Marziale
13.6K

Perché il vaccino-Covid è un peccato abominevole.

«Caino alzò la mano contro il fratello Abele e lo uccise» Gn. 4
«Che hai fatto?» (Gn 4)Disse Dio a Caino e ai vaccinati.
«Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti» Mt.19

“Domanderò conto della vita dell'uomo all'uomo”. Gn.9
«Ancora informe mi hanno visto i tuoi occhi» Sal 139/138, 16): il delitto abominevole dell'aborto.
«Sono io che do la morte e faccio vivere» Dt 32

Inizieremo con il Magistero di Giovanni Paolo II , poi con quello di Benedetto XVI, ed arriveremo al magistero di Bergoglio.
Le glosse in blu sono di Marziale.

1.Partiamo dunque con Papa Giovanni Paolo II ed il Cardinal Ratzinger.
Lettera Enciclica, “Evangelium vitae”, 1995.(Sintesi)

Le diagnosi pre-natali, che non presentano difficoltà morali se fatte per individuare eventuali cure necessarie al bambino non ancora nato, diventano troppo spesso occasione per proporre e procurare l'aborto. È l'aborto eugenetico…
Seguendo questa stessa logica, si è giunti a negare le cure ordinarie più elementari, e perfino l'alimentazione, a bambini nati con gravi handicap o malattie. Lo scenario contemporaneo, inoltre, si fa ancora più sconcertante a motivo delle proposte, avanzate qua e là, di legittimare, nella stessa linea del diritto all'aborto, persino l'infanticidio, ritornando così ad uno stadio di barbarie che si sperava di aver superato per sempre.
…Rivendicare il diritto all'aborto, all'infanticidio, all'eutanasia e riconoscerlo legalmente, equivale ad attribuire alla libertà umana un significato perverso e iniquo: quello di un potere assoluto sugli altri e contro gli altri. Ma questa è la morte della vera libertà: «In verità, in verità vi dico: chiunque commette il peccato è schiavo del peccato» (Gv 8, 34). …
Fra tutti i delitti che l'uomo può compiere contro la vita, l'aborto procurato presenta caratteristiche che lo rendono particolarmente grave e deprecabile. Il Concilio Vaticano II lo definisce, insieme all'infanticidio, «delitto abominevole». < E questo è il caso PlannedParenthood, che paga 525$ per avere bambini di 5 mesi da vivisezionare. Tutte le case farmaceutiche utilizzano feti di aborti procurati>
Ma oggi, nella coscienza di molti, la percezione della sua gravità è andata progressivamente oscurandosi. L'accettazione dell'aborto nella mentalità, nel costume e nella stessa legge è segno eloquente di una pericolosissima crisi del senso morale, che diventa sempre più incapace di distinguere tra il bene e il male, persino quando è in gioco il diritto fondamentale alla vita. Di fronte a una così grave situazione, occorre più che mai il coraggio di guardare in faccia alla verità e di chiamare le cose con il loro nome, senza cedere a compromessi di comodo o alla tentazione di autoinganno. A tale proposito risuona categorico il rimprovero del Profeta: «Guai a coloro che chiamano bene il male e male il bene, che cambiano le tenebre in luce e la luce in tenebre» (Is 5, 20). .. Ma nessuna parola vale a cambiare la realtà delle cose: l'aborto procurato è l'uccisione deliberata e diretta, comunque venga attuata, di un essere umano nella fase iniziale della sua esistenza, compresa tra il concepimento e la nascita.
La gravità morale dell'aborto procurato appare in tutta la sua verità se si riconosce che si tratta di un omicidio e, in particolare, se si considerano le circostanze specifiche che lo qualificano. Chi viene soppresso è un essere umano che si affaccia alla vita, ossia quanto di più innocente in assoluto si possa immaginare: mai potrebbe essere considerato un aggressore, meno che mai un ingiusto aggressore! È debole, inerme, al punto di essere privo anche di quella minima forma di difesa che è costituita dalla forza implorante dei gemiti e del pianto del neonato. È totalmente affidato alla protezione e alle cure di colei che lo porta in grembo. Eppure, talvolta, è proprio lei, la mamma, a deciderne e a chiederne la soppressione e persino a procurarla…

Nota di Marziale:

A forza di vedere tutto si finisce per sopportare tutto.
A forza di sopportare tutto si finisce per tollerare tutto.
A forza di tollerare tutto si finisce per accettare tutto.
A forza di accettare tutto si finisce per approvare tutto.
Sant'Agostino

Cioè, a forza di accettare tutto in questi ultimi decenni, le masse sono finite per vaccinarsi col siero satanico: la Grande Apostasia annunciata dal Benedetto Salvatore.

