Clicks6.3K

Non lasciatevi ingannare! | Messaggio della Madonna al veggente brasiliano Edson Glauber (2 gennaio 2020)

Messaggio a Edson Glauber all'inizio del 2020, DA ASCOLTARE E MEDITARE ________________ APPROFONDIMENTO TEMATICO "C'è un solo Dio e una sola Fede" * * * Estratto da Sant'Alfonso Maria de' Liguo…More
Messaggio a Edson Glauber all'inizio del 2020, DA ASCOLTARE E MEDITARE

________________

APPROFONDIMENTO TEMATICO
"C'è un solo Dio e una sola Fede"

* * *


Estratto da

Sant'Alfonso Maria de' Liguori, Riflessioni sulla verità della Divina Rivelazione, Cap. III. La divina rivelazione non si oppone alla pubblica tranquillità.

Si può leggere l'estratto completo da cui ho attinto a questo link: www.sursumcorda.cloud/…/sant-alfonso-su…

* * *

[Contro il velenoso Relativismo]

La Chiesa dovrebbe ammettere l'errore ed avere comunicazione con coloro che rifiutano la religione vera? Se vi è Dio, vi deve essere la religione vera, che insegni la vera fede, con la quale Iddio ci faccia conoscere le verità che dobbiamo credere ed i precetti che dobbiamo osservare. E se vi è Dio (...) essendo questo Dio l'ente supremo e perfettissimo, non può essere altro che uno, e per conseguenza la fede non può essere altra che una, come scrive san Paolo: "Unus Dominus, una fides, unum baptisma" (Ephes. 4. 5). Le religioni dunque diverse, che tengono diversi dogmi di fede affatto opposti tra di loro, non possono esser tutte vere, ma una sola ha da esser la vera, mentre la verità non può esser che una. Ora se la rivelazione divina, che solamente nella religione cristiana si conserva, è assolutamente necessaria (siccome si è provato) alla nostra eterna salute, come possiamo noi tollerare altre religioni, la gentile, la maomettana, la giudaica o altre simili, che negano la divina rivelazione?

[Contro il pestilenziale Pancristianesimo]

E se noi cattolici, i quali crediamo che fra le religioni cristiane la sola cattolica è la vera, per la ragione incontrastabile ed evidente che l'assiste, cioè perché (...) la cattolica è stata la prima Chiesa fondata da Gesù Cristo (cosa che non la negano neppure gli stessi novatori), e il medesimo Salvatore le ha promesso la sua assistenza sino alla fine del mondo: "Et ecce ego vobiscum sum omnibus diebus usque ad consummationem saeculi"(Matth. 38. 20). Ed ha dichiarato che ella non sarà mai abbattuta dalle porte dell'inferno, che sono l'eresia: "Portae inferi non praevalebunt adversus eam"(Matth. 16. 18). Posto ciò, come la nostra religione cattolica può tollerare le altre che insegnano dottrine tutte contrarie a quelle che essa tiene? Che un ateo tolleri tutte le religioni, ben s'intende, perché l'ateo nulla credendo, nulla [dovrebbe] riprova[re, ndR]; ma chi crede alla religione rivelata da Dio, non può giammai tollerare alcuno errore da quella riprovato.

[Contro il menzognero Ecumenismo]

(...) Nell'antica Alleanza poteva alcuno salvarsi fuori della legge ebraica, osservando i precetti naturali, come si salvò Giobbe con più altri, secondo quanto è ritenuto, con la credenza di un Dio rimuneratore e con la fede almeno implicita del Redentore [Nostro Signore Gesù Cristo, ndR] futuro: ma Gesù Cristo nella nuova alleanza ha stabilito per tutti la fede, che deve tenersi per conseguire la salute eterna; poiché solo in Gesù Cristo si trova la salute: "Non est in aliquo alio salus" (Act. 12). Sicché questa Chiesa di Gesù Cristo è l'unica vera, fuori di cui non vi è salute.

