04:43

U CECU DI GERICU in versi siciliani a cura di don Pino Licciardi

Il Vangelo di domenica prossima, il cieco di Gerico in versi siciliani a cura di don Pino Licciardi. Buon ascolto. U CECU DI GERICU (Marco 10, 46-52) Allatu di la strata era assittatu, picchì quarc…More
Il Vangelo di domenica prossima, il cieco di Gerico in versi siciliani a cura di don Pino Licciardi. Buon ascolto.
U CECU DI GERICU
(Marco 10, 46-52)
Allatu di la strata era assittatu,
picchì quarcunu ci l'avia purtatu.
'Nno so mantellu tuttu s'ammugghiava
e i spaddi a un sicomoru s'appuiava;
supra i so' jammi avia un cistineddu e a la cinta tinia un sacchiteddu. Iddu campava stinnennu la manu e dumannava aiutu a ogni cristianu chi passava ri ddà, picchì era natu senza a vista di l'occhi, cunnannatu a ghiri addumannannu pi campari picchì nuddu u pigghiava a travagghiari. Ad ogni modu, si cci avia abituatu e chista era a so vita. Era chiamatu cu nnomu di so patri, Bartimeu, ca significa figghiu di Timeu. A Gericu abitava e un c'era nuddu chi'iddu nun canuscia, ca un era surdu e tutti li duscursi si siggia sapennu chiddu chi ddà succiria. Ormai sapia canusciri li vuci e stannu pi la strata chi cunnuci finu a Gerusalemmi, salutava ognunu chi davanti ci passava, e s'i un sordu o na …More
rosabonni likes this.