Clicks702

Begli amici ha Bergoglio: abortisti per il clima.

Marco Tosatti
Cari amici e nemici di Stilum Curiae, Super Ex (ex di Avvenire, ex di Movimento per la Vita, ex di altre cose cattoliche che magari neanche ci immaginiamo, ma ancora, testardamente, contro venti, maree e mo, cattolico) ci ha inviato una riflessione interessante su papa Bergoglio e gli Stati Uniti. Dopo la simpatica uscita diplomatica sull’aereo che lo portava in Africa, c’è stato chi per dovere d’ufficio, ha cercato di ammorbidire i toni della battuta anti-Gringos del Pontefice. E, paradossalmente, aveva ragione. Mica tutti gli americani, stanno antipatici al Pontefice. Ce ne sono di quelli che gli stanno simpatici. E uno di questi è Bernie Sanders. Che ha delle belle idee, proprio. Quelle che in Cina hanno portato al disastro, e da cui Pechino cerca faticosamente di uscire. Ma Sanders, lo sappiamo, non ha il Marchio della Bestia, non è conservatore, non è tradizionalista ed è di sinistra. Insomma le ha tutte per piacere all’inquilino dell’attico di Santa Marta.


$$$
Rimaniamo agli americani, derisi con il solito tatto da Bergoglio. Non tutti, dicevamo. Bergoglio, infatti, è stato uno sponsor di Sanders contro Trump. Forse i lettori ricorderanno che Sanders fu accolto pubblicamente, durante le primarie americane, a casa Santa Marta. Così Repubblica: “16 aprile 2016 Bernie Sanders, candidato democratico alle Primarie Usa, ha incontrato Papa Francesco prima di ripartire per New York. Pochi minuti di colloquio – lo riferisce Abc News – prima che il Pontefice partisse per l’isola greca di Lesbo. “E’ stato un onore – ha detto il senatore del Vermont -. Penso che sia una delle figure straordinarie non solo del mondo attuale, ma della storia mondiale moderna”. L’incontro è avvenuto nella residenza papale di Santa Marta, dove Sanders e la moglie Jane risiedevano da venerdì scorso. Il candidato democratico ha partecipato in Vaticano a un incontro promosso dalla Pontificia Accademia delle Scienze Sociali”.
Fu un incontro lampo, è vero, ma costruito apposta per lanciare un segnale da parte di Bergoglio agli americani. L’uomo è fatto così: prima di elezioni in cui siano coinvolti i suoi pupilli, lancia endorsment evidenti. Forse qualcuno ricorderà che lo ha fatto anche con Conte, il 1 giugno di quest’anno: lo ha definito pubblicamente “uomo intelligente”, mettendolo evidentemente in contrapposizione a Salvini (vedi qui). Stava già preparando qualcosa?
Ebbene ora vediamo un attimo cosa pensa Sanders. Il suo ultimo messaggio ce lo riassume Tempi, una rivista vicina alla parte di Comunione e Liberazione che ha deciso di rimanere fedele a don Giussani e a Cristo, senza seguire le giravolte religiose e politiche di don Carron e del camaleonte Vittadini: per il clima, promuoviamo l’aborto! Sì, da tempo Greta, Sanders ecc. tornando a coniugare l’ambientalismo alla maniera dei nazisti, o dei radicali sostenitori del “rientro dolce”. Il clto dell’ambiente, della Dea Natura, diventa odio per l’uomo, chje inquina, sporca, mangia carne. Evviva, allora, l’aborto.
Una curiosità: forse il massimo diffusore del mito del “fungo dell’eplosione demografica”, fu, alla fine degli Sessanta, Aurelio Peccei, fondatore del Club di Roma.
Nella sua vita ebbe modo di passare anche per l’Argentina. Lo ricorda wikipedia: “Nel 1949 accettò di trasferirsi in America Latina per conto della Fiat, la quale intratteneva già relazioni commerciali con il Sud America che si erano interrotte, tuttavia, durante la guerra. Si stabilì in Argentina dove visse con la sua famiglia una decina di anni all’incirca. Grazie al suo ingegno capì le grandi potenzialità del luogo dove si trovava e riuscì ad aprire una filiale argentina della FIAT, la Fiat-Concord, che si occupava di produrre automobili e trattori. La filiale presto divenne una delle prime linee di produzione di grande successo in America Latina”.

Che Bergy abbia studiato, oltre che sui testi dei teologi della liberazione e della professoressa marxista, anche le idee di Peccei?
Forse sì, forse no, certamente l’ambientalismo di Greta e Sanders, che egli stima ed elogia, sono la riedizione delle sue appassionate requisitorie contro l’homo inquinans e i suoi presunti delitti!

apostatisidiventa.blogspot.com
Maurizio Muscas likes this.