[La Chiesa cattolica odiata da tutti i nemici di Gesù]

I deisti all'incontro, e parimente i protestanti, tollerano tutte le religioni, fuorché la cattolica, e così in sostanza non ne ammettono veruna, e si dichiarano nemici di Gesù Cristo, il quale disse: "Qui non est mecum, contra me est; et qui non colligit mecum, dispergit" (Luc. 11. 23) - Chi non è con Me è contro di Me .... Quindi l'apostolo ammoniva i suoi discepoli a rifiutare ogni dottrina diversa da quella ch'egli aveva loro insegnata, ancorché fosse venuto un angelo dal cielo ad annunziarla: "Sed licet vos, aut angelus de coelo evangelizet vobis, praeterquam quod evangelizavimus vobis, anathema sit" (Gal. 1. 8) - SIA ANATEMA!. Adducendone la ragione, perché tale dottrina l'aveva appresa per rivelazione di Gesù Cristo: "Neque enim ego ab homine accepi illud neque didici, sed per revelationem Iesu Christi" (Vers. 12). E lo stesso scrisse san Giovanni: "Si quis venit ad vos, et hanc doctrinam non affert, nolite recipere eum in domum, nec ave ei dixeritis" (2. Ep. n. 10) ("Se qualcuno viene a voi e non porta questo insegnamento, non ricevetelo in casa e non salutatelo"). Come dunque può stimarsi irragionevole l'intolleranza della Chiesa cattolica romana, allorché separa da sé coloro che seguono altra dottrina? Ma perché poi, dicono, la Chiesa romana condanna chi non è della sua comunione? La Chiesa non lo condanna, ma giustamente con la scomunica lo divide dal suo corpo, per ubbidire a Gesù Cristo che ordina: "Si autem ecclesiam non audierit, sit tibi sicut ethnicus et publicanus" (Matth. 18. 17) - [... e se non ascolterà neanche la Chiesa, sia per te come un pagano e un pubblicano, ndR].

[Contro i Raduni ecumenici per la falsa pace]

Ma dicono: Iddio vuole la pace comune. E chi lo nega? ma non la vuole con discapito della sua fede; Egli ch'è il Principe della pace, la vuole, e ci comanda di conservarla con noi e cogli altri: "Inquire pacem, et persequere eam" (Ps. 33. 15). Ma di qual pace intende parlare il Signore? Parla della pace vera, che si acquista e si mantiene coll'esercizio delle virtù: "Fiat pax in virtute tua" (Oseae 6. 7). Parla di quella pace che si ottiene [solo, ndR] con lo stare unito con Dio e col prossimo; e questa ci conduce poi alla felicità eterna. Non parla già della pace falsa, che si suppone ottenersi col tollerare coloro che vogliono credere ed operare a loro piacere contro quello che Dio ha rivelato; questa è la pace degli empi che dormono nella lor perdizione; questa pace di morte non la vuole il nostro Salvatore, ma Egli è venuto a discacciarla dalla terra: "Nolite arbitrari (disse), quia pacem venerim mittere in terram: non veni pacem mittere, sed gladium" (Matth. 10. 34) - [Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada, ndR]. San Luca (12. 51) invece di "gladium" scrisse "separationem"; sicché Gesù Cristo è venuto a separare gl'infedeli dai fedeli, acciocché i fedeli non si perdano col comunicare con gl'infedeli, come spiega (Verso 58) lo stesso san Luca, dicendo: "Cum autem vadis cum adversario tuo ad principem, in via da operam liberari ab illo, ne forte trahat te ad iudicem, et iudex tradat te exactori, et exactor mittat te in carcerem". Ecco il precipizio, al quale conduce la tolleranza col comunicare coi nemici della fede.
Angela Rita and 3 more users like this.
Angela Rita likes this.
Mag77 likes this.
lu io likes this.
Madre Santissima rimani nei nostri cuori e concedi la grazia di essere perseveranti nella Fede quella bimmillenaria. Meglio morire che tradire il Signore Dio Nostro Padre Onnipotente ♰ SS Trinità ♰ 🙏 💙 ✨ 🕯 VIVA CRISTO RE ♰.
Uniti in Cristo nel Cuore Immacolato di Maria SS 💙 🙏 ✨ 🕯
manto di maria likes this.
"La fede è un dono di Dio, la scienza no"
Domenica 25 Gennaio 1998, ore 12 - Messaggio pubblico della Madonna del Pino

