Siracusa

Il più antico presepio del mondo si trova a Siracusa ed è scolpito su un sarcofago che custodiva i resti di una sposa. Il prezioso reperto è al centro del nuovo settore del museo archeologico …
MariaRosaMystica and 5 more users like this.
MariaRosaMystica likes this.
onda likes this.
Francesco I likes this.
Stat Crux likes this.
warrengrubert likes this.
Christoforus78 likes this.
N.S.dellaGuardia
Bellissimo! Grazie!
alda luisa corsini likes this.
giandreoli likes this.
"

H)IC ADELFIA C(LARISSIMA) F(EMINA)

POSITA CONPAR

BALERI COMITIS

Qui è deposta Adelfia, donna assai insigne, moglie del conte Valerio."

" L'identificazione di Adelfia e Valerio

Dettaglio della scritta

Secondo quanto si apprende dal primo resoconto sugli scavi e dalle fonti il ritrovamento del sarcofago suscitò un certo stupore, non per la presenza dei resti di un solo defunto …More
"

H)IC ADELFIA C(LARISSIMA) F(EMINA)

POSITA CONPAR

BALERI COMITIS

Qui è deposta Adelfia, donna assai insigne, moglie del conte Valerio."

" L'identificazione di Adelfia e Valerio

Dettaglio della scritta

Secondo quanto si apprende dal primo resoconto sugli scavi e dalle fonti il ritrovamento del sarcofago suscitò un certo stupore, non per la presenza dei resti di un solo defunto espressamente dichiarato dall'epigrafe, ma per la disposizione della salma, non consona ad un monumento funerario così ricco di iconografie. Inoltre non si spiegherebbe il doppio ritratto per una sepoltura unica e le incertezze tipografiche. Questo, assieme alle differenti misure del coperchio, portò ad un dibattito sulla datazione dell'opera, sull'identificazione di Adelfia e Valerio come coppia effettivamente vissuta nel IV secolo e sull'integrità del sarcofago attraverso i secoli. Mentre poco si conosce di Adelfia, recenti studi hanno identificato il comes Baleri con Valerio, amico di Agostino di Ippona e citato dallo stesso nell'introduzione del De nuptiis et concupiscentiâ (o Le nozze e la concupiscenza), scritto nel 419. Tale tesi è basata sull'integrità religiosa del conte Valerio, sulla cronologia in riferimento alle modifiche strutturali della zona in cui il sarcofago è stato ritrovato e sulla possibilità di aver riutilizzato due pezzi, la cassa e il coperchio, di diversa provenienza

Bibliografia per le note 3 e 4:

Francesco Saverio Cavallari, books.google.co.uk/…/Bullettino_dell…, Bullettino della Commissione di Antichità e Belle Arti di Sicilia 5, 1872.

Mariarita Sgarlata, Et Lux Fuit, Le catacombe e il sarcofago di Adelfia, Arnaldo Lombardi Editore srl, Palermo - Siracusa,1998."
N.S.dellaGuardia likes this.
Marziale
Brava Alda!
alda luisa corsini likes this.
nolimetangere likes this.