Clicks430
AJPM
5

GOG & MAGOG -12-

Album ACTU
* * *

Aldo Maria VALLI :

A- UOMINI GIUSTI ai POSTI GIUSTI (12)

Buongiorno e ben ritrovati. Il primo uomo giusto al posto di giusto del quale parliamo oggi è un vescovo tedesco, monsignor Gerhard Feige di Magdeburgo, secondo il quale sulla questione del sacerdozio ormai non c’è più da discutere, perché ormai “è solo questione di tempo”.

In un’intervista (www.katholisch.de/artikel/20651-bischof-f…) all’agenzia Katholische Nachrichten-Agentur (KNA), Feige ha detto “non è più convincente” rifiutare il sacerdozio femminile facendo riferimento alla tradizione. Al momento, ha sostenuto Feige, il sacerdozio femminile è ancora improbabile a causa delle resistenze nella Chiesa, ma “ci arriveremo”.

Non molto tempo fa, ha aggiunto il signor vescovo alludendo al pontificato di Benedetto XVI, non sarebbe stato possibile immaginare certi sviluppi, ma ora, con Francesco, è chiaro che non si può conservare l’insegnamento della Chiesa così com’è. “Lo Spirito di Dio potrebbe portarci a nuove intuizioni e decisioni”.

Intervenendo poi sulla questione del celibato dei preti, Feige, nato e cresciuto sotto il comunismo nell’allora Germania Orientale, ha detto che è possibile immaginare che in futuro ci saranno preti sposati. “Con il tempo – ha profetizzato – il celibato potrà diventare un peso”. D’altra parte “non è una legge divina”.

L’importante, ha aggiunto il vescovo, è che il profilo del sacerdote sia cambiato, allontanandosi da uno stile “arcaico-borghese” per dirigersi verso uno stile “dinamico-alternativo”.

Molto bene. E ora, cambiando paese e continente, andiamo negli Usa, dove gli uomini giusti al posto giusto sono alcuni medici che hanno accusato una mamma di essere “disumana” per aver rifiutato di abortire i suoi gemelli.

La storia è quella di Hannah Morris, sollecitata più volte a interrompere la gravidanza dopo che le fu diagnosticata una rottura pretermine prematura delle membrane.

“Nessuno dei gemelli potrà sopravvivere, non possiamo fare nulla, non resta che l’aborto”, dissero i medici. Ma “il mio istinto – racconta Hannah – mi diceva di non seguire quel consiglio”.

La mamma decise dunque di non abortire, ma da allora i medici incominciarono a pressarla. L’unica opzione, dicevano, è l’aborto.

“Io – racconta la mamma – non sapevo nulla di quella patologia. Ma presi la mia decisione: avrei lasciato fare alla natura”.

In seguito le pressioni per l’aborto continuarono. Anche se le condizioni dei gemelli miglioravano, i medici dicevano che, se fossero sopravvissuti, i bambini avrebbero avuto gravi problemi funzionali.

Che fare? Per Hannah e il marito furono giorni terribili. A un certo punto pensarono che fosse il caso di seguire il consiglio degli esperti. Ma le ecografie mostravano che i gemelli stavano bene.

Insomma, per farla breve, nonostante il parere negativo dei medici, la signora Morris arrivò alla trentaquattresima settimana e i gemelli nacquero con un cesareo. I piccoli George e Alfie trascorsero quattro giorni in terapia intensiva e ora, nonostante alcuni problemi (al cuore per George, al sistema immunitario per Alfie) stanno bene.

“Portare a casa i nostri bambini è stato fantastico”, ha detto la signora Morris. “Avevamo ragione, abbiamo preso la decisione giusta”.

Ed ora il nostro ultimo uomo giusto al posto giusto di oggi: trattasi di un maestro che in una scuola elementare della Florida ha pensato bene di leggere ai bambini un libro, non approvato dall’istituto, su alcuni conigli gay.

Il libro, A Day in the Life of Marlon Bundo (Un giorno nella vita di Marlon Bundo) è una parodia di Un giorno nella vita del vicepresidente di Charlotte e Karen Pence, figlia e moglie di Mike Pence, vicepresidente degli Stati Uniti d’America, e vuole irridere le convinzioni di Pence e della sua famiglia sull’omosessualità e il matrimonio gay. Nella parodia infatti il coniglio Marlon Bundo si innamora di un altro coniglio maschio, vuole vivere con lui e alla fine lo sposa.

Fatto realizzare da John Oliver, conduttore di Last Week Tonight, a sostegno dei diritti delle persone omosessuali, il libro è dunque approdato alla Pine Crest Elementary School di Sanford, in Florida, “grazie” a un maestro, del quale non è stata resa nota l’identità, che ha pensato bene di leggerlo ai bambini senza chiedere il permesso né ai responsabili dell’istituto né ai genitori degli alunni.

Molti genitori si sono dunque lamentati e così il distretto scolastico ha avviato un’indagine. Al momento comunque il maestro, il nostro uomo giusto al posto giusto, non è stato ancora sospeso dall’insegnamento.

* * * * * * *

B- STRANO DUNQUE VERO (12)

Ben ritrovati con Strano dunque vero, la rubrica della Chiesa in uscita. Rubrica che oggi non può esimersi dal raccontare ciò che avviene in terra ambrosiana, dove, proprio in occasione di sant’Ambrogio, la Chiesa di Milano ha deciso di avviarsi ancor più risolutamente sulla strada (senza uscita) del protestantesimo.

Succede infatti che sul portale diocesano il commento al Vangelo sia stato affidato a due pastori evangelici, marito e moglie, produttori di perle quali “Maria? Una gravidanza irregolare. Ha accolto un richiedente asilo: Gesù”.

Strano? Certo, dunque vero!

Ma ecco un assaggio tratto dal sermone del pastore, che di cognome fa Aprile (ma nulla a che fare, pare, con il relativo pesce): “Di quanta accoglienza siamo capaci? Se ci viene chiesto di accoglierne tanti allora nascono le paure, sono troppi, dove li mettiamo? E poi sono diversi. E poi c’è qualcuno che non si comporta bene. Maria di Nazaret di quanta accoglienza è stata capace di fronte a una gravidanza irregolare, la più irregolare delle gravidanza che consociamo! Di fronte a questo straniero che veniva da Dio stesso senza permesso di soggiorno!”.

Stranissimo? Dunque verissimo. Altrimenti non sarebbe la Chiesa in uscita.

E ora andiamo a Longuelo (Bergamo) dove per l’Avvento, nella chiesa della Beata Vergine Immacolata, è stata posta una installazione (?) intitolata Corpi spirituali o anime personificate, le cui caratteristiche salienti sono due: sono nudi e fanno paura.

Strano? Certo, dunque vero.

Ma perché installare copri nudi e spaventosi in una chiesa cattolica per l’Avvento?

Perché essi, ha spiegato il parroco, “guideranno il nostro percorso dell’Avvento”.

Stranissimo? Dunque verissimo!

Ma forse il parroco ha voluto così adeguarsi all’architettura della chiesa, la quale (vedere per credere) mette a sua volta paura, tanto che l’ingresso sembra una bocca spalancata pronta a ingurgitarti.

E infine eccoci al Vaticano, che a quanto pare investe i suoi denari anche su e in Elton John. Proprio così: risulta che attraverso il Centurion Global Fund, fondo d’investimento internazionale con sede a La Valletta, la Segreteria di Stato della Santa Sede ha investito in varie società, fra le quali Italia Independent di Lapo Elkann e, appunto, una società di produzione di film come l’ultimo Men in Black e la biografia di Elton John, Rocketman.

Strano? Dunque vero!

E non stiamo parlando di spiccioli, ma di milioni di euro.

Come dite? Che forse in Vaticano hanno pensato che i Men in Black fossero preti, che il film fosse Rocchettoman (da rocchetto, la veste liturgica) e che il Centurion del fondo avesse qualcosa a che fare con il buon centurione del Vangelo?

Uhm. Se fosse così non sarebbe troppo strano. E dunque non sarebbe vero.

>>> GOG & MAGOG -11-
>>> GOG & MAGOG -13-

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

>>> Le IMMAGINI dei 15 MISTERI del ROSARIO
🙏

>>> AVE MARIA (LOURDES & FATIMA) : 650 audios da scaricare 🙏

Grazia dell'Ascensione di Gesù Cristo,
scendi nella mia anima e rendila veramente celeste.
🙏
ClaudiaRosaria
Mi chiedo se questa pandemia non sia il grande Castigo annunciato dalla Beata Taigi e che precede la seconda venuta di Cristo.
AJPM
Pietro81
Io credo che sia una cosa voluta dal male non da Dio
Pietro81
Mi scusi se uso il suo spazio, si richiedono preghiere per fermare questo male che sta assalendo la popolazione cinese e che si sta allargando, grazie