"Cari figli, la gloria di Dio Padre ed il Suo amore siano con tutti voi. Figli miei, ora che siete nella prova, ancor di più gustate le Mie tenerezze materne; dividete con Me l'amarezza di un mondo che precipita sempre più verso il buio. Sia la vostra preghiera più forte, …More
"La fede è un dono di Dio, la scienza no"
Domenica 25 Gennaio 1998, ore 12 - Messaggio pubblico della Madonna del Pino

"Cari figli, la gloria di Dio Padre ed il Suo amore siano con tutti voi. Figli miei, ora che siete nella prova, ancor di più gustate le Mie tenerezze materne; dividete con Me l'amarezza di un mondo che precipita sempre più verso il buio. Sia la vostra preghiera più forte, vivete con me, per prepararvi a vivere i giorni di consolazione. Con la preghiera ed il digiuno allontanate i dissidi e le guerre e sospenderete le leggi della natura degli uomini. Pregate, se non pregate: non ricevete nulla!
Il tempo a vostra disposizione è breve; riconciliatevi tutti, amatevi, convertitevi. Oh figlio Mio, tu sappi, dopo l' ammonimento che Dio darà al Mondo, vi sarà un grande segno su tutti i luoghi delle apparizioni, sarà il segno che Dio darà a tutta l'umanità per la fede e la conversione. La fede è un dono di Dio, la scienza no, si insegna sui banchi di scuola.
Figli Miei, non capite? Le Mie lacrime, il Mio sangue, sono i segni del Mio amore e dell' affetto materno. Il Mio dolore è per causa dei vostri peccati. Quel sangue, è il sangue di Gesù, della Sua passione, versato 20 secoli fa, è la passione della Chiesa di oggi. Ora quel sangue arriva nel Mio volto dicendovi: ho preso Io le vostre lacrime ed il vostro sangue, per risparmiarli a voi, ma se non fate il possibile per asciugarmelo, con la preghiera, la conversione, c'è il pericolo che un giorno non lontano lo vedrete sui vostri volti.
Io, la Madre di Dio, vi proteggerò, poiché il Mio cuore arde d'amore per la vostra salvezza. Pregate, pregate, pregate, vi parlerò ancora l'ultima domenica di febbraio. Grazie che siete venuti. Vi benedico! "

"Pregate, pregate, pregate"
Giovedì, 29 Gennaio 1998, ore 20,15 - Messaggio della Madonna del Pino

"Figli Miei, ogni volontà del Padre sia compiuta. Lasciatevi dolcemente condurre da Me in questo tenebroso tempo avverso per l' umanità. Siate puri, per essere luce in questo mondo corrotto.
Ogni giorno vi attendo e con me, pregate per gli uomini a riconciliarli a Dio. Giù i vostri sentimenti presenti, accettate il mio aiuto e otterrete la resurrezione mediante la speranza che vi do, piena di certezza. Ove poserò i miei piedi, lascerò l' impronta di pace, mentre satana, lascia l'impronta dell'odio e della violenza.
Figli miei cari, state uniti, amatevi, pregate tutti insieme, ho bisogno delle vostre preghiere.
Vi benedico tutti, benedico i vostri cari, le vostre famiglie ed insieme: pregate, pregate, pregate. Vi benedico! "

"Lo dico agli umili affinché tacciano i superbi"
Domenica 22 Febbraio 1998, ore 12 - Messaggio pubblico della Madonna del Pino

"Cari figli, non crediate sia facile il vostro cammino, vedo che la vostra fede è grande ma non avete la forza per seguirla. Io vi guiderò, vi benedirò e vi unirò nei vostri incontri; ma quanto dolore ricevo da questa umanità !
O uomini, che nascondete il volto di Dio e Lo negate, siete in balia delle forze occulte e ribelli al segno di Dio. Voi servite, credete, ubbidite a voci che escono da fonte bugiarda e rissa di demoni, che ridono con parole di menzogne per portarvi fuori dalla verità, e non credete alle Mie manifestazioni.
O uomini, Io vengo per proteggervi dalla rovina che provocate, Io vengo per ammaestrare i vostri cuori dispersi nel Mondo, questo Mondo che corre così veloce verso la sua fine e più vengo in mezzo a voi, più i tempi si caricano di eresia.
O uomini, che continuate a disprezzare i portatori della Mia voce, o figli del Mio cuore, uomini, Io vi invito: pregate, salvatevi, purificatevi col fuoco dell' amore, attraverso la preghiera, il S. Rosario, il digiuno, la penitenza, che sono i sensi dell'anima.
Voi, udirete, vedrete, sentirete le parole che dico agli umili affinché tacciano i superbi.
Vi dico figli, uomini, solo chi ha il cuore di pargolo entrerà nel regno di Dio ed Io, solo a loro rivelerò i segreti del Re. O generazione malvagia, che credi a coloro che ti uccidono nello spirito, rinneghi il Cristo ed i suoi profeti che vogliono darti la vita. O generazione stolta, generazione di Giuda, quante volte ho cercato e cerco di salvarti ma tu non mi ascolti, rinneghi la luce per inebriarti nelle tenebre. O uomini, uomini, ascoltatemi, l'ora è vicina, il tempo è breve, venite, pregate, amatevi, tutto è segnato nel libro della mia intelligenza che è scritto non con inchiostro ma col carbone acceso di amore.
Voi figli che mi ascoltate, se mi amate, state uniti, ascoltate la mia voce, ascoltate la voce della Chiesa santa, state uniti coi sacerdoti, siate umili, state uniti col Papa per convertire questo mondo pieno di orrore.
E voi figli miei prescelti, cercheranno di fermarvi per non farvi compiere la missione affidata, non temete, gridate, gridate forte, forte, Gesù presto verrà sulla terra e col fuoco dello Spirito Santo la purificherà. Ma voi figli, se siete nella grazia, riceverete la grazia di Dio e rimarrete sempre nella grazia "ma voi uomini che non credete, che non amate Dio, terribile sarà il giorno della vostra punizione nel giudizio di Dio. Voi figli, pregate, non temete, Io sono con voi, vi proteggerò, vi benedico.
Grazie che siete venuti, vi parlerò ancora, poiché ho tante cose da dirvi, l'ultima domenica di marzo prima che verrà il giorno del mio silenzio e Dio Padre onnipotente sigillerà tutte le mie cose".

"Vi invito ad andare alla Santa Messa"
Domenica 29 Marzo 1998, ore 12 - Messaggio pubblico della Madonna del Pino

"Cari figli, sia lodato e ringraziato Dio, grazie che avete corrisposto alla mia chiamata.
Affrettatevi ad entrare nel rifugio del mio Cuore Immacolato che ho preparato per voi. Pregate, solo con la preghiera il vostro cuore cambierà, diventerà migliore e più sensibile alla parola di Dio. Coraggio, adeguatevi con grande fede a Dio e non permettete che Satana vi trascini nelle tenebre oscure.
Vi chiedo figli, in questi ultimi giorni di Quaresima pregate, fate penitenza e digiuno, meditate la passione di Gesù con tutto il cuore, fate una vera riflessione per convertirvi, siate più responsabili e decisi a consacrarvi al Cuore di Gesù, che vi aspetta, vi invito ad andare alla Santa Messa, lì, troverete il bisogno della santità e crescerete nella santità.
Se i figli prescelti da Dio, consacrati a Lui, prestassero maggiore attenzione alle anime che camminano verso l' inferno, se si prendessero cura di sollevarle e riportarle in cielo, le anime stesse si rivolgerebbero a Dio e sarebbero salvate col Pane Eucaristico.
Figli cari, da tempo mio figlio Gesù mi ha permesso di venire qui, Io, vi ho indicato la via dell' amore, la via dell' umiltà la via della fratellanza, il cammino dell' evangelizzazione e della conversione a Dio; ma voi siete ancora lontani da questa verità e non credete che un serio pericolo incombe su tutto il mondo!
Figli miei, mostratevi più incentivi, unitevi di cuore, abbiate più umiltà nella preghiera, coltivate con cura il seme che Dio ha piantato dinanzi a voi, affinché sia il raccolto cento volte di più ed abbondante, per questo Io vengo: per portarvi tutti nel piano salvifico che vuole Gesù.
Io tornerò, vi parlerò ancora l' ultima domenica di aprile. Ora vi benedico e concedo a voi coraggio, consolazione ed amore. Grazie che siete venuti! "

Fonte:Madonnadelpino.altervista.org
solosole likes this.
antos
Da affiggere fuori dalle chiese
antos and 2 more users like this.
antos likes this.
Augustinus Aurelius likes this.
Giuseppe Di Tullio likes this.