Clicks1.3K
Priamide shares from God has the last word
1
Avviso al pubblico cattolico su una campagna devastante del metropolita Cirillo e dei mass media contro schema egumeno Sergio. Cari cristiani cattolici! Sicuramente cercate la verità e vi sforzate …More
Avviso al pubblico cattolico su una campagna devastante del metropolita Cirillo e dei mass media contro schema egumeno Sergio.

Cari cristiani cattolici!

Sicuramente cercate la verità e vi sforzate per la salvezza delle vostre anime. Molti di voi potrebbero aver già appreso, o presto conoscerete le informazioni distorte che denigrano lo schema egumeno del monastero di Sredneuralsk in Russia Sergio (Romanov).

Chi e perché lo denigra e persegue la sua distruzione morale? Sono le persone nella Chiesa che si sono vendute alle menzogne e promuovono l’agenda della globalizzazione associata alla vaccinazione, chipizzazione e riduzione della popolazione. Tra questi c’è, in primo luogo, il patriarca Cirillo (Gundyayev), contro il quale il Patriarcato Cattolico Bizantino ha in precedenza pubblicato l’anatema a causa del suo tradimento di Cristo e del Vangelo (Gal 1, 8-9).

Abbiamo anche pubblicato l’anatema contro il Papa apostata in autorità dell’ufficio apostolico e profetico (Ef 2, 10). Il patriarca Cirillo ha lo stesso spirito di apostasia e cooperazione con la struttura della globalizzazione come metropolita Cirillo (Nakonechny) di Ekaterinburg. Schema egumeno Sergio ha dichiarato l’anatema – maledizione – su di loro, invitando il patriarca Cirillo e il metropolita Hilarion, il suo più stretto collaboratore, nonché il metropolita Cirillo di Ekaterinburg ad abbandonare l’incarico ecclesiale.

Padre Sergio: “Sotto la pressione di governi empi, nostra guida spirituale insieme ai precursori dell'anticristo, chiude le chiese e fa appello a pseudo pandemia. Così maschera la sua spensieratezza e codardia. Suggerisce che i credenti dovrebbero comunicare con Dio online. Suggerisco: chi soffre di demenza senile, pandemie senili, lebbra spirituale, chi raccomanda al popolo russo di vivere in isolamento, di dimenticare Dio, di bestemmiare Dio, proibisce di andare in chiesa, dovrebbe essere deportato in repubblica Birobidzhan o sull’isola Martinica… Appena ciò accade, l'epidemia di coronavirus inesistente in Russia finirà immediatamente. Chiunque abbia osato chiudere le chiese, sia maledetto, lui e tutta la sua famiglia”.

La quarantena artificiale in Russia è stata avviata dal patriarca Cirillo. Ha emesso le misure per la celebrazione della Divina Liturgia con le quali ha ordinato profanare il Corpo e il Sangue del Signore. Ha chiuso le chiese e non ha nemmeno permesso che fossero aperte a Pasqua. Minacciava tutti i sacerdoti che avrebbero aperto le chiese con severe sanzioni e processi ecclesiali.

Schema egumeno Sergio ha una grande autorità in Russia. Molte persone di alto rango, tra cui soldati, poliziotti o patrioti, lo frequentano. È considerato un vero esempio di monaco e “lo starez” anziano spirituale. Difende efficacemente la Chiesa che è distrutta dall’eretico e apostata Cirillo. Padre Sergio ha rivelato senza paura ciò che porta la globalizzazione sotto le spoglie del coronavirus.

Padre Sergio: “Vi offriranno la vaccinazione. I vaccini conterranno i chip micidiali per le masse. Gli ufficiali dell’esercito e della marina, il Servizio di sicurezza federale (FSB) sono oggi sottoposti al test, il che significa che sono esposti all’infettazione”.

Schema egumeno Sergio ha apertamente messo in guardia dal piano di riduzione delle élite massoniche ebraiche. Ha anche sottolineato chiaramente la minaccia delle nuove tecnologie che cambiano il modo di pensare attraverso Internet e causano le dipendenze schiave. Si è espresso contro il grave pericolo dell’identificazione digitale della popolazione. Ha smascherato l’obiettivo della coronapsicosi, vale a dire vaccinazione e chipizzazione. Ha avvertito che soldati, polizia, le forze dovrebbero essere tra le prime vittime:

Padre Sergio: “Mentre c’è ancora il tempo, opponetevi alla legge diabolica sulla chipizzazione della popolazione che è stata approvata il 17 aprile di quest'anno. Le forze, polizia, FSB, la guardia nazionale, i militari e la marina saranno tra i primi a essere chipizzati e le persone si trasformeranno in demoni in carne e ossa... Dio non può essere deriso! Siamo russi! Dio è con noi! Il re ortodosso è in mezzo a noi. Al nostro Dio sia la gloria ora, e sempre, e nei secoli dei secoli. Amen“.

Schema egumeno Sergio ha il sostegno del sano nucleo, non solo, della Chiesa ortodossa russa ma anche della nazione. La struttura eretica sotto il patriarca Cirillo è consapevole di essere a rischio e per questo cerca di distruggere la voce profetica. Il metropolita Cirillo di Ekaterinburg si è preso il compito di fare il lavoro sporco di uccidere il profeta. Egli manipola farisaicamente le leggi canoniche per far sì che il padre Sergio tradisca Cristo e si sottometta a lui, a un apostata e Giuda, un assassino di anime umane. La grazia di Dio è stata rimossa da Cirillo eretico e apostata. Le parole di San Basilio Magno riguardano lui e altri come lui: “Loro trafficano di Cristo, e non considero come vescovo nessuno che abbia ricevuto l’ordinazione da queste mani disoneste... Fuggiamo da loro – eretici – e dichiariamo loro l’anatema...”.

I canoni della Chiesa e le regole furono stabiliti dai vescovi santi e ortodossi. Il loro scopo è quello di proteggere il deposito della fede e dello Spirito di Cristo (Rm 8, 9) contro gli eretici e contro i traditori di Cristo, e non di distruggere i profeti che difendono la Chiesa! Padre Sergio offre coraggiosamente una medicina per la salvezza non solo della Chiesa ortodossa ma anche della nazione russa. Indica chiaramente il vero pericolo e la necessità di agire mentre c'è tempo.

Padre Sergio: “È giunto il momento per i confessori. Un confessore è saldo, se necessario, fino alla morte”.

In questo momento di crisi, il metropolita Cirillo cerca la distruzione morale di questo testimone di Cristo, privando così la Chiesa russa e la nazione del mezzo di salvamento. Allo stesso tempo, apre completamente le porte alla globalizzazione ecclesiale che trasforma la Chiesa di Cristo nella meretrice dell'anticristo, e tutto questo avviene in segreto e gradualmente.

La maledizione di quest’apostasia è gradualmente trasmessa a tutta la nazione russa. La vaccinazione e la chipizzazione preparata, in altre parole il suicidio pianificato, sono una manifestazione concreta della maledizione. Questo percorso di apostasia è segretamente, in unità con il patriarca Cirillo, promosso anche dal metropolita Cirillo di Ekaterinburg.

Il tentativo di distruggere la voce profetica non è solo un crimine contro schema egumeno Sergio, ma è una rimozione della barriera allo scopo di ottenere la distruzione interna della Chiesa ortodossa e la sua transizione alla Chiesa dell'anticristo del New Age. Oggi tale transizione è rappresentata da papa Bergoglio con il demone Pachamama e con omosessualità. L'ecumenismo contemporaneo con il Vaticano apostatato è il tradimento di Cristo e del Vangelo.

Il pubblico intellettuale ortodosso è dell'opinione che la verità sia decisamente dalla parte dell'anziano Sergio, che rappresenta Cristo in questa lite, mentre i dirigenti apostati della Chiesa rappresentano il sinedrio. Si parla già di un possibile scisma. I suoi principali colpevoli saranno i Giuda ai vertici della Chiesa. Se padre Sergio si sottomettesse “umilmente” a loro, tradirebbe Cristo e vanificherebbe il piano di Dio per la salvezza. La soluzione per prevenire lo scisma è che la nazione deve costringere i gerarchi traditori a dimettersi.

P. Sergio: “Hanno violato le regole apostoliche, che dicono: “Chi infrange queste regole sarà soggetto a punizione, inclusa anche la scomunica”. Il patriarca Cirillo, i metropoliti Hilarion e Cirillo, e molti altri devono dimettersi prima che sia tenuto un processo ecclesiastico. Fate appelli ai tribunali della Chiesa perché siano richiamati alla responsabilità. Io non li nominerò nella Liturgia fino alla decisione del tribunale della Chiesa. In quel tempo, nominerò solo veri patriarchi e gerarchi – la Chiesa ortodossa russa ne ha – che hanno difeso apertamente dogmi della fede ortodossa”.

In questo momento critico della coronapsicosi e del piano di vaccinazione e di chipizzazione, che significa non solo la perdita della fede ma anche della vita, i credenti ortodossi devono pregare sinceramente che i vescovi e sacerdoti fedeli abbiano la forza di separarsi da Patriarca Giuda e dal suo scagnozzo di Ekaterinburg. Quanto segue si applica a questi apostati: “Questi tali sono falsi apostoli, operai fraudolenti, che si mascherano da apostoli di Cristo. E non c'è da stupirsi! Poiché satana stesso si maschera da un angelo di luce. Non è perciò una gran cosa se anche i suoi ministri si mascherano da ministri di giustizia” (2 Cor 11, 13-15).

L'onore è dovuto a tutti i vescovi ortodossi che non sono in unità spirituale con il patriarca apostata Cirillo. Un vescovo ha registrato video appello al tempo di quarantena del coronavirus, invitando tutti i credenti a venire in chiesa a Pasqua. Egli ha detto: “Non è necessario preoccuparsi così tanto. Alla fine ci porteranno comunque in chiesa, ma è meglio venire lì da soli. Qui, nella chiesa, c'è la vittoria sulla morte! E noi ci uniamo a questa vittoria sulla morte qui in chiesa”.

I vescovi della Moldavia hanno lo stesso spirito. In questo momento critico, hanno difeso il gregge e hanno fatto appello al Presidente e al governo affinché vietasse la vaccinazione obbligatoria. Questi vescovi hanno posto l’accento anche sul pericolo di chipizzazione, il 5G e l’intero sistema che porta alla riduzione della popolazione. Lo schema egumeno Sergio in Russia ha espresso lo stesso.

Padre Sergio: “Uscite per strada. Non arresteranno tutti. Difendete il vostro futuro. La voce del popolo è l'ira di Dio... È difficile per me capire la vostra malvagia indifferenza sia per voi stessi che per i vostri figli... Di chi avete paura? Membri dell'esercito, della marina, delle forze – a chi avete prestato il giuramento di fedeltà? Alla vostra patria o a un gruppo di satanisti?... Ora voi servite volontariamente i servitori dell’anticristo”.

Perché i mass media hanno già iniziato a ripetere come un pappagallo, le calunnie fabbricate da certa giornalista corrotta, presentiamo brevemente una biografia di padre Sergio:

Padre Sergio è nato nel 1955, laureato all'Accademia del Ministero degli Affari Interni a Mosca. Dopo la laurea, è diventato un ufficiale del Ministero degli Interni. All'inizio degli anni '80, durante il governo di Andropov, ci fu un conflitto nel governo tra il Ministero degli Interni e il KGB. Padre Sergio è stato vittima di un misterioso incidente stradale in cui è morto uno dei passeggeri e lui stesso ha subito una morte clinica. Quando si riprese, oltre a incolparlo per l'incidente e la conseguente morte del suo compagno di viaggio, gli fu assurdamente imputato il furto di proprietà dello stato in un processo giudiziario del 1985. Fu condannato a quattro anni di prigione. Quelli, tuttavia, che erano interessati a toglierlo di mezzo, fecero in modo che ci fosse un altro processo un anno dopo. E questa volta sono riusciti a inquadrare il caso in modo che fosse condannato a tredici anni. L'attuale campagna mediatica corrotta si riferisce ipocritamente ai documenti del secondo processo depositati presso il Ministero dell'Interno. Tuttavia, questi sono documenti di un processo organizzato che ha commesso un crimine giudiziario. A quel tempo, alcuni altri ufficiali di polizia di alto rango scontarono con lui la pena detentiva. Padre Sergio è stato deliberatamente tenuto in condizioni tali da renderlo incapace di tornare dalla prigione. E fu allora che ricevette la grazia della conversione da Dio e decise di servire Dio con tutto il cuore. Negli ultimi anni dell’esecuzione della pena, ha eseguito lavori forzati nella costruzione di una chiesa direttamente sul territorio della zona di punizione. Ha quindi chiesto per iscritto al Patriarca Alessio II di consacrare la chiesa. Lì il Patriarca entrò in contatto personale con lui e lo incoraggiò a diventare monaco e sacerdote. Dopo essere stato rilasciato dalla prigione, si unì a un monastero, si diplomò all'Accademia teologica di Mosca e divenne egumeno (abate) in un monastero. Per ordine del patriarca Alessio, fu ordinato sacerdote. 18 anni fa iniziò a costruire il monastero femminile di Sredneuralsk nel quale in questo periodo abitano 523 persone.

Il monastero, che è stato esposto a forti pressioni e non si è arreso, padre Sergio pone come esempio perché le persone similmente difendano il loro paese.

Padre Sergio: “500 monache con padri e fratelli e i miei figli spirituali non hanno consegnato il monastero al regno Cazaro. Perché non possiamo tutti proteggere la nostra terra ortodossa, la casa della Beata Vergine Maria, sotto il cui mantello protettivo siamo, dai fascisti, dall’occupazione che schiavizza il popolo russo e le altre nazioni?”.

Chi ha già coraggiosamente difeso la verità sa bene quanto feroce lotta spirituale ne segue. Abbiamo sperimentato che cosa riesce a fare un giornalista malvagio con il pubblico. I nostri monasteri in Ucraina si separarono dalla gerarchia eretica regnante della Chiesa. La gerarchia assunse quindi i mass media e pubblicò ripetutamente articoli diffamatori e trasmissioni destinate a distruggerci moralmente. Tutti gli articoli e le trasmissioni su di noi si basavano sulle menzogne più stupide, ma furono presentate in modo così orribile da causare ondate di odio contro i nostri monasteri. La campagna aveva un obiettivo. Un gruppo di criminali assunto ha lanciato di notte più di venti cocktail di Molotov nel monastero delle monache, e solo un miracolo ha salvato le monache dall'essere bruciate vive. Quando hanno chiamato un'ambulanza e i paramedici hanno scoperto che sono le suore contro le quali i mass media avevano sobillato il pubblico, non erano più disposti a fornirli assistenza medica.

I mass media che promuovono il coronavirus mirano a scavare una fossa comune per intere nazioni. Padre Sergio si è coraggiosamente opposto a questo serpente. Che cosa può aspettarsi da loro? Ciò che è scioccante per la gente comune, tuttavia, è che dietro la campagna diffamatoria sta la gerarchia ecclesiale traditrice e coloro che hanno venduto la loro coscienza e la nazione.

Padre Sergio avverte: se noi, sacerdoti e religiosi, non proclamiamo la verità in questo momento e non avvertiamo il popolo del pericolo associato all'autodistruzione globale, come potremo reggere al giudizio di Dio?

Padre Sergio: “Mi rivolgo all'esercito e alla marina, a tutte le forze in Russia: non c'è forse nessun uomo tra di voi, come il maresciallo Giorgio Zhukov o Boris Shaposhnikov, che si assumerebbe il peso di decapitare questa idra satanica? Chiedo alla gente di liberarsi dal giogo massonico ebraico in Russia”.

L'atmosfera di coronavirus, finalizzata al raggiungimento di vaccinazione e chipizzazione, è stata creata dallo spirito delle menzogne e della morte. Tutti noi siamo coinvolti in una lotta spirituale. Pertanto, un'ora di preghiera ogni giorno e il digiuno, il mercoledì e il venerdì, dovrebbero essere il nostro contributo minimo alla vittoria di Dio.

+ Metodio, OSBMr + Timoteo, OSBMr
Vescovi segretari del Patriarcato Cattolico Bizantino

26 giugno 2020
Priamide shares this
1.3K
anche in Russia ci sono apostati