it.news
1856

Cosa cambia con l'abolizione della Summorum Pontificum? Nulla

Bergoglio non capisce la liturgia, per questo non gli interessa affatto, scrive Caminante-Wanderer.Blogspot.com (7 giugno).

Il blog spiega che Francesco non è capace di percepire la dimensione soprannaturale della Chiesa e il mistero espresso dalla liturgia: "Per lui, la Chiesa è un puro fattore di potere destinato, alla meglio, a mantenere un certo ordine sociale."

Di conseguenza, la liturgia è per lui un "lusso decadente e inutile" e una "perdita di tempo" non giustificata, mentre chi ama la liturgia deve necessariamente essere "malato" o "rigido"… in ogni caso "non normale."

Caminate dà una spiegazione interessante: "La situazione non cambierebbe affatto" se la Summorum Pontificum fosse limitata nel modo in cui è trapelato, gli istituti di vecchio rito non verrebbero toccati, solo i preti diocesani che avrebbero bisogno del permesso del vescovo "il che è già così."

Il blog spiega che "il potere di autorizzare o meno il Rito Romano, infatti, era sempre nelle mani del vescovo diocesano" perché l'autorità competente (l'ex Commissione Ecclesia Dei) non aveva il potere di costringere ad applicare la norma.

Foto: © Joseph Shaw, CC BY-NC-SA, #newsKngrfljzqa

Advocata shares this
4685
Francesco non è capace di percepire la dimensione soprannaturale della Chiesa e il mistero espresso dalla liturgia: "Per lui, la Chiesa è un puro fattore di potere destinato, alla meglio, a mantenere un certo ordine sociale."
N.S.dellaGuardia
Amara realtà.
Superbia ed ignoranza sempre a braccetto (e tanto peronismo mandato a memoria...)
lamprotes
"Francesco non è capace di percepire la dimensione soprannaturale della Chiesa e il mistero espresso dalla liturgia". Questo avviene solo quando la propria interiorità è COMPLETAMENTE ACCECATA, ossia quando la grazia non lavora più in una persona! Proprio per questi casi il Signore disse: "Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutti e due in un fosso?". Che i cattolici SAPPIANO …More
"Francesco non è capace di percepire la dimensione soprannaturale della Chiesa e il mistero espresso dalla liturgia". Questo avviene solo quando la propria interiorità è COMPLETAMENTE ACCECATA, ossia quando la grazia non lavora più in una persona! Proprio per questi casi il Signore disse: "Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutti e due in un fosso?". Che i cattolici SAPPIANO CHI li sta guidando!
Iosif Rachiteanu Rachiteanu
bergoglio NON crede in DIO ,questo è il suo problema.
lamprotes
La liturgia nel mondo Cattolico [modernista] è scivolata dalla celebrazione iconica del mistero, che comporta tutto un particolare ordine di rappresentazioni simboliche e rituali, alla spettacolarizzazione dello stesso come pura apparenza o fenomeno (ciò che sembra ma non è detto che sia). Già questo rappresenta un capovolgimento come lo fu, secoli prima, nel campo dell'arte sacra passando dalle …More
La liturgia nel mondo Cattolico [modernista] è scivolata dalla celebrazione iconica del mistero, che comporta tutto un particolare ordine di rappresentazioni simboliche e rituali, alla spettacolarizzazione dello stesso come pura apparenza o fenomeno (ciò che sembra ma non è detto che sia). Già questo rappresenta un capovolgimento come lo fu, secoli prima, nel campo dell'arte sacra passando dalle solenni, ieratiche e composte rappresentazioni artistiche sacre alla semplice arte religiosa che, spesso, metteva in mostra le estrosità o le capacità tecnico pittoriche dell'artista, oltre che la tendenza in voga al momento. La concessione della Chiesa alla percezione sentimentale o razionalistica si è così fatta sempre più spazio fino al punto in cui lo stesso rito ne è stato coinvolto, spazzando via quello tradizionale che, giustamente, rappresenta tutto un altro modo di percepire e celebrare. Bergoglio si situa proprio alla fine di questo cammino e lo estremizza con lo stile che gli è proprio. Per questo in un quadro liturgico che gli ricorda quello tradizionale lo si ravvisa sempre MOLTO A DISAGIO.