2.Pontificia Academia Pro Vita ,5 Giugno 2005 - Papa Benedetto XVI.
La questione in esame riguarda la liceità della produzione, della diffusione e dell'uso di alcuni vaccini la cui produzione è in connessione con atti di aborto procurato." (Sintesi)
( Qui si parla prevalentemente del vaccino contro la rosolia).


“La questione in esame riguarda la liceità della produzione, della diffusione e dell'uso di alcuni vaccini la cui produzione è in connessione con atti di aborto procurato

Ma in questa situazione, più emergente è l'aspetto della cooperazione passiva. Ai fedeli e ai cittadini di retta coscienza (padri famiglia, medici, ecc.) spetta di opporsi, anche con l’obiezione di coscienza, ai sempre più diffusi attentati contro la vita e alla “cultura della morte” che li sostiene. E da questo punto di vista, l’uso di vaccini la cui produzione è collegata all’aborto provocato costituisce almeno una cooperazione materiale passiva mediata remota all’aborto, e una cooperazione materiale passiva immediata alla loro commercializzazione. Inoltre, sul piano culturale, l’uso di tali vaccini contribuisce a creare un consenso sociale generalizzato all’operato delle industrie farmaceutiche che li producono in modo immorale < Si rafforzano le case farmaceutiche>.
Pertanto, i medici e i padri di famiglia hanno il dovere di ricorrere a vaccini alternativi (se esistenti) < Qui si sta parlando del vaccino contro la rosolia. I vaccini etici anti-Covid esistono, come le cure alternative>, esercitando ogni pressione sulle autorità politiche e sui sistemi sanitari affinché altri vaccini senza problemi morali siano disponibili. Essi dovrebbero invocare, se necessario, l’obiezione di coscienza rispetto all’uso di vaccini prodotti mediante ceppi cellulari di origine fetale umana abortiva. Ugualmente dovrebbero opporsi con ogni mezzo (per iscritto, attraverso le diverse associazioni, i mass media, ecc.) ai vaccini che non hanno ancora alternative senza problemi morali, facendo pressione affinché vengano preparati vaccini alternativi non collegati a un aborto di feto umano e chiedendo un controllo legale rigoroso delle industrie farmaceutiche produttrici.
Per quanto riguarda le malattie contro le quali non ci sono ancora vaccini alternativi, disponibili, eticamente accettabili (Ma per il Covid ci sono) è doveroso astenersi dall'usare questi vaccini solo se ciò può essere fatto senza far correre dei rischi di salute < Nel caso Covid il vaccino non cura niente, forse previene> significativi ai bambini e, indirettamente, alla popolazione in generale. Ma se questi fossero esposti a pericoli di salute notevoli, possono essere usati provvisoriamente anche i vaccini con problemi morali < Si parla sempre di malattie infantili simili alla Rosolia e in caso che non esistano vaccini etici>. La ragione morale è che il dovere di evitare la cooperazione materiale passiva non obbliga se c’è grave incomodo < Nel caso Covid non c’è nessun grave incomodo>….

In sintesi, va riaffermato che:

Esiste il dovere grave di usare i vaccini alternativi e di invocare l’obiezione di coscienza riguardo a quelli che hanno problemi morali;
Per quanto riguarda i vaccini senza alternative < Ma per il Covid esistono alternative>, si deve ribadire sia il dovere di lottare perché ne vengano approntati altri…
La liceità dell'uso di questi vaccini (Derivati da aborti)non va interpretata come una dichiarazione di liceità della loro produzione, commercializzazione e uso, ma come una cooperazione materiale passiva e, in senso più debole e remoto, anche attiva, moralmente giustificata come extrema ratio in ragione del dovere di provvedere al bene dei propri figli e delle persone che vengono in contato con i figli (donne incinte)< Ma per il Covid esistono cure alternative e vaccini etici quindi non è una extrema ratio>

Alcune note di Marziale tratte dal Catechismo.

Catechismo 1867. “La tradizione catechistica ricorda pure che esistono « peccati che gridano verso il cielo “. Gridano verso il cielo: il sangue di Abele; il peccato dei Sodomiti; il lamento del popolo oppresso in Egitto; il lamento del forestiero, della vedova e dell'orfano; l'ingiustizia verso il salariato." < Il sangue di Abele è il sangue del bambino abortito>

Catechismo 1868 .Il peccato è un atto personale. Inoltre, abbiamo una responsabilità nei peccati commessi dagli altri, quando vi cooperiamo:

— prendendovi parte direttamente e volontariamente. < Chi si vaccina con mRna coopera al peccato>
— comandandoli, consigliandoli, lodandoli o approvandoli. < Chi consiglia ad altri di vaccinarsi con vaccini satanici coopera al peccato>
— non denunciandoli o non impedendoli, quando si è tenuti a farlo.< Chi sta zitto coopera al peccato>
— proteggendo coloro che commettono il male.

Catechismo 1857. Perché un peccato sia mortale si richiede che concorrano tre condizioni: « È peccato mortale quello che ha per oggetto una materia grave e che, inoltre, viene commesso con piena consapevolezza e deliberato consenso ».

Catechismo 1858. La materia grave è precisata dai dieci comandamenti, secondo la risposta di Gesù al giovane ricco: « Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non dire falsa testimonianza, non frodare, onora il padre e la madre » (Mc 10,19). La gravità dei peccati è più o meno grande: un omicidio è più grave di un furto. …

Catechismo 1859. Perché il peccato sia mortale deve anche essere commesso con piena consapevolezza e pieno consenso. Presuppone la conoscenza del carattere peccaminoso dell'atto, della sua opposizione alla Legge di Dio. Implica inoltre un consenso sufficientemente libero perché sia una scelta personale. L'ignoranza simulata e la durezza del cuore non diminuiscono il carattere volontario del peccato ma, anzi, lo accrescono. < Qui si parla di “ignoranza simulata”. Cioè di tutti i vaccinati che fanno finta di cadere dalle nuvole e di non sapere, vanno incontro a condanna maggiore.>

Catechismo 1860. L'ignoranza involontaria può attenuare se non annullare l'imputabilità di una colpa grave. Si presume però che nessuno ignori i principi della legge morale che sono iscritti nella coscienza di ogni uomo. Gli impulsi della sensibilità, le passioni possono ugualmente attenuare il carattere volontario e libero della colpa; come pure le pressioni esterne o le turbe patologiche. Il peccato commesso con malizia, per una scelta deliberata del male, è il più grave.

Catechismo 1861.Il peccato mortale è una possibilità radicale della libertà umana, come lo stesso amore. Ha come conseguenza la perdita della carità e la privazione della grazia santificante, cioè dello stato di grazia. Se non è riscattato dal pentimento e dal perdono di Dio, provoca l'esclusione dal regno di Cristo e la morte eterna dell'inferno; infatti la nostra libertà ha il potere di fare scelte definitive, irreversibili. Tuttavia, anche se possiamo giudicare che un atto è in sé una colpa grave, dobbiamo però lasciare il giudizio sulle persone alla giustizia e alla misericordia di Dio.
< Cioè: chi si vaccina, consapevole di vaccinarsi con mRna, ha perso lo stato di grazia ed è fuori dal regno di Cristo.>

Estrema sintesi di Marziale.

Afferma la Pontificia Academia di Benedetto XVI:”L’uso di vaccini la cui produzione è collegata all’aborto provocato costituisce almeno una cooperazione materiale passiva mediata remota all’aborto.”
Solamente nel caso non ci siano cure alternative si possono usare, come extrema ratio e provvisoriamente, vaccini con problemi morali. Ma cure alternative esistono, come ha ricordato l’amico Sergio Ferri, dunque il peccato permane. E chi fa finta di non saper accresce il suo peccato.

Inoltre, il peccato diviene mortale quando:
1. il suo oggetto deve essere una materia grave, precisata dai Dieci Comandamenti.
2. deve essere compiuto con piena consapevolezza.
3. deve essere compiuto con deliberato consenso.

Ora, chi si inietta il vaccino mRna conoscendo ciò che contiene pecca mortalmente,
infatti:
1.il suo oggetto deve essere una materia grave, precisata dai Dieci Comandamenti: l'omicidio
2. deve essere compiuto con piena consapevolezza: so che cosa contiene il vaccino.
3. deve essere compiuto con deliberato consenso: so che cosa contiene il vaccino e non me ne frega niente!

«Ignorantia legis neminem excusat», cioè «L'ignoranza della legge non discolpa nessuno».
Infatti:
Dio ha Scritto la Sua Volontà e sulle XII Tavole e sulle nostre coscienze.
Dunque:
Io non posso dire di non conoscere la Volontà di Dio che è comunque scritta nella mia coscienza, e se non la comprendo è perché ho volontariamente chiuso la bocca urlante della mia coscienza con i miei peccati.
Infatti Dio ci ha dato almeno cinque mezzi di aiuto:
1. La Scrittura, che ci insegna le cose che a Lui piacciono e quelle che a Lui dispiacciono.
2. La Chiesa cattolica.
3. Sua Madre, Maria Santissima.
4. Un angelo custode.
5. Una coscienza, che illumina l’anima creata da Dio, l’anima che ha visto il suo Creatore per un baleno di secondo e ne ricorda nel suo intimo i Voleri.

3.Congregazione per la Dottrina della Fede.
Istruzione “Dignitas personae”, 2008. Papa Giovanni Paolo II e Cardinal Ratzinger.(Sintesi)

Occorre ricordare innanzitutto che la stessa valutazione morale dell’aborto «è da applicare anche alle recenti forme di intervento sugli embrioni umani che, pur mirando a scopi in sé legittimi, ne comportano inevitabilmente l’uccisione. È il caso della sperimentazione sugli embrioni, in crescente espansione nel campo della ricerca biomedica e legalmente ammessa in alcuni Stati… L’uso degli embrioni o dei feti umani come oggetto di sperimentazione costituisce un delitto nei riguardi della loro dignità di esseri umani, che hanno diritto al medesimo rispetto dovuto al bambino già nato e ad ogni persona» . Queste forme di sperimentazione costituiscono sempre un disordine morale grave ( Infatti:come hanno fatto a sapere che i reni dei bambini hanno le migliori cellule per produrre i vaccini se non ammazzandone a migliaia?)

Una fattispecie diversa viene a configurarsi quando i ricercatori impiegano “materiale biologico” di origine illecita che è stato prodotto fuori dal loro centro di ricerca o che si trova in commercio. L’Istruzione Donum vitae ha formulato il principio generale che in questi casi deve essere osservato: «I cadaveri di embrioni o feti umani, volontariamente abortiti o non, devono essere rispettati come le spoglie degli altri esseri umani. In particolare non possono essere oggetto di mutilazioni o autopsie se la loro morte non è stata accertata e senza il consenso dei genitori o della madre. »
< Le case farmaceutiche che producono vaccini se ne fregano altamente di rispettare le spoglie o di non mutilare quei corpicini.>

4.Ed ecco quello che dice “Papa” Bergoglio.
Congregazione per la Dottrina della Fede. 2 Dicembre 2020. (Sintesi)

“In questi ultimi mesi, sono pervenute a questa Congregazione diverse richieste di un parere sull’uso di alcuni vaccini contro il virus SARS-CoV-2 che causa il Covid-19, sviluppati facendo ricorso, nel processo di ricerca e produzione, a linee cellulari che provengono da tessuti ottenuti da due aborti avvenuti nel secolo scorso.
< Queste sono le prime righe. Guardate come è furbo il Serpente: il secolo scorso! Solo due aborti! Come dire: ma ormai è passato tanto tempo che non è più un peccato. Poi afferma con decisione che si tratta solo di cellule di due bambini del secolo scorso e non di bambini ammazzati recentemente: e cosa ne sanno?>

1….

2. In questo senso, quando non sono disponibili vaccini contro il Covid-19 eticamente ineccepibili (ad esempio in Paesi dove non vengono messi a disposizione dei medici e dei pazienti vaccini senza problemi etici, o in cui la loro distribuzione è più difficile a causa di particolari condizioni di conservazione e trasporto, o quando si distribuiscono vari tipi di vaccino nello stesso Paese ma, da parte delle autorità sanitarie, non si permette ai cittadini la scelta del vaccino da farsi inoculare) è moralmente accettabile utilizzare i vaccini anti-Covid-19 che hanno usato linee cellulari provenienti da feti abortiti nel loro processo di ricerca e produzione.
< Qui il Serpente fa finta di non sapere che nelle nazioni occidentali sono vietati altri vaccini, quelli etici, perché ti vogliono obbligare ad iniettarti solamente quelli mRna, quelli satanici.
Nei paesi occidentali non c’è libertà di scelta tra i vaccini. In tutte le altre nazioni possono scegliere anche tra otto vaccini differenti.

Ma ci rendiamo conto della gravità delle parole:"
è moralmente accettabile utilizzare i vaccini anti-Covid-19 che hanno usato linee cellulari provenienti da feti abortiti nel loro processo di ricerca e produzione."
È stato necessario ammazzare 10.000 bambini nel processo di ricerca? Tutto bene!
È stato necessario ammazzare 9.000 bambini nel processo di produzione? Tutto bene!
La società di questi ultimi anni ha preparato il terreno facendo sì che un bambino nell'utero materno non sia ritenuto un individuo , un essere umano con un'anima, ma un prodotto senza alcuna identità:una cosa.
E Bergoglio aderisce completamente a questa aperta ribellione contro Dio.
Il Vaccino mRna è Satana che sibila tra le fronde del ramo fiorito:" Non è vero che è peccato: tu puoi !">


3. La ragione fondamentale per considerare moralmente lecito l'uso di questi vaccini è che il tipo di cooperazione al male (cooperazione materiale passiva) dell’aborto procurato da cui provengono le medesime linee cellulari, da parte di chi utilizza i vaccini che ne derivano, è remota. Il dovere morale di evitare tale cooperazione materiale passiva non è vincolante se vi è un grave pericolo, come la diffusione, altrimenti incontenibile, di un agente patogeno grave:in questo caso, la diffusione pandemica del virus SARS-CoV-2 che causa il Covid-19. è perciò da ritenere che in tale caso si possano usare tutte le vaccinazioni riconosciute come clinicamente sicure ed efficaci con coscienza certa che il ricorso a tali vaccini non significhi una cooperazione formale all’aborto dal quale derivano le cellule con cui i vaccini sono stati prodotti. É da sottolineare tuttavia che l’utilizzo moralmente lecito di questi tipi di vaccini, per le particolari condizioni che lo rendono tale, non può costituire in sé una legittimazione, anche indiretta, della pratica dell’aborto, e presuppone la contrarietà a questa pratica da parte di coloro che vi fanno ricorso.
< Qui il Serpente capovolge totalmente la Dottrina dei Papi GP II e B.XVI che dice: ”L’uso di vaccini la cui produzione è collegata all’aborto provocato costituisce almeno una cooperazione materiale passiva mediata remota all’aborto.”>

4. Infatti, l’uso lecito di tali vaccini non comporta e non deve comportare in alcun modo un'approvazione morale dell’utilizzo di linee cellulari procedenti da feti abortiti. < Certo, ci chiudiamo gli occhi e le orecchie. Facciamo finta di non capire! Facciamo i furbacchioni! Qui il Serpente si fa molto serio. Abbiamo visto che il Catechismo scrive:”L’ignoranza simulata e la durezza del cuore non diminuiscono il carattere volontario del peccato ma, anzi, lo accrescono. Tutti i vaccinati che fanno finta di cadere dalle nuvole e di non sapere, vanno incontro a condanna maggiore.>
Si chiede, quindi, sia alle aziende farmaceutiche che alle agenzie sanitarie governative, di produrre, approvare, distribuire e offrire vaccini eticamente accettabili che non creino problemi di coscienza, né a gli operatori sanitari, né ai vaccinandi stessi.< Ma già ci sono questi vaccini! Perché il Serpente non dice invece:”Permettete che anche in Occidente si usino i vaccini etici che già si usano in altre Nazioni! Perché volete dare solo quelli preparati, e forse anche coltivati, con bambini abortiti?Se non lo dice è perché ci vuole con lui all’Inferno.>

5. …

--------------------------------------------
È di tutta evidenza che chi si vaccina segue la chiesa bergogliana, e chi non si vaccina segue la Chiesa di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.
E che questo sia il tempo di Ap.13 lo dimostra il numero delle persone coinvolte: TUTTI.
Perché non è forse vero che TUTTI devono fare il "vaccino"?
Grandi , piccoli, bambini!

“Faceva sì che TUTTI, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio … e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio.” Ap.13

Ed ecco che si ripete la satanica profezia di Caifa nei riguardi di Gesù Cristo:"Non vi rendete conto che è conveniente per voi che un solo uomo muoia per il popolo, e non vada in rovina la nazione intera!" (Gv 11, 50).
Possiamo scrivere dunque""Non vi rendete conto che è conveniente per voi che bambini muoiano per il popolo, e non vada in rovina la nazione intera!" . Ma questo è satanismo.
Marzgiam
Molto ben argomentato il problema. Se solo si tenesse conto di quanto ha parlato il Magistero di Benedetto XVI sui valori non negoziabili della difesa della vita sin dal concepimento sino alla morte naturale per ben 8 anni di pontificato non staremo in queste condizioni. Grazie Marziale, ottimo lavoro!