Clicks1.1K
it.news
5

Auto condanna di Francesco: "Ci consideriamo giustificati nel giudicare gli altri con durezza"

Mentre parlava a Roma da Košice (Slovacchia), Francesco, che segrega e discrimina i Cattolici, ha condannato "segregazione" e "discriminazione" affermando che "nessuno andrebbe tenuto lontano dalla Chiesa".

“Non è facile lasciarsi dietro i pregiudizi, anche per i Cristiani, non è semplice valutare gli altri, specialmente se li vediamo come problemi o come nemici, accettiamo pregiudizi senza sforzarci di conoscere o di ascoltare le storie altrui" – ecco il suo riassunto involontario del Traditionis Custodes.

Francesco ha continuato parlando di sé: "Ci consideriamo giustificati quando siamo duri nel giudicare gli altri, indulgenti con noi stessi, ma inflessibili con gli altri. Quanto spesso giudichiamo in base ai pregiudizi? Quanto spesso ci riduciamo a etichettare?" È una tradizione consolidata che i papi dicano "noi" invece di "io".

Foto: Vatican Media, #newsHzxexpwrbr

N.S.dellaGuardia
Parlava del suo doppio, quello che ha fatto scrivere e poi firmato traditoris cust-odium. Quindi del suo ego cattivo, non di quello buono.
È convinto che quando lui morirà, sarà solo il suo ego cattivo ad andarsene all'inferno.
Dovremo chiamarlo cardinal smeagol-gollum d'orain poi...
Andrea Rossi
Il Signore ha già finito di separare il "grano" dalla "zizzania"
Seer3
Dopo questo video, i giornalisti non sono più presi così sul serio.
Members of the Vatican press corps await Francis’ arrival (and avoid f…
RICCARDO GIACHINO
Il Signore sta separando la zizzania dal Grano, tramite i Suoi Angeli. CSSML-NDSMD
Christoforus78
Questo mentre il governo sta trasformando il paese in un campo di detenzione. Vuoi lavorare, muoverti, incontrare gli altri. Siringati e si apriranno per te tutte le porte. Mai una parola dal Vaticano per i perseguitati, i reietti, anzi la lode dei carcerieri. È una grande prova per tutti ma ogni giorno è sempre più chiaro con chi si schierano quelli che dovrebbero essere i servi di Dio che si …More
Questo mentre il governo sta trasformando il paese in un campo di detenzione. Vuoi lavorare, muoverti, incontrare gli altri. Siringati e si apriranno per te tutte le porte. Mai una parola dal Vaticano per i perseguitati, i reietti, anzi la lode dei carcerieri. È una grande prova per tutti ma ogni giorno è sempre più chiaro con chi si schierano quelli che dovrebbero essere i servi di Dio che si sono fatti in gran parte servi di